29.10.11

Alla fiera del pollo


di Cioccio
    
Abbiamo incontrato nuovamente i Wolves dopo 3 giorni ed abbiamo superato l'ostacolo, ma non senza affanni. La partita si è sbloccata al 52° per una clamorosa papera del portiere Hennessey che  ha perso palla pressato da Aguero; il Kun ha servito Dzeco che ha segnato a porta vuota. Un errore che ci ha aiutato molto, perchè il pallone sembrava non volere entrare nella porta degli ospiti nel primo tempo, nonostante le le due occasioni di Dzeko e quelle di Nasri e Aguero. Poi al 67°, quando Kolarov ha ribadito in rete una corta respinta di Hennessey su tiro di Silva, la partita sembrava chiusa. Tutti ci chiedevamo quanti goal avrebbero segnato i Citizens questa volta. E invece Hart ha compiuto il miracolo di riaprire la partita, respingendo centralmente sui piedi di Doyle un tiro di Guédioura. Kompany ha steso l'attaccante dei Wolves nel tentativo di impedirgli la conclusione. Rigore concesso dall'arbitro, espulsione del nostro capitano, penalty trasformato da Hunt e partita riaperta. Ma quando imparerà Hart a respingere le conclusioni avversarie in angolo e non sul dischetto del rigore! Sul 2 a 1 in inferiorità numerica abbiamo sofferto, anche se i Wolves non hanno avuto occasioni per pareggiare. La partita è stata chiusa da Adam Johnson al 91° con un bel tiro da fuori area.

E' stata una partita difficile ma abbiamo portato a casa i 3 punti che ci consentono di mantenere invariato il vantaggio sullo United, che ha superato l'Everton a Liverpool, e di guadagnare 3 punti sul Chelsea fermato in casa dai Gunners. A volte bisogna accontentarsi di segnare solo 3 reti... :-)
   

4 commenti:

Dario ha detto...

E' stata una partita ostica, come previsto. Dopo le grandi vittorie è sempre un problema venire a capo di squadre meno forti, se non altro per un fisiologico e possibile calo di tensione. Giocare ogni tre giorni è un problema soprattutto mentale, non fisico, specie se hai a disposizione una rosa come la nostra.
Mi permetto di aggiungere: siamo tifosi del City da anni, non siamo nati certo con Mansour e nemmeno con Thaksin Shinawatra...possiamo evitare di "sfighettare" scrivendo cose tipo "tutti ci chiedevamo quanti goal avrebbero segnato i citizen questa volta"? Io non me lo sono chiesto proprio per niente, anzi ero concentratissimo per mantenere il vantaggio perché era chiaro che la partita era difficile. Prego tutti di mantenere i piedi molto ben piantati a terra: siamo fortissimi, in piena lotta per vincere la Premier League ma non dimentichiamo che la stagione è lunghissima. E' probabile che siamo favoriti da una serie di dati oggettivi (la rosa, i campioni in campo, la fame di vittorie, etc.) ma i nostri avversari sono duri a morire. Meglio...durissimi.
Ciao a tutti e buona domenica.

Cioccio ha detto...

Ciao Dario.
Ci conosciamo fin da bambini, abbiamo sempre condiviso la passione per le "seconde squadre", quelle più deboli, e sai che non è mia abitudine "sfighettare".
Consentimi però questo momento di "estasi post derby" e ti prometto che tra qualche giorno tornerò con i piedi per terra.

Riccardo ha detto...

ehehe bella la scelta per le seconde squadre :) forse è per questo che mi ci sto affezionando,perchè sono cosi pure io..in fin dei conti sono uno che in f1 tifa mclaren nonostante la mia italianita(ben poco fiera).abbiate fiducia,a parte il calo col fulham queste partite al 95% saranno tutte vinte.se c'è ancora qualcosa da implementare quella è la cattiveria da mettere in certi momenti.esempio il gol mancato da aguero nel primo tempo..c'è andato con sufficienza..ma sono errori poco rimediabili.seguo il calcio da fine anni 80 ormai e ho capito che si piu cinici quando si crea poco e si sa che ogni occasione deve essere quella buona,mentre ci si va piu leggeri quando si sa di creare tanto.

Cioccio ha detto...

Ciao Riccardo.
Hai proprio ragione, è bella la scelta delle seconde squadre. Quando poi succedono i miracoli come al City con l'arrivo di Mansour è ancora più bello!