28.5.12

Il Poznan di Sunderland

di Cioccio e Dario

Tifare United è troppo facile. E' una scelta di convenienza. Rende la vita troppo semplice. E' una forma vigliacca di fuga. Una svendita alle forze del male. I tifosi dello United non hanno anima e trascorreranno la loro eternità col vomito bollente fino al collo.
Paul Morley - Giornalista musicale  inglese
(anche un po' poeta direi...)

I tifosi del Sunderland la pensano come lui.



4 commenti:

Achille ha detto...

Paul Morley ha raccontato per un lustro per il NME la nascita e l'evoluzione del punk, ha scritto un paio di libri sui JOY DIVISION,a mio parere,il miglior gruppo di Manchester mai esistito (non me ne vogliano i Gallagher)ha scritto con gli ART OF NOISE uno dei brani più deliziosi degli anni '80 : "Moments in Love" .... non poteva che essere uno di NOI !!!!

Dario ha detto...

Paul Morley è veramente un'icona della musica a Manchester. Io adoro i Joy Division (Ian Curtis era pure un Blue) ma preferisco gli Smiths. Sto leggendo in questi giorni un suo saggio scritto per "Looking for the light through the pouring rain", il libro fotografico della storia musicale nella Manchester 70/80/90 di Kevin Cummins, il fotografo degli artisti per eccellenza. Cummins è Blue e va allo stadio in trasferta col mio amico Marty. C'mon CITY OF MANCHESTER!!!!

Daniele ha detto...

Cena con il Mancio -parte 3-
Mancini sempre piu' a suo agio,grazie anche al Verdicchio,parlava a ruota libera e noi a fargli domande su domande curiosi come non mai.Su come si trovasse a Manchester ha confessato di preferire il suo vecchio paesello pero' "Manchester e' una citta' affascinante,assomiglia a Milano.Sempre di corsa,sempre con qualcosa da fare,devo confessare di non aver avuto tempo di visitarla bene,pero' e' fantastica.L'unica cosa che non mi piace e' il tempo,una cosa terribile,piove un giorno si e l'altro pure "Come passi le giornate:" Di tempo libero c'e ne e' davvero poco,bisogna organizzare tutto e tutti,e' diverso fare l'allenatore in Italia e il manager in G.B. in Inghilterra" Qualcuno gli ha chiesto " Cazzo Mancio,con quella squadra se non vincevi ti scotennavano" e lui :"Guardate che avere tanti giocatori forti e famosi in squadra e' obbiettivamente un vantaggio ,pero' la difficolta' di gestione dello spogliatoio e' terribile.Vogliono tutti giocare,credete sia facile tenere in panca o addirittura in tribuna gente come Dzeko,Milner,Johnson,Balotelli.E' molto piu' facile allenare una squadra di medio bassa classifica con giocatori medi ,ve lo assicuro.Ti rendi conto che cammini sul filo di rasoio.Le invidie e le gelosie sono al massimo livello anche perche' lì girano tanti soldi" e Balo: "Vi assicuro che e' il piu' forte giocatore che abbia mai visto,se la smette di fare il bambino diventa piu' forte di Cristiano Ronaldo."

Mancio forever ha detto...

Ammetto l'ignoranza ma non conoscevo i Joy Division (ora ho letto quantomeno la storia...) e conosco poco gli Smiths.. Però gli Oasis sono il mio gruppo preferito e loro per primi mi hanno attirato verso il City.
Riguardo i racconti di Daniele..l'invidia aumenta! :-)
Speriamo abbia ragione su Mario! Io sono convinto che farà benissimo agli Europei..