5.11.10

MANCIO DIXIT

Dite che il manager è sotto pressione? Oggi la stampa parla di possibile esonero, i bookmaker hanno già cominciato a quotare il cambio di panchina e il tecnico jesino puntualizza che non si dimetterà. Non ho visto la partita e quindi mi fido totalmente di ciò che scrive - amaramente - Gianfranco. Però mi chiedo: quando una squadra con così tanti buoni giocatori si fa asfaltare dalla terzultima forza del calcio polacco è davvero un problema di scelte o un problema tattico? Vogliamo pensare che Mancini sia completamente uscito di testa e che non sappia la differenza tra un difensore ed un attaccante? Forse le sue scelte tattiche del momento sono coerenti con lo stato di fatto dello spogliatoio, della voglia dei giocatori, della loro professionalità. Poi occorrebbe che lui ed i dirigenti prendessero provvedimenti per sanare una situazione al momento inconcepibile. Prima della gara con l'Arsenal avevo tracciato un primo piccolo bilancio di stagione. Le cose andavano bene, in linea con i programmi. Nessuno di noi pensava di poter vincere 30 partite consecutive o titoli a raffica in modo automatico. Ma possiamo pretendere di più, soprattutto dal punto di vista della grinta, dell'impegno e della voglia? Faccio notare che dopo la sconfitta contro l'Arsenal molti hanno applaudito alla prestazione della squadra, nonostante il risultato. Ma poi Wolves e Lech Poznan? Praticamente la squadra si è rifuitata di giocare!
Roberto Mancini ha detto che "è chiaro che non mi dimetterò ed andrò via solo se mi esonerano. Ho un buon rapporto con il Presidente Khaldoon Al Mubarak ed anche con Mansour. In questo momento ci gira tutto storto e siamo sfortunati..non avremmo meritato di perdere. abbiamo giocato una buona partita".
Capisco che non possa dire molto altro ma diamine...parlare di sfortuna e di bel gioco dopo due sconfitte così...


Nessun commento: