27.8.12

#Blueview: Match Day 2


di Setteblu

E' stato un buon punto, quello di Anfield. La squadra è palesemente in ritardo di condizione, sia atletica che tattica. Mancini pochi giorni prima del Community Shield (che per la cronaca risplende ad Etihad) aveva detto che sarebbe stato necessario almeno un mese prima di vedere il vero City. Molti giocatori sono arrivati tardi in ritiro e quindi la preparazione è stata differenziata. Sarebbe stato impensabile essere al massimo alla fine di agosto. E' vero che i punti di agosto valgono come quelli di ottobre o marzo ma essere in grandi condizioni oggi significherebbe crollare in primavera.
Ieri abbiamo affrontato una squadra al debutto in casa, su un campo tradizionalmente ostico per tutti ed alla fine siamo tornati a casa soddisfatti. Il Liverpool ha senz'altro giocato meglio di noi, per larghi tratti della partita. Nei primi 20-25 minuti il match è stato equilibrato con un'occasione per parte (Borini/Tévez) ma dopo il goal di Skrtel - inguardabile Kolarov - i reds hanno praticamente dominato fino alla fine del tempo. Quando Yaya ha pareggiato, il City ha rialzato la testa per due minuti, aggredendo l'avversario, pressando alto e dando l'impressione che l'inerzia del match potesse cambiare. Peccato aver subito la rete del 2-1 di Suarez (bellissima punizione) così presto. Siamo stati fortunati nella rete del pareggio e potevamo addirittura vincere con quell'occasione di Edin Dzeko. I reds hanno corso di più e meglio, hanno meritato probabilmente di vincere ma alla resa dei conti non hanno avuto molte più occasioni da rete di noi. Piuttosto: subiamo due goal a partita. Deve finire questo trend. Non rilevo particolari colpe di Joe Hart anche se già dagli Europei mi dà la sensazione di essere un po' distratto. Resta una settimana per rifinire la rosa. Non so cosa aspettarmi, tranne Scott Sinclair. Non avanzo ipotesi su Maicon, Martinez etc. Aspettiamo e vediamo.
Un po' di parole, ora.


Roberto Mancini: "Non è un cattivo risultato il pareggio di oggi ma non possiamo continuare a concedere tutti questi goal. E' dura vincere le partite partendo con questo handicap. Uno oggi è arrivato su punizione ma comunque dobbiamo fare più attenzione. Per me abbiamo giocato una buona gara ma quando hai le occasioni devi realizzarle. Abbiamo avuto lo stesso problema col Southampton ma qui ad Anfield è ancora peggio perché se non segni quando devi poi è ovvio soffrire (io non mi ricordo tutte queste occasioni, a dire il vero - ndr). Abbiamo commesso errori di squadra ma sono comunque contento del carattere mostrato dai ragazzi oggi.
Abbiamo bisogno di portare a Manchester dei giocatori ed abbiamo cinque giorni di tempo per farlo. Dobbiamo lavorare duramente per la prossima settimana. Abbiamo i nostri obiettivi e dobbiamo fare di tutto per raggiungerli".



Nigel de Jong: "E' un peccato aver concesso due reti ma abbiamo la forza di rialzare la testa, non è così facile qui a Liverpool. E' un buon punto alla fine. Dobbiamo migliorare i particolari perché sarà una stagione lunga e difficile. Comincia ad essere una cattiva abitudine quella di andare sempre in svantaggio, successe anche l'anno scorso nell'ultima partita con il QPR (qualcuno ricorda come sia finita? - ndr). In ogni modo abbiamo sufficiente qualità nella rosa per invertire questa tendenza"


Jack Rodwell: "Non è facile adattarsi al nuovo schema di gioco ma tutti i ragazzi hanno fatto bene. Nei primi 30 minuti abbiamo dominato e nella ripresa siamo riusciti a rimontare due volte; quindi dobbiamo prendere ciò che di buono ci ha offerto questo match. Sono rimasto sorpreso per la punizione che l'arbitro ha concesso: ero troppo vicino e la palla mi è scivolata addosso. Peccato".


5 commenti:

Kuspide ha detto...

