1.12.10

VOCI

Cioccio continua a "spillolare"...

David Silva ha rivelato di aver detto di “no” al Real Madrid di José Mourinho in estate per approdare in Inghilterra e giocarsi le sue carte in Premier League. Come si legge sulle pagine di The Sun, l’ex asso del Valencia sarebbe soddisfatto dei suoi primi mesi nel Regno Unito: “Avevo la possibilità di restare in Spagna, era chiaro che avrei lasciato Valencia. C’era l’interesse del Real Madrid, un club immenso con un grande tecnico. E’ vero che tanti giocatori spagnoli e portoghesi vogliono arrivare al Real o al Barcellona. Certo, lì avrei giocato la Champions League, ma volevo una nuova esperienza e giocare fuori dalla Spagna e l’Inghilterra era la mia scelta. Il City è la squadra che si è mossa per me con maggiore decisione e questo ha avuto un grande significato per me. Ero emozionato dal loro progetto e sapevo che Roberto Mancini mi voleva quando era all’Inter. Un acquisto per il City? Io consiglio David Villa, un attaccante di importanza mondiale. Abbiamo tante stelle, ma c’è sempre spazio per gente come lui”.

Il centravanti del Manchester City, Carlos Tevez, ha rilasciato altre dichiarazioni ai microfoni dell’emittente TyC Sports Argentina, confermando ancora una volta il suo “disgusto” personale nei confronti del mondo del calcio, ed asserisce ancora una volta con fermezza la sua volontà di ritirarsi a Buenos Aires nei prossimi anni: “Se mi chiedete un’opinione, vorrei poter riavere la mia ‘vecchia’ vita nel quartiere di Fuerte Apache, non voglio giocare più. Sono stanco del calcio, ma anche delle persone che ci lavorano. Il calcio ora riguarda solo i soldi e non mi piace. I giovani pensano che hanno vinto perché hanno due cellulari ed una casa. Oggi ci sono tante persone cattive in questo mondo e devi lottarci contro sempre. Giocherò ancora 3-4 anni in Europa, poi smetto. Oggi i giovani non hanno educazione e non li ascolto. Quando giocavo al Boca con Martin Palermo o Juan Roman Riquelme, ascoltavo loro. Non voglio che i giovani mi chiedano i perché delle mie azioni nello spogliatoio, gli tirerei un cazzotto, ho vinto 13 titoli nella mia carriera”.

Il ritorno di Roque Santa Cruz al Blackburn potrebbe essere ben presto una realtà. Ad ammetterlo pubblicamente, uscendo allo scoperto, è il tecnico dei Rovers Sam Allardyce, che del giocatore del Manchester City dice: “Sì, ci interessa: non c’è dubbio. Se giocatori di quel livello vogliono giocare per noi non c’è problema, bisogna solo valutare il lato economico – le parole dell’allenatore inglese per Sky Sports – Se il City vuole recuperare i soldi spesi per lui o se il giocatore vuole lo stesso salario che prende adesso, allora mi sembra uno scenario difficile tuttavia da prevedere”.

Nessun commento: