8.1.11

"CONQUISTEREMO IL MONDO...MALE CHE VADA CE LO COMPRIAMO"


Solo chi conosce bene la tradizionale ironia degli abitanti di Manchester e la proverbiale auto-ironia dei tifosi dei blues può cogliere il senso di questa dichiarazione dell'ex cantante degli Oasis, Liam Gallagher. Non è una sbruffonata come può sembrare ma solo una battuta per sottolineare l'immensa fortuna che abbiamo di poter praticamente acquistare qualsiasi giocatore sulla faccia della Terra e sognare di vincere il più possibile e rifarci di 40 anni di delusioni, retrocessioni, umiliazioni. Oggi molti ci disprezzano per i soldi degli arabi ma è meglio ricordare a tutti cosa abbiamo subito negli ultimi decenni.

Il Club ha annunciato oggi l'acquisto di Edin Dzeko, attaccante bosniaco proveniente dal Wolfsburg, per un cifra intorno ai £27 milioni. Il bomber ha firmato un contratto di 4 anni e mezzo e prenderà la maglia numero 10, fortunatamente vacante dopo la partenza di Robinho. Nonostante l'ingaggio sia stato perfezionato, Dzeko non sarà però disponibile per l'incontro di domani in F.A Cup contro il Leicester City.

Il forte attaccante ha detto che "la cosa che più mi ha attratto in questi mesi era proprio venire al City e sono stato sul punto di arrivare varie volte anche se il Wolfsburg ha deciso di cedermi solo ora. Ci sono state molte speculazioni sulla mia volontà ma io ho sempre avuto le idee chiare in merito".
L'acquisto di Dzeko è il nono dell'era Mancini e probabilmente sarà la causa delle partenze di Emmanuel Adebayor e Roque Santa Cruz.

"E' bellissimo essere in club così ambizioso e questa è stata la mia sola ed unica scelta. Sono felicissimo di giocare a fianco di giocatori come Yaya Toure e Carlos Tévez e di essere nello stesso club con calciatori contro cui ho giocato in Germania come Jerome Boateng e Vincent Kompany. Ho voglia di dimostrare ai tifosi che i soldi spesi per me sono soldi spesi bene. Vorrei segnare tanti gol ma soprattutto contribuire a far crescere la squadra. Sono davvero pronto alla sfida".

BENVENUTO IN FAMIGLIA, EDIN!


Nessun commento: