15.12.14

Barça II: la vendetta?

Leo Messi e Sergio El Kun Aguero

Txiki Begiristain è convinto che il City possa passare il turno e raggiungere i quarti di finale di Champions League per la prima volta nella storia. Il Director of Football del nostro club è convinto che le vittorie contro Bayern Monaco e AS Roma abbiano aumentato molto l'autostima dei giocatori.
Txiki ha anche aggiunto che l'anno prossimo non tornerà a Nyon: il City continua ad affrontare i soliti avversari!

"E' incredibile, che ci torno a fare l'anno prossimo! Ogni avversario nei sorteggi è praticamente quello dello scorso anno, vediamo cosa accadrà. Abbiamo molta fiducia dopo le ultime vittorie, i giocatori lavoreranno duramente per arrivare in forma nel momento decisivo. Abbiamo migliorato la nostra rosa rispetto allo scorso anno ed abbiamo molta qualità. Sarà emozionante ma anche molto difficile. Per me un'altra occasione per visitare la mia famiglia ed i miei amici, sia nel club che fuori".

Ecco due parole di Andoni Zubizarreta per il Barça:

"E' lo stesso sorteggio della scorsa stagione, sarà molto difficile. Anche Luis Enrique ha spiegato che il City era una delle squadre da evitare. Tutto può accadere, loro hanno una gran bella rosa di calciatori. Sappiamo tutto di loro. Hanno giocato ad alti livelli e sarà dura per noi. Due grandi squadre con giocatori fantastici".

Al di là delle dichiarazioni solite, ancora una volta peschiamo nel mazzo uno degli avversari più forti. Un mio caro amico mi ha scritto oggi questo sms: "Comincio a pensare che le palline del City siano riscaldate e truccate, che schifo".

Sottolineo che l'amico è super tifoso del Liverpool; da tempo io credo che i nostri sorteggi non siano sempre casuali, magari mi sbaglio.  

Il Barça è uno squadrone ma non mi pare al livello delle scorse stagioni. Già nella primavera scorsa non mi fece una grande impressione, nonostante un agevole passaggio del turno.

Il City dovrà affrontare il turno senza alcuna paura, provando a giocare al meglio delle proprie possibilità. Molto dipenderà da quali giocatori potremo schierare. Sognare non costa nulla! Mal che vada, ci dedicheremo alla Premier…che ne dite?

City v Barca: replay


Il sorteggio di questa mattina ci porta in dote il FC Barcelona per la seconda volta consecutiva. Sarà un replay degli ottavi di finale della scorsa stagione (finita male, 1-4 in totale).
I blues giocheranno in casa la partita di andata il 17/18 o 24/25 febbraio e faranno visita ai blaugrana il 10/11 o 17/18 marzo 2015.
Aggiornamento: confermate le date: 24 febbraio ad Etihad, 18 marzo al Camp Nou.


13.12.14

BPL 16 Leicester 0-1 City


Leicester: Hamer, Simpson, Wasilewski, Morgan, Konchesky, Mahrez, King, Cambiasso, Drinkwater (Knockaert 79), Schlupp (Ulloa 64), Vardy (Powell 73)
City: Hart, Sagna, Kompany (Demichelis 77), Mangala, Clichy, Fernando, Toure, Silva, Nasri, Lampard (Milner 60), Pozo (Navas 74).
Reti: Lampard 40
Arbitro: J Moss
Stadio: King Power Stadium
Spettatori: 31,643

Il City ha vinto oggi pomeriggio a Leicester (1-0) grazie al goal numero 175 del grande Frankie Lampard. Il centrocampista inglese ha oggi addirittura eguagliato il record di reti di Thierry Henry! 

Con i tre punti di oggi, i blues mantengono il passo del Chelsea (vittorioso sull'Hull City a Stamford Bridge) e possono continuare la propria rincorsa. I ragazzi di Manuel Pellegrini hanno vinto la settima partita consecutiva, allungando il proprio stato di grazia in trasferta. Un altro dato interessante è relativo alla difesa: solo 14 reti subite, una sola in più del Chelsea e del Southampton.

Purtroppo non ci sono solo buone notizie: Vincent Kompany è uscito di nuovo per infortunio ad un quarto d'ora dalla fine, Edin Dzeko si è fermato nel riscaldamento dopo esser stato annunciato in formazione, Stevan Jovetic non è stato convocato. Pellegrini ha schierato Pozo: credo che il giovane spagnolo sarà impiegato molto in questo periodo festivo.

Sono fiero dei nostri ragazzi: sono partite così, vinte con grande difficoltà e senza brillare, che ti tengono in lotta…


12.12.14

The Foxes versus The Champions


Leicester v City
Barclays Premier League, Matchday 16
Data: 13.12.2014
Ora italiana: 16.00
Arbitro: J Moss
Stadio: King Power Stadium

Siamo ancora assaporando la gioia per la vittoria dell'Olimpico e già dobbiamo tornare con i piedi per terra: domani il City gioca a Leicester la partita numero 16 di Premier League. L'obiettivo è chiaro: continuare a vincere per accumulare punti ed inseguire il Chelsea.

La gara è fondamentale per mantenere uno stato mentale quasi euforico: i blues hanno vinto le ultime sei partite ufficiali ed hanno davanti un calendario non proibitivo di qui a Natale.

Vincent Kompany è disponibile per domani dopo aver saltato le ultime tre gare. Il nostro amato Capitano era disponibile - in teoria - anche per Roma ma ha fallito l'ultimo provino a poche ore dalla gara. Pellegrini ha confermato la piena disponibilità del belga:

"Vincent è pronto e non avrà problemi per domani. Anche David Silva potrebbe essere della partita visto che non ha sofferto dolori nei trenta minuti giocati in coppa".

E' molto positivo il rientro di Kompany. Nonostante l'ottima prova di Mangala e Demichelis a Roma, abbiamo dato all'inizio troppo spazio ai giallorossi, soprattutto a Gervinho sulle fasce. La squadra ha dimostrato in varie occasioni la propria capacità di ribaltare le situazioni ma avere una difesa solida aiuta a vincere le partite senza dover rimontare. Probabilmente il Capitano prenderà il posto di Martin ma non sono così sicuro.

E' probabile che il Leicester inizierà pressando a tutto campo, sperando di trovare un City stanco dopo le fatiche europee: è importantissimo che Pellegrini scelga gli uomini giusti in funzione dei novanta minuti. Sergio Aguero a parte (sempre sia lodato), credo siano tutti disponibili, pur con qualche acciacco.


Gli altri attaccanti in rosa dovranno fare gli straordinari durante il periodo natalizio: Edin Dzeko è tornato a pieno regime e dovrà garantire i goal che El Kun non potrà segnare. Lo scorso anno, nel momento decisivo della stagione, fu proprio il bosniaco a trascinarci al titolo con i suoi goal. Dobbiamo avere pazienza perchè la sua condizione non è ottimale ma già a Roma si è mosso bene. Segnare domani sarebbe un ottimo modo per riprendere mira e fiducia.

Il pericolo numero uno è senza dubbio Leonardo Ulloa, autore di cinque reti nelle prime cinque gare di campionato. Dopo qualche settimana di difficoltà, domenica scorsa ha siglato una rete contro l'Aston Villa. Memorabile la sua prestazione contro i cugini di campagna in settembre: quel giorno le Volpi ci regalarono una manita indimenticabile. Il Leicester non vince proprio da settembre e proverà a batterci. Vediamo di non farci trovare impreparati.

Attendiamo i pronostici di Prediction League!!!



PS. Il nostro super inviato Diggio92 ha mandato varie foto della sua scampagnata a Formello: ecco qualche chicca. Purtroppo non si vede Samir "Sia Benedetto il tuo nome" Nasri ma è stato bravo lo stesso! 




11.12.14

Tu chiamale, se vuoi, Emozioni...






