20.8.08

FORZA E CORAGGIO

Sono passati tre giorni dalla sconfitta a Birmingham e dopo aver letto articoli, commenti ed impressioni mi va di fare alcune considerazioni. Provo a dividere i discorsi riguardanti la società da quelli più prettamente tecnici anche se in realtà tutto è collegato.

La società
. Inutile nasconderlo, siamo in acque agitate. Thaksin era probabilmente convinto che un processo svoltosi in Thailandia sotto l'egida politica di uno dei suoi uomini (ora Premier, il nome non lo ricordo) potesse facilmente risolversi bene ed in fretta. Il congelamento dei suoi beni è cosa relativamente vecchia (qualche mese) ed oggi, dato lo sviluppo del processo che ha portato alla condanna della moglie ed alla sua fuga da Bangkok, le possibilità che i soldi vengano "scongelati" per investire sulla squadra sono nulle. In più, Dr. T non ha volutamente rilasciato alcuna dichiarazione sul club, limitandosi a demandare a Cook l'impellenza di ribadire il suo impegno in una visione decennale. Non mi avventuro, come detto tempo fa, in commenti sull'onorabilità del personaggio pur sottolineando che forse il Fit and Proper Person Test a cui vuole sottoporlo la Premier League non sarebbe superato dal 90% dei dirigenti calcistici europei. Non è, come ovvio, né una consolazione né tanto meno una scusante. Voglio però andare al cuore del nostro problema, della nostra squadra. Soldi non ce ne sono. O meglio, non ci sono i soldi che speravamo. Cook ha chiesto ed ottenuto un prestito di 30 milioni di sterline come acconto sui proventi dei diritti televisivi per poter andare sul mercato e completare la rosa. Quindi Hughes ha qualche possibilità di manovra. Ma i sogni di grandezza sul mercato di qualche settimana fa sono, nel migliore dei casi, da rimandare. Non condivido le critiche rivolte dall'ambiente a Garry Cook, descritto spesso come un idiota. In una situazione del genere, un Chief Executive obbedisce alle direttive di quel poco che resta del board e non ha margini di manovra. Assolto per non aver commesso il fatto.

La squadra:
Mark Hughes in campo ha problemi oggettivi da risolvere. Primo: la rosa è incompleta. Si ragionava qualche settimana fa e si diceva che come minimo, per essere competitivi, servono un terzino sinistro, un'ala destra, un forte centrocampista ed una punta. A maggior ragione ora dopo tutti gli infortuni agli attaccanti e le prime scoppole rimediate in Uefa ed in Premiership. Ora che il Brasile è stato eliminato aspettiamo più che mai il rientro di Jo ma non possiamo far conto solo su di lui. Servono acquisti, speriamo di farli. Da Sparky però mi aspetto che dia il suo carattere alla squadra, composta forse di qualche ottimo talento ma non certo abbondante di grinta, carattere e cattiveria. Domenica ospitiamo il West Ham United. Imperativo categorico: vincere.

5 commenti:

Arsenal passion by ToscanArsenal(Francio) ha detto...

ciao,Dario.
è con piacere che osservo il tuo layout a 3 colonne...adesso avrai un bel pò di spazio da riempire!
Sul city:credo che la disfatta del Villa Park sia stata una conseguenza diretta della lista degli infortunati,tra i quali compare ancora Valery(per me ci sono sospetti di preparazione atletica eccessiva su quello che ai tempi italiani era un ragazzino)per il resto c'e solo da attendere che si svuoti l'infermeria e ripartire come sempre dal COMS!

Blue ha detto...

Complimenti per il nuovo layout.
Io credo che il City quest'anno può al massimo apirare ad un campionato tranquillo. Stiamo a vedere... Del resto le difficoltà non ci hanno mai spaventato. Mica ci piace la vita facile dell'altra parte della città!

CITY CLUB ITALIA ha detto...

Ciao ragazzi.
Credo e spero che a ranghi completi potremo aspirare ad entrare in Coppa Uefa, magari con la spinta determinante di un manager nuovo e tosto come Sparky. Speriamo bene!

Kuspide ha detto...

Ragazzi, per quella che è la situazione al momento, mi sembra di percepire un grande ottimismo. Il che mi fa piacere ma ho paura che ci sia invece da preoccuparsi...
La società è nel caos, la presidenza ha altro a cui pensare, le voci di dimissioni (anche del mister) si susseguono a smentite varie.... in questo clima ancora molto incerto ma tendente al brutto sarà davvero difficile ingaggiare qualcuno di serio, e forse sarà difficile tenere in squadra tutti!
I giocatori avvertono la situazione, le prestazioni in campo ne sono una prova tangibile, e giocare non sapendo che ne sarà del proprio futuro e del proprio stipendio potrebbe essere il problema maggiore da risolvere per Sparkey.
Per quella che è la situazione attuale, penso che sarà un buon risultato passare l'anno indenni, senza troppi patemi e senza essere invischiati nella lotta di fondo.
Staremo a vedere...

Complimenti per il nuovo layout!!

Ramo ha detto...

Scusa kuspide ma a 11 giorni da questo post, il city arriva da 3 nuovi aquisti, per esempio wright fhillips(doppietta all' esordio o meglio, al ritorno con la maglia del city..) da due vittorie consecutive per 3 a 0 sia in casa che in trasferta, dal passaggio in coppa uefa e dal nuovo acquisto del club a una società araba ke detiene il 10% di petrolio nel mondo = MOLTI SOLDINI.. Si pensa all' acquisto di berbatov e non solo.. Quindi pensare di passare l' anno indenni cercando di non finire nella zona bassa della classifica, adesso come adesso mi fa proprio ridere... ^^ Ciao davide..