8.3.12

Lisbon Story


 di Gianfranco Paupini

Diciamoci la verità: dopo aver strapazzato il Porto solamente un paio di settimane fa abbiamo pensato che con lo Sporting sarebbe stato ancora più facile. E, cosa ben peggiore, devono averlo pensato anche i ragazzi di Mancini, perchè sono entrati in campo molli, lenti e senza idee. Il Mancio schiera Kolo Tourè come centrale difensivo a fianco di capitan Kompany, con Clichy e Kolarov esterni. A centrocampo Barry e De Jong fanno legna mentre Silva, Aguero e Milner inventano per Dzeko, o almeno dovrebbero farlo.

Al 12° minuto Kolo Tourè incorna alla grande ma il portiere avversario respinge d'istinto con i piedi: la cronaca delle occasioni del City nel primo tempo termina qui. Aguero impalpabile, Dzeko irritante tra aperture sbagliate e fuorigioco continui, Silva elegante e presente nel vivo dell'azione ma decisamente meno ispirato del solito, la manovra dei nostri è involuta, lenta, senza sbocchi. Lo Sporting in compenso, pur non avendo creato molte occasioni, si difende con ordine, spezza le trame di gioco soporifere degli avversari e prova anche, di tanto in tanto, a ripartire in contropiede.

Nella ripresa i lusitani rientrano evidentemente confortati dall'andamento della partita e riescono dopo pochi minuti a  concretizzare: tiro insidioso su calcio di punizione, Hart respinge corto e Xandao ribatte in rete di tacco dopo aver fallito il primo tentativo. Il City accenna ad una reazione ma è ben poca cosa, la verità è che Rui Patricio non compie nemmeno un intervento.

Al 70° Mancini butta dentro Balotelli al posto di Dzeko (altra partita giocata dalla controfigura) e supermario riesce a portare qualche apprensione alla difesa dello Sporting, la più clamorosa una traversa su colpo di testa da calcio d'angolo. Ma nulla di fatto. Da segnalare anche una tendenza dell'arbitro a lasciar correre sugli interventi dei nostri ma rigidissimo su quelli dei portoghesi: il secondo tempo è un fioccare di cartellini gialli tra gli uomini di Sa Pinto mentre viene graziato, ad esempio, De Jong su un fallo che avrebbe meritato decisamente il secondo giallo.

E' chiaro che a Manchester ci aspettiamo un'altra storia, se giochiamo in questo modo non andiamo molto lontano. Speriamo di avere a breve notizie di Kompany, uscito dopo 12 minuti per un infortunio muscolare al polpaccio.

 

4 commenti:

Dario ha detto...

Dalle prime indiscrezioni pare che Kompany starà fuori almeno due settimane. Sono convinto che passeremo il turno ma la sconfitta non è un bel segnale. La stagione entra nella fase cruciale. Stasera anche lo Utd ha perso, segno evidente che le due squadre hanno il campionato in testa.

ro_ve ha detto...

la ricetta con i 5 centrocampisti e un attaccante di movimento stava portando i suoi frutti, in particolar modo nelle gare in trasferta quindi non capisco questo ripensamento dal punto di vista tattico.

Daniele ha detto...

Sconfitta rimediabilissima,ma giocando come sappiamo giocare non come visto ieri sera!!!! La squadra e' sempre piu' Balotelli dipendente,quando non c'e' lui fatichiamo un sacco un po' come avveniva gli anni scorsi quando non c'era Tevez.

Noodles ha detto...

Credo che al ritorno rimedieremo e ci qualificheremo. Restano comunque oggettive le continue difficoltà in campo europeo. Siamo ben lontani dalla sicurezza e sfrontatezza con cui approcciamo e battiamo gli avversari in Premier.