13.2.11

THE DAY AFTER

Il mio stato d'animo oggi è quello di fine stagione anche se so benissimo che abbiamo ancora tanta strada da fare e che dobbiamo lottare per obiettivi importantissimi, sia strategici (il terzo posto) che sportivi (F.A. Cup ed Europa League). Potremmo ancora coronare il nostro sogno di aprire la bacheca dopo una vita e raggiungere quel posto "sicuro" in Champions che ci proietterebbe definitivamente nell'elite del calcio inglese.

La pancia però oggi mi suggerisce emozioni da "fine dei giochi". La sconfitta tremenda di ieri ad Old Trafford, il modo con il quale è arrivata, il peso specifico e le conseguenze che potrebbe comportare non mi lasciano molto spazio per altre considerazioni: il sogno di vincere il titolo, di lottare fino all'ultima giornata, di essere competitivi con i più forti, la voglia di sovvertire questo destino infame che ci vede sempre perdenti contro i nostri dirimpettai hanno conosciuto la parola END ieri pomeriggio, almeno per questa stagione.
Gli articoli sui media britannici di oggi mi confermano che è tempo di bilanci anche se la prospettiva è totalmente irrazionale. E' che simbolicamente ieri lo United ci ha dato una mazzata pesantissima. Oggi il refrain è "non importa quanti soldi spendete, inferiori siete ed inferiori restate". La mia frustrazione e quella di tutti i blues sparsi in giro per il mondo è infinita.

Proviamo a fare qualche considerazione sul processo di crescita del nostro club però...evitiamo di dar seguito alle emozioni (le mie per prime) e proviamo a non buttare via il bambino con l'acqua sporca.
Mansour ha comprato un club sull'orlo della bancarotta ed una squadra mediocre. Giusto? Lo Sceicco ha speso una valanga di milioni di sterline per comprare nuovi calciatori per tentare di elevare subito il valore della squadra e provare ad insediarsi al vertice. Ha speso troppo, è ovvio. Ha speso troppo per calciatori rivelatisi inconcludenti, inutili o peggio dannosi...

Qualche esempio?

Robinho (32 milioni)
Bridge (12 milioni)
Bellamy (14 milioni)
Santa Cruz (17,5 milioni)
Adebayor (25 milioni)

Parliamo di altri calciatori pagati troppo e che probabilmente non sono da squadra di vertice o che non lo sono più?

Barry (12 milioni)
Toure (16 milioni)
Lescott (22 milioni)

Il problema non è aver strapagato Yaya o David Silva che sono comunque grandi giocatori ma è stato aver imbottito la rosa di mezzi giocatori, dando per troppo tempo fiducia ad un incapace come Mark Hughes.
Mancio è arrivato a dicembre 2009 e si è visto costretto ad estirpare una mentalità perdente radicata da decenni, modificando abitudini, regimi d'allenamento, giocatori...in realtà abbiamo fatto grandi passi avanti dalla mid-table alla posizione in cui ci troviamo oggi ma è oggettivo che abbiamo buttato via un sacco di soldi. Io credo che occorra dare tempo a Mancio per costruire, evitando di farsi prendere la mano dalla frustrazione e dallo sconforto.
E' un consiglio che mi piace dare a tutti i blues...a me per primo.
Giriamo pagina e CREDIAMOCI...


1 commento:

Kuspide ha detto...

Sono perfettamente d'accordo. Nonostante la sconfitta nel derby siamo ormai squadra da vertice, non buttiamo via i progressi fatti finora per una sconfitta che secondo me potrebbe aver conseguenze più psicologiche che pratiche. Erano avanti anche prima e non di poco.
Abbiamo da portare a casa obiettivi importanti, e non è il caso di fare gli snob...