UCL 6 - AS Roma 0-2 City


AS Roma: De Sanctis, Maicon (Florenzi 79), Manolas, Yanga-Mbiwa, Holebas, Keita, Nainggolan, Pjanic, Gervinho, Liajic (Iturbe 67), Totti (Destro 71).
City: Hart, Zabaleta, Demichelis, Mangala, Clichy, Fernando, Fernandinho, Navas (Silva 67), Milner, Nasri (Kolarov 89), Dzeko (Jovetic 78).
Reti: Nasri 60, Zabaleta 86.
Arbitro: M. Mazic
Stadio: Olimpico di Roma
Spettatori: 70.000

Il City ci ha regalato ieri sera una gioia incredibile, vincendo all'Olimpico la partita decisiva per il passaggio del turno. Dopo mille delusioni, la squadra ha riservato per questa grande occasione una rara prestazione di maturità ed autorevolezza.



Lode e Gloria a Samir Nasri, autore di una rete meravigliosa al minuto 60. Lode e Gloria a Pablo Zabaleta che ha chiuso la contesa a cinque minuti dal termine.


Lode e Gloria a tutti i ragazzi in campo per la prova di carattere e tenacia, sin qui sempre mancanti nelle uscite europee.



Lode e Gloria anche - faccio mea culpa - per Manuel Pellegrini capace ieri sera di dirigere alla perfezione l'orchestra, scegliendo perfettamente uomini e tattica.

Abbiamo vinto la partita decisiva senza i nostri quattro uomini migliori.

Alcuni di noi sono stati allo stadio: chi (Kuspide) è stato previdente e a settembre si è fatto 45 minuti di fila allo store della Roma, chi (il sottoscritto e Noodles) hanno avuto un regalo di Natale dal CONI (mio fratello è riuscito ad intercettare incredibilmente tre biglietti all'ultimo momento). 
La nostra Felicità è rimasta in silenzio ieri sera, oggi possiamo invece gridarla al mondo.



Grazie ragazzi, grazie gladiatori.


9.12.14

Game over?


AS Roma v City
Champions League, Day 6
Data: 10.12.2014
Ora italiana: 20.45
Stadio: Olimpico

UPDATE 20.45

Manuel Pellegrini ha aggiornato la situazione del Kun nella conferenza stampa pre-partita.

"Il giocatore ha fatto gli esami e non è semplice stabilire con esattezza i tempi di recupero. Potrebbe essere un periodo di quattro, cinque o sei settimane, dipende dalla sua reazione".

E' difficile stabilirlo in Inghilterra ed in particolare a Manchester, sponda blue. Ogni volta sui nostri infortunati c'è un alone di mistero inspiegabile.

Buon recupero, Sergio!

/

Domani all’Olimpico giocheremo la partita dell’anno, l’incontro che può dare un senso alla nostra stagione, il match che sta tra il fallimento e la possibilità di affermarsi in Europa. Il Kun, sempre sia lodato, sarà assente come il ritrovato Yaya, squalificato, mentre Capitan Kompany, Merlino Silva e Jovetic sono in dubbio anche se sono usciti dall’infermeria e hanno ripreso gli allenamenti. La situazione del girone è intricatissima, con il Bayern già matematicamente primo e City, Roma e CSKA tutte a 5 punti. Questa è la situazione, tenuto conto che in caso di arrivo a pari punti valgono prima i punti negli scontri diretti, poi la differenza reti negli scontri diretti e infine la differenza reti nel girone. Se le due ultime partite del gruppo finiranno col risultato di parità, i Citizens saranno eliminati. In caso di vittoria del City contro i giallorossi, abbiamo bisogno che il CSKA non batta il Bayern per passare il turno. In caso di sconfitta del CSKA a Monaco dovremmo almeno pareggiare segnando un goal all’Olimpico e saremmo agli ottavi. Seguiremo quindi entrambi i match e incroceremo le dita. Personalmente non sono molto fiducioso ma abbiamo il dovere di sperare che i nostri per una volta in Europa tirino fuori gli attributi.

Nella Roma Nainggolan e Keita dovrebbero prendere il posto di De Rossi e Strootman e Totti e Gervinho sembrano favoriti su Destro e Iturbe.

