30.12.10

DZEKO UPDATE

Sta arrivando gennaio, il mese del mercato d'inverno e Cioccio torna in pista con le sue indiscrezioni raccolte in giro per il web. Particolare plauso a lui, dato che ha "lavorato" durante le sue meritate vacanze spagnole. Cioccio quindi ci dà qualche aggiornamento sulla trattativa che dovrebbe portare Edin Dzeko a casa nostra...

Edin Dzeko al Manchester City, l'affare è fatto. Almeno secondo la Bild. Il quotidiano tedesco annuncia la conclusione della trattativa che porterà il 24enne centravanti bosniaco dal Wolfsburg alla corte di Roberto Mancini. La Bild fornisce le cifre della trattativa destinata a stabilire un record per la Bundesliga grazie alla generosità dello sceicco Mansour bin Zayed Al Nahyan, proprietario del City. Il Wolfsburg incasserà subito 30 milioni di euro e altri 5 in caso di qualificazione dei citizens alla prossima Champions League. L'annuncio dovrebbe arrivare entro il 5 gennaio: Dzeko, quindi, dovrebbe essere a disposizione della sua nuova squadra per la fondamentale sfida di campionato sul campo dell'Arsenal. Il Wolfsburg, attraverso le parole del general manager Dieter Hoeness, ufficialmente fa melina. "Fino alla fine del mercato di gennaio -dice- ci saranno ogni giorno nuove voci. Non ci facciamo coinvolgere e non commentiamo"

Intanto Roberto Mancini pregusta l'arrivo di Edin Dzeko al Manchester City. Stando alle dichiarazioni dell'allenatore dei Citizens riportate dal Daily Mail, l'ufficializzazione del bomber bosniaco è ormai solo questione di ore. "Quest'anno abbiamo la chance di vincere la Premier e il fattore decisivo per riuscirci potrebbe essere Edin Dzeko, è il giocatore che può decidere il campionato ed è per questo che lo vogliamo". L'offerta di 35 milioni di euro sembra aver schiantato il muro eretto dal Wolfsburg intorno al giocatore, e battuto definitivamente la concorrenza di Juventus e Real Madrid.

Cosa dicono a Torino intanto? Qual è la posizione della stampa italiana in riferimento alle mosse della nostra più accreditata rivale per l'acquisto del bomber bosniaco? Sentiamo Tuttosport...

Torino, 30 dicembre - Sono ore decisive per il destino calcistico di Edin Dzeko. L’offensiva del Manchester City è in atto da giorni e potrebbe in effetti concludersi da un momento all’altro. La forza economica degli sceicchi, che hanno offerto al centravanti bosniaco 5 milioni di sterline a stagione più ricchi bonus, sommata alla possibilità di effettuare immediatamente il tesseramento hanno spostato l’inerzia della trattativa nella direzione auspicata da Roberto Mancini. Beppe Marotta però non è stato ad assistere passivamente alla sfilata degli inglesi (che vorrebbero trasformarla in parata trionfale) ed ha reagito con una manovra a tenaglia sul Wolfsburg e sullo stesso Dzeko. Se la stessa avrà successo lo si scoprirà presto, nel frattempo si può dare conto del corso degli eventi, che prevedono un imminente viaggio a Wolfsburg dell’amministratore delegato bianconero. Ma andiamo con ordine.

A Manchester - Irfan Redzepagic e Alen Augustincic, agenti dell’oggetto del desiderio di Juve e City da ieri sono a Manchester per una serie di incontri con Garry Cook e Mancini finalizzati a trovare la definitiva intesa per il loro assistito. Nel frattempo il City e il Wolfsburg hanno proseguito i loro colloqui e ora sono separati da appena 2 milioni di forbice tra domanda e offerta. Un’inezia, a questi livelli. Da un punto di vista puramente economico ci sono dunque tutti i pressupposti per arrivare, a breve, all’annuncio ufficiale del trasferimento di Dzeko nel club anglo-arabo. Fin qui è tutto noto. Meno lo sono le mosse effettuate ieri da Marotta per cercare di cambiare il finale del film, come si conviene nei migliori thriller.

La strategia - La strategia bianconera parte da due considerazioni oggettive. La prima: il Wolfsburg se la passa male in classifica e, se potesse, rinvierebbe all’estate il momento del divorzio dal proprio asso, come manifestato più volte dallo stesso Dieter Hoeness. A patto di non rimetterci, ovvio, perché i soldi in ballo sono davvero tanti e fanno gola anche a un club ricco come quello tedesco (che ha alle spalle la Volkswagen). La Juve com’è noto non può tesserare Dzeko a gennaio in quanto extracomunitario e dunque da questo punto di vista non ha alcuna difficoltà ad accontentare l’interlocutore tedesco. La seconda: in casa bianconera sostengono con orgoglio - si spera ben riposto ¬ che Dzeko sarebbe decisamente più felice di sistemarsi in un club ricco di storia come la Juve, invece che al City ricco sì, ma decisamente meno glamour. Anche lui, va da sé, sarebbe disponibile a un ripensamento dell’ultima ora a patto di non rimetterci, ma questo è ben noto a chi frequenta le stanze di corso Galileo Ferraris.

L’offerta - Questa la doverosa premessa, ma è ovvio che per superare la concorrenza del City tutto ciò non basta. Infatti Marotta proporrà al Wolfsburg l’immediata cessione di Momo Sissoko, che il club tedesco cerca fin dalla scorsa estate. Questo senza nessun passaggio di denaro, anche se ovviamente al maliano verrebbe data un’adeguata va¬lutazione. Si tratterebbe, a tutti gli effetti, di un acconto sul prezzo di Dzeko, da scontare a giugno. Quando la Juve sarebbe pronta a girare a una quotazione di favore ai tedeschi pure Amauri, il cui arrivo in maglia verde è caldeggiato da Diego Ribas da Cunha, che ha mantenuto i contatti con il suo ex compagno. Il resto verrebbe coperto da un conguaglio utile a superare la valutazione di 30 milioni che il City ha fatto di Dzeko.
 
Già che ci sono, faccio due considerazioni. La prima: anche la Bild riporta una notizia praticamente identica a quella del giornale di Wolfsburg "postata" ieri...par di capire che la stampa tedesca abbia le stesse informazioni e questo per noi è un bel segno. Mancio addirittura si è sbilanciato parlando del bosniaco come dell'uomo che può portarci al titolo. Evidentemente è molto fiducioso sull'esito della trattativa.
La seconda: a Torino Tuttosport tira l'acqua al mulino della Juventus e mi pare giusto. La sottile ironia sulla nostra voglia di trasformare la trattativa in 'parata trionfale' e la nostra presunta identità 'anglo-araba' non sono male! E che dire della naturale voglia di Dzeko di puntare su un club pieno di storia come la Juve piuttosto che su una manica di arricchiti come noi? Ma l'abbiamo già sentita questa, no? Meno male che almeno non hanno scritto che Dzeko preferisce Torino a Manchester perché in Piemonte splende sempre il sole! Che ridicoli! [Dario]

1 commento:

Noodles ha detto...

Per sapere dove andrà a giocare Edin Dzeko, se al City o alla molto più affasciante e pluridecorata Juve, basta andare su www.talksport.co.uk e ascoltare live le sue parole fresche fresche. Buon Anno a tutti!