18.9.11

Regalo del City al Craven Cottage

    
E' una settimana difficile per noi: ci siamo accorti che vincere non è scontato. E' un brutto pareggio quello che portiamo a casa dal  Craven Cottage. Brutto perchè arriva in una maniera assurda. Abbiamo giocato i primi 45 minuti ad una porta. La palla era costantemente nei nostri piedi. I padroni di casa erano in balia del City che dimostrava una superiorità imbarazzante. Dopo avere chiuso la prima frazione in vantaggio per 1 a 0 con il solito goal del Kun, abbiamo raddoppiato nella ripresa dopo soli 9 secondi ancora con Aguero. Sfido chiunque a dire che avrebbe scommesso sulla rimonta del Fulham a questo punto della partita. Invece no: i nostri ragazzi si dimenticano di giocare i secondi 45 minuti. Dopo 10 minuti lasciano inspiegabilmente solo Zamora che ci punisce immediatamente. Partita riaperta con i padroni di casa, che alla fine del primo tempo pensavano di dover pagare il biglietto perchè non avevano fatto nulla di più dei 20.000 sugli spalti, alla ricerca dell'insperato pareggio. Mancio vede i ragazzi in difficoltà e inserisce Zabaleta per Silva, che esce senza polemiche ma con un'espressione molto perplessa. Ovviamente siamo il City e ci si mette anche la sfortuna: i Cottagers pareggiano su tiro di Murphy ma con una deviazione decisiva di Kompany che spiazza Hart. Non cambiamo modulo e Mancio sostituisce Nasri con AJ e il Kun con Tevez. Arriviamo così al 90° tentando di fare nostro il match ma senza successo. Da segnalare a fine partita solo il mio travaso di bile e i numerosi calci sferrati contro l'incolpevole divano della mia sala.

Che dire? Può capitare di pareggiare, non facciamone un dramma. Poco tempo fa i pareggi in trasferta li festeggiavamo... Però questa squadra sta dimostrando amnesie preoccupanti che fanno sentire il loro peso quando non segniamo a valanga. Non so se dipenda dal modulo o da una mentalità vincente che ancora ci manca. In ogni caso lasciamo lavorare Mancio e aspettiamo pazienti. I 2 punti persi sui cugini di campagna di Mastro Ciliegia bruciano ma il tempo per recuperare c'è. Le grandi squadre sono quelle che reagiscono alle difficoltà. Speriamo che la nostra sia una grande squadra. Noi saremo con il City in ogni caso. Ovviamente!
     

3 commenti:

Dario ha detto...

Due punti buttati. Può capitare di non battere una squadra più debole ma non dovrebbe capitare quando si è in vantaggio di due reti. Non ne farei una questione di classifica (i Mastro Ciliegia boys non potranno continuare così) ma di gestione degli impegni: giocare ogni 3 giorni con l'imperativo di vincere sempre non è semplice. Banali le sostituzioni di Mancini: io non le ho capite.

Stefano ha detto...

Più che altro direi che non si può pensare di giocare ogni tre giorni usando sempre gli stessi 8-9 giocatori, per quanto fenomenali possano essere.

Mettere un Tevez e un AJ prima di 10 minuti dalla fine sarebbe stato così grave?

ro_ve ha detto...

quoto stefano! è la seconda partita che ad un primo tempo di dominio segue una ripresa in netto calo atletico, oggi mi aspettavo tevez e aj dall'inizio... la sostituzione silva-zabaleta è da test alcolemico!