Queste le probabili formazioni:
ROMA: De Sanctis, Maicon, Astori, Manolas, Cole, Pjanic, Keita, Nainggolan, Gervinho, Totti, Ljajic
CITY: Hart; Zabaleta, Demichelis, Mangala, Clichy, Navas, Fernando, Lampard, Milner, Nasri, Dzeko

Così ha parlato Manuel: “L’unica cosa che dobbiamo fare è vincere. Sappiamo che battere il Bayern è stato solo il primo passo ora dobbiamo fare quello successivo. La roma è nella nostra stessa situazione.”

Così Garcia: “Non abbiamo scelta, dobbiamo giocare per vincere: solo un successo ci consente di essere padroni del nostro destino, perché non sappiamo cosa farà il Cska Mosca contro il Bayern Monaco, che è già qualificato e potrebbe perdere la seconda partita consecutiva.“

Domani sapremo…


8.12.14

Welcome to the City Football Academy

"Se guardo a ciò che eravamo e a ciò che siamo ora…questa è Utopia" 
Bernard Halford, Life President MCFC


Oggi è una giornata meravigliosa per il Manchester City Football Club: grazie alla volontà del nostro amato Sua Altezza Sheikh Mansour, è nata la City Football Academy.
La nuova base per lo sviluppo del settore giovanile è stata inaugurata in presenza dell'ex capitano e manager Tony Book.


Il complesso, sorto accanto ad Etihad Stadium e parte dell'Etihad Campus, è un autentico capolavoro che riassume, senza bisogno di tante parole, gli obiettivi reali della nostra società. Ecco il Presidente Khaldoon:

"Se guardo indietro all'autunno del 2008, nel momento dell'acquisizione del club, Sua Altezza Sheikh Mansour bin Zayed Al Nahyan stabilì chiaramente la sua idea sul futuro del Manchester City Football Club. Egli promise di portare successi in campo e di far crescere giovani talenti, mai dimenticando l'importanza di radicare questo sviluppo alla comunità locale. L'idea maestra era quella di coniugare successi, vittorie e sostenibilità. La voglia di educare giovani calciatori dentro e fuori dal campo in un contesto con le migliori strutture ed i migliori allenatori/educatori andava di pari passo con la necessità di riqualificare la zona della città sia dal punto di vista economico che dal punto di vista ambientale. Oggi si chiude una pagina lunga sei anni di ricerca, sviluppo e realizzazione che ha coinvolto tantissime persone e segna l'inizio di una responsabilità: quella di raggiungere gli obiettivi con le opportunità che questa Academy porta con sé".



La City Football Academy sarà la casa di tutte le squadre del Manchester City, di tutte le età, sia maschili che femminili. 2/3 dei campi saranno dedicati alla cura dei giovani talenti e l'intero sviluppo sarà supportato da importanti strutture, servizi medici, alloggi.

Qualche numero:

16 campi da gioco di cui 12 per il settore giovanile;
7.000 la capacità dell'Academy Stadium in cui giocherà la Elite Development Squad e il MCWFC;
450+ giocatori svolgeranno qui la propria attività, dall'Under 6 alla prima squadra;
75% dei giocatori sarà di origine locale (Manchester e Greater Manchester).

Ecco il bellissimo video di presentazione: guardatelo!





PS. C'è anche questa foto nel CFA: avanti Idolo, riprenditi!



Manchester City Football Club: "quelli che poi lo Sceicco si stanca e tornate nelle serie inferiori"


7.12.14

Bollettino medico argentino


Mentre dall'Inghilterra non trapela nulla, dall'Argentina arrivano voci che, se confermate, sarebbero una benedizione. Come scritto da un attentissimo blogger - Diggio92 - il sito di Ole, una sorta di Gazzetta nella terra albiceleste, ci riporta quanto segue:

"Alla fine, la lesione per Sergio Aguero è uno stiramento del legamento laterale interno del ginocchio sinistro e non una rottura come si temeva. In questo modo, l'attaccante argentino resterà fuori solo 30 giorni".

Incrociamo le dita e speriamo sia vero.