24.8.11

Numero 19, Samir Nasri


Samir Nasri è finalmente un giocatore del Manchester City con buona pace del sacerdotino gallo Aresene Wenger e nostra immensa goduria. Il motivo per cui l'asso francese ha deciso di lasciare i Gunners per approdare ad Estland lo dice chiaramente lui stesso nell'intervista rilasciata oggi: "Il Manchester City è il club del futuro. Il progetto è ambizioso: vogliono vincere tutto" E' definitivamente finito il tempo in cui i grandi campioni ci snobbavano. Dopo Silva e Yaya Touré, i primi che hanno creduto al progetto di Mansour, sono arrivati Dzeko, Aguero e Nasri, tre dei giocatori più seguiti dai grandi club di tutto il mondo.
Tutti gli ultimi acquisti, fatta eccezione per Balotelli, sembrano avere in comune una grande professionalità. Mancini sembra puntare su uomini che hanno non solo i piedi ma anche la testa. Nasri, come aveva fatto il Kun, si è distinto per l'intelligenza delle sue prime dichiarazioni: "Manchester o Londra non importa, mi piace il sole e mi piace la pioggia. Io sono qui per giocare a football, per divertirmi e per vincere il titolo" E noi aspettavamo Samir per lo stesso stesso motivo.
La trattativa per completare il trasferimento del fantasista francese è stata lunga e complessa. Troppo secondo Nasri: "La discussione tra i due club è durata a lungo. E' stato frustrante perché avevo detto a Wenger che volevo andare via e avrei voluto iniziare la preparazione a Manchester. In ogni caso oggi è un grande giorno per me: sono molto contento di essere un giocatore del City e non vedo l'ora di cominciare"   Fondamentale nella scelta del giocatore di vestire la maglia dei Citizen è stato il confronto con Patrick Viera "Ho parlato con Patrick perché lo conosco dai tempi della nazionale e per me era importante avere un consiglio da lui. Mentre ero in vacanza mi hanno chiamato anche i miei ex compagni dell'Arsenal Kolo Touré e Gael Clichy"
Nasri ha avuto anche parole di elogio per gli uomini che formeranno insieme a lui l'attacco dei Blues: "Aguero è un grande giocatore, ha esordito con 2 goal e un assist. Mi piacciono i giocatori come lui e Silva: non sono alti, come me; hanno grande tecnica dovrò cercare di trovare una buona intesa con loro. Sono sicuro che ci riuscirò così come con Yaya con Deko e con Tevez, se resterà. Non vedo l'ora di giocare con loro"
Oggi è un grande giorno per noi. Forse ci vorrà un po' di pazienza prima di vedere esordire Nasri con la nostra maglia: non credo che giocherà già la prossima partita contro il Tottenham. Ma noi del City sappiamo aspettare, abbiamo atteso 35 anni! In  ogni caso, fate un raffronto tra le foto degli ultimi 2 post: non siete d'accordo con me che a Samir dona molto di più il Blue che il rosso?   

Nessun commento: