14.5.12

Attenti a quei due


di Dario G.

Oggi abbiamo solo l'imbarazzo della scelta. Possiamo scegliere tra le mille interviste rilasciate dai nostri eroi al termine dell'incredibile finale di ieri. Hanno parlato praticamente tutti. Oggi anche il Presidente Khaldoon ha rilasciato un'intervista esclusiva a CityTV. Avremo modo e tempo di commentare. Ho scelto però due interviste alle persone oggettivamente più importanti di questo trionfo: il manager Roberto Mancini ed il capitano Vincent Kompany. Non credo di offendere nessuno se scelgo questi due come gli artefici simbolo, di "campo", del terzo titolo della nostra storia.



Vai, Mancio:

"Dobbiamo migliorare. La Champions League è una competizione molto difficile. Dovremo essere fortunati ed essere molto in forma a febbraio. Penso che potremo far bene la prossima stagione. Siamo sulla strada giusta. Non sarà facile perché tutti gli anni dovremo lottare con squadre come lo United, il Chelsea, l'Arsenal, il Tottenham, il Liverpool ma abbiamo lavorato bene in questi due anni e se continuiamo così abbiamo davanti un grande futuro. Siamo stati fantastici perché abbiamo vinto il campionato più bello e più difficile in Europa, è bellissimo essere qui".

Vai Capitano:

"Non per usare una frase fatta ma ci ho sempre creduto. La partita mi è sembrata simile alla vittoria contro gli Spurs o al pareggio contro il Sunderland quando siamo riusciti a segnare negli ultimi istanti. Ad essere onesto, non ho mai perso la speranza. Alla fine il pareggio con il Sunderland non è stato da buttare ed anzi, è quello che ci ha consegnato il titolo. I miracoli accadono a Manchester e questa volta dalla nostra parte. Non ci ho più visto! Mi è sembrato di essere saltato sulle spalle di Sergio quando ho visto la palla entrare in porta. L'ho visto piangere in campo e così molti miei compagni, ragazzi di grande personalità che non vedi spesso lasciarsi andare alle emozioni. E' stato uno dei giorni più belli ed emozionanti della mia vita. E' stata una partita completamente pazza, è pazzesco ciò che è successo. Il QPR ha tirato due volte in porta e ci ha fatto goal. Sembrava che non potessimo farci nulla. Abbiamo avuto un sacco di occasioni, dovevamo segnare. Poi improvvisamente la partita è finita e siamo diventati campioni! Ci aspettavamo di vincere ed essere sotto di una rete è stato quasi sconvolgente".

Pian piano posteremo le parole di tutti quanti ma oggi mi pare veramente onesto rendere onore al manager protagonista di una stagione fantastica e del nostro Capitano. Come sapete tutti non sono tra quelli che ci ha sempre creduto, anzi; ho pensato che fosse tutto finito dopo Emirates. Dirò di più: ieri a due minuti dalla fine ho anche pensato che il tracollo che si stava consumando avrebbe potuto di fatto segnare un punto di non ritorno per questo manager e per questo gruppo di giocatori. Sarebbe probabilmente stato un colpo mortale alla fiducia dell'intera rosa. Ci pensate? Come si sarebbero potuti riprendere se ieri avessimo perso il campionato? Con quale fiducia avrebbero ricominciato a giocare tra due mesi? Fortunatamente non è successo.......

Solo una parola, anzi due:
GRAZIE RAGAZZI!!!!!


MANCHESTER CITY F.C
CHAMPIONS OF ENGLAND. 
00 YEARS.



1 commento:

Anonimo ha detto...

Dario, i protagonisti di qs fantastico successo sono molti.. Potevi sceglierne diversi, tipo il Kun o Yaya ad es., e non avresti sbagliato. Ma secondo me, dovendone fare solo due hai scelto bene .. Sul Mancio non mi soffermo più ma Kompany ha fatto una stagione fantastica con la ciliegiona del gol nel derby che riscatta ampiamente l'errore nel Charity Shields.. Era partito male ma ha finito alla grande e ha spesso tenuto in piedi la baracca pur con partner non all'altezza Se penso che abbiamo la miglior difesa il merito è delle due persone da te citate.
Mancio forever