L'ho detto e lo ripeto: nel calcio conta buttarla dentro, non si vince ai punti, quindi i discorsi su chi ha meritato cosa li lascio agli "esteti". La questione è che prendiamo 2 gol a partita e corriamo poco. Di certo non è un problema di mercato, hai la rosa campione d'Inghilterra, non puoi dire che giochi male perchè non ti sei rinforzato. Se ho ben capito poi abbiamo abbandonato il modulo con cui abbiamo vinto la premier con miglior attacco e miglior difesa per cambiare il tipo di preparazione e permetterci di essere più coperti in questo periodo di forma approssimativo. Per il momento non mi sembra stia funzionando, speriamo che i sacrifici che stiamo facendo in questo avvio di campionato servano ad evitare il crollo che capitò la scorsa stagione a Gennaio. Altre motivazioni non ne vedo....
Per la cronaca: Chelsea 3 su 3 e Hazard decisivo in tutte le partite. In meno di due mesi è già il fulcro del gioco della squadra di Di Matteo, ha ragione Mancini ad essere arrabbiato, da questo punto di vista. Mi dispiace dirlo ma non credo che Nastasic sia l'uo9mo che serve a noi. è un ottimo giocatore in prospettiva, e anoi serve un top pleyer nel pieno della maturità da affiancare a capitan Kompany. Spero di sbagliarmi ma rischiamo di bruciarlo come è successo con Savic.

MF ha detto...

Nastasic sarà una scommessa come quella di Savic.. Speriamo di non perdere pure qs!
Domenica ha fatto in paio di grossi errori ma per quel poco che l'ho visto pare proprio forte.
I campioni già affermati tipo Thiago Silva o De Rossi per qs anno non arriveranno..
Hazard a me piace sempre più.. Non vorrei risultasse l'acquisto decisivo per il titolo:-(
E, nonostante l'età e il costo..,che bello sarebbe stato avere RVP al posto di Edin..
Bè basta rimpianti..siamo pur sempre i campioni!!!!

Lele ha detto...

Daanti l'aquisto é Tevez, in coppia con Aguero non so se siano i più forti ma di certo non temo nessuno. Dietro a loro avrei voluto un terzo uomo forte e un quarto che sappia accettare il ruolo di quarto, giovane o vecchio che sia. Edin e Mario non so se riusciranno. In mezzo va bene Rodwell, se diventa titolare con Gareth a dare ricambio. De Rossi ideale, qualche anno fa, oggi non ci metterei tutti quei soldi (come non li avrei messi su RVP ma li avrei messi su Hazard). Dietro serviva il "pezzo", ma i big sono pochi e stravalutati, e allora ben venga Nastasic che ha 19 anni. Certo innegabile che il mercato a conti fatti è stato (anche se non è finito) un pò deludente. Alzi la mano chi non si aspettava di più, non tanto in termini di soli arrivi ma anche di partenze. Mi aspettavo più movimento in generale, e posso capire la delusione di Roberto. Tuttavia, poco male, anzi per niente, quando stavamo perdendo la Premier ho sempre pensato che mi sarebbe piaciuto ricominciarla il giorno dopo e che ero sicuro l'avremmo vinta, perchè siamo diventati forti e solidi con un gioco chiaro, definito e (per me) bellissimo. Ora ripartiamo da lì con due piccoli innesti che potranno essere importanti. Spero si torni presto al vecchio modulo ma in questo non voglio sostituirmi al Mancio, l'arteficie di quel gioco saprà meglio di me dove sta andando a parare. Inine, mi fanno ridere i titoli di certa stampa che parla di "avvio deludente per il City", 2 vittorie, 1 trofeo, 1 pari ad Anfield. Deludente...allora forse siamo diventati più grandi di quanto non pensiamo. E questo ruolo mi piace. Noi Campioni, voi venite a prenderci, se vi riesce.

Anonimo ha detto...

E pensare che su questa specie di blog c'era gente che diceva che per meno di (tenetevi forte) 30 MILIONI T R E N T A Dzeko non si muove!!!!! Ora tutti che non vedono l'ora di disfarsene ahAHAHAH RIDICOLI!

Dario ha detto...

Simpatico Cuor di Leone, il City non vuole cedere Dzeko. Poi se un club minore, di seconda fascia, s'interessa al nostro attaccante la società decide a che prezzo si può trattare. Se il club che vende non ha un euro - come in questo caso - si tiene Quagliadella e il Velino. (PS. Tanto in questi anni avete già preso Aguero, Llorente e Van Persie.....a che vi serve Dzeko?)