14.9.08

TROPPO CHELSEA, PER ORA

Finalmente il mio socio Matteo si è destato: troppo impegnato a navigare in rete per aggiornarmi e darmi le breaking news sugli arabi e sulla loro volontà di potenza, negli ultimi dieci giorni non ha avuto certo il tempo di scrivere articoli sulle questioni di campo. Ora che tutto si è più o meno calmato, eccolo in pole-position per contribuire ad allargare la nostra discussione. Era ora, visto che l'idea del blog è assolutamente di entrambi. Vediamo ciò che pensa sulla partita contro il Chelsea.

Per non perdere contro il Chelsea mi affidavo soprattutto alla cabala. Infatti da quando siamo tornati in Premier, su 12 incontri disputati contro i Blues, 11 erano state le sconfitte ed una sola la vittoria (stagione 2004-05). Ma con tutto quello che di meraviglioso ci è capitato negli ultimi giorni, una sorta di contraccolpo psicologico era da mettere in conto. Premesso che la causa principale della sconfitta odierna sta nel fatto che, una squadra già di per sé più forte di noi ha disputato una grande partita, dico anche che il nostro spregiudicato atteggiamento tattico ha facilitato loro il compito. Un po’ più di accortezza non sarebbe guastata, considerando le troppe novità/incognite schierate in campo. Quali? Robinho e Zabaleta al debutto, Jo e SWP al quasi debutto, i sudamericani rientrati solo ieri pomeriggio dalle fatiche internazionali ed un ambiente in totale e giusta fibrillazione. Già nel primo tempo si è potuto vedere la supremazia a centrocampo dei Blues vanamente contrastato da Kompany e da un Hamann molto meno incisivo di quello visto nella prima parte della scorsa stagione. Sempre in difficoltà il nostro centrocampo, che certamente avrebbe tratto beneficio ed equilibrio dalla presenza di Gelson, a discapito di uno dei tre trequartisti. Una serena critica a Mark Hughes, probabilmente coinvolto dall’euforia generale. Ci può stare, nessun problema. Se poi aggiungiamo un Micah Richards ancora lontano dalla migliore condizione, un Dunne che di conseguenza diventa un mediocre centrale ed uno Zabaleta che ha pagato per intero lo scotto del debutto e dei diversi ritmi esistenti tra Liga e Premier, ecco ampiamente spiegati i motivi di una chiara ed inevitabile sconfitta. Decisamente insufficiente l’arbitraggio con i suoi collaboratori. Convalidato al Chelsea un gol in fuorigioco, negato ad Anelka un chiaro rigore, espulso senza senso John Terry reo di aver commesso fallo da ultimo uomo, quando ultimo uomo non lo era affatto. Ora però archiviamo immediatamente e serenissimamente questa sconfitta e, pagato lo scotto del “Siamo diventati la squadra più ricca del mondo e ancora non ce ne rendiamo conto”, (ri) partiamo. Perché, sarà pure una frase fatta, ma sono assolutamente convinto che la stagione 2008-09 del City comincia ora. Troppe cose (meravigliose) sono accadute ultimamente per concentrarsi solo sui risultati del campo. E si (ri) parte da una classifica in Premier più che discreta, e con le 3 Coppe tutte da giocare. Organico eccellente, soluzioni tattiche infinite per l’attacco, un po’ meno per il centrocampo. Da oggi il pensiero fisso di società, squadra e tifosi deve essere solo e soltanto rivolto agli obiettivi da raggiungere sul campo con gioco e risultati. Stop ai rumours di mercato, ai giocatori da acquistare, alle vagonate di sterline da spendere. Stop alle parole, via ai fatti.

HART 6 Nessuna prodezza, ma nemmeno colpe sui gol.
ZABALETA 5 Svarioni e confusione. Non è certo questo il neo campione olimpico.
DUNNE 5 Senza il miglior Micah è un costante incubo. In occasione del terzo gol, Anelka gli mangia tre metri in un baleno e fulmina Hart.
RICHARDS 6 Attendo con ansia il Micah della passata stagione prima dell’infortunio.
BALL 6 Al momento non è certo lui il problema.
KOMPANY 6 Spesso in affanno, ma senza particolari colpe. Il centrocampo del Chelsea è troppo più compatto.
HAMANN 5,5 Spero di ritrovare al più presto quello straordinario ruba-palloni della stagione scorsa.
SWP 6,5 Buona partita, disorienta spesso i suoi ex compagni con repentini cambi di velocità.
IRELAND 6,5 Un passo indietro rispetto alle ultime prestazioni, ma oggi l’avversario era tremendamente più consistente.
ROBINHO 6,5 Che emozione vederlo con la nostra maglia, che emozione il suo gol. Credo che ci farà divertire tanto tanto.
JO 6 E’ un bel giocatore, molto tecnico nonostante la sua stazza. Non so se farà tanti gol però. La sua caratteristica di svariare a destra e a sinistra lo sfianca riducendone la lucidità sotto porta.

4 commenti:

Kuspide ha detto...

STAMPA SPAGNOLA: RONALDO E' DEL CITY
Secondo il "Mundo Deportivo", Ronaldo ha accettato la proposta del Manchester City, che lo ingaggerà durante il mercato di gennaio. Il contratto, secondo il quotidiano, avrà la durata di un anno e prevede un ingaggio veramente da Fenomeno: 9 milioni di euro, cifra superiore anche a quella percepita da Robinho.

Ma ci serve?

Blue ha detto...

Confermato.

Un pezzo di Brasile si traferisce a Manchester, sponda City. Dopo gli arrivi di Jô e Robinho in estate, la già nutrita colonia di brasiliani, che comprende anche Glauber Berti ed Elano, verrà resa ancora più folta dal clamoroso arrivo di Ronaldo alla corte di Hughes. Stando a quanto riferito dal 'Jornal dos Sports', il Fenomeno avrebbe infatti raggiunto un accordo con il Manchester City la scorsa settimana, dopo un incontro con Carlos Roberto, rappresentante della società inglese in Brasile. Il brasiliano firmerà un contratto annuale, con opzione per il secondo, da 9 milioni di euro a stagione, cifra che gli consentirà di scalzare il connazionale Robinho dalla vetta dei giocatori più pagati dal nuovo proprietario Souleiman Al-Fahim. Davvero un bel colpo per l'ex giocatore di Inter e Milan.

ESPERIA ha detto...

Il socio Matteo? Ma chi Fasul? Era impegnato a gufare la nazionale di basket! Detto questo, spiace per la partita con il Chelsea, veramente. Chi scrive non sopporta Scolari per cui è ovvio da che parte stavo. Finalmente i miei Reds hanno battuto lo United, soddisfazione mica da poco! Attendo sempre che Keane inizi a ripagare della spesa (inutile). Spero che con il City Ronnie torni almeno la metà di quello che era, sarebbe un grande spettacolo! ma sta bene?

CITY CLUB ITALIA ha detto...

Fortunatamente pare che sia tutto falso. Un portavoce presente ieri sera ad una riunione di club ha assolutamente smentito! Certo, a Ronaldo piacerebbe molto giocare e percepire lo stipendio nel City ma a noi un po' meno. Speriamo proprio che resti dov'è. Sarebbe un errore imperdonabile. Comunque grazie per le vostre "chicche" di mercato: siete sempre sulla notizia! Mitici!