19.8.12

No Kun, no party


di Setteblu

Inutile nascondersi: l'evento più importante di questo pomeriggio non è il risultato della partita. Siamo tutti molto preoccupati per l'infortunio al ginocchio riportato dal Nostro Sergio Kun Aguero (sempre sia lodato) al minuto 7 dell'incontro. Sembrava un semplice contrasto di gioco e a dire il vero l'intervento di Nathaniel Clyne è parso regolare; il Kun ha probabilmente messo male il piede nel terreno e il suo ginocchio è girato in modo innaturale, procurandogli un trauma. Al momento nessuno può dire nulla sull'entità dell'infortunio. Si è letto sui report del Telegraph e del Daily Mail che il danno sembra essere meno grave di quanto temuto. Mancio in realtà non si è sbilanciato troppo ma si è detto preoccupato ed ha definito "strano" l'infortunio. Secondo lui serviranno almeno due giorni per gli esami necessari. Vedremo. Di certo, la stagione non parte nel migliore dei modi. E non aggiungiamo altro.


Il modulo
Mancio ha schierato il collaudato 4-2-3-1, rispolverando la difesa a quattro. Il tecnico ha concesso al neo acquisto Jack Rodwell l'opportunità di partire da titolare davanti al nuovo pubblico. Il ragazzino ha formato con Yaya la diga difensiva che ha concesso al trio Nasri-Silva-Tévez di creare gioco dietro all'unica punta (Dzeko dopo l'uscita del Kun). Secondo me questo è il modulo che meglio sfrutta le caratteristiche dei nostri giocatori: sembra sbilanciato ma in realtà contempla sei giocatori per la fase difensiva e quattro per quella offensiva, tenendo conto anche che i due centrocampisti centrali interpretano la doppia fase. Forse Mancio ha provato in pre-season la difesa a tre per cercare delle valide alternative dal punto di vista tattico ma è evidente a tutti che i ragazzi con il 4-2-3-1 si esprimano meglio.


I problemi della difesa
Dietro si balla. Abbiamo incassato ben quattro reti nelle ultime due gare. Ricordiamoci che l'anno scorso abbiamo avuto la miglior difesa. Se escludiamo la rete della bandiera del Chelsea a Villa Park i goal subiti hanno un comune denominatore: non riusciamo a presidiare efficacemente la nostra area, soprattutto al centro. A Birmingham Ramires è entrato centralmente servendo un assist al bacio a Fernando Torres, oggi abbiamo concesso due goal molto simili tra loro, non riuscendo a gestire un paio di rimpalli e lasciando agli avversari la possibilità di tirare in porta dalla zona centrale e dintorni. Certamente è tutta la fase difensiva a risentire della precaria condizione fisica (siamo ad inizio stagione) ma non credo che potremo affrontare tutta la stagione con i soli Kompany e Lescott, considerando che Kolo Toure sembra ormai ai margini della squadra e che Stefan Savic è ai margini del gioco del pallone. Abbiamo un attacco atomico ma dobbiamo assolutamente rinforzare la difesa.

Facilità di creare e capacità di reagire
Abbiamo creato un'infinità di palle goal. Faccio fatica a contarle. Anche se in palese ritardo di condizione - ed è normale che sia così ad agosto - i ragazzi creano gioco ed opportunità con una facilità imbarazzante. Al talento di molti dei nostri giocatori aggiungiamo la grande organizzazione di gioco nella fase offensiva. I tre giocatori dietro la punta si muovono in continuazione, creando spazi e muovendo il pallone da una parte all'altra del campo, sfruttando il terreno di gioco in tutta la sua ampiezza. Quando la squadra prende il gioco in mano e comincia ad attaccare fa paura, anche in virtù del fatto che ormai gli avversari sono consapevoli che non molliamo mai e che siamo in grado di segnare sempre e comunque, anche se mancano due secondi alla fine. I ragazzi hanno un carattere ed una capacità di reagire durante il match che non può non condizionare le squadre avversarie.


I singoli
Partiamo dal nuovo arrivato: Jack Rodwell. Ha giocato molto bene, secondo noi. Pur non avendo mai giocato insieme ai suoi compagni ha dimostrato personalità, mettendosi in mezzo al campo insieme a Yaya a dirigere l'orchestra, non sbagliando mai un passaggio fino all'errore nel goal del 2-1 biancorosso. E' vero, lui ha calibrato male il passaggio ma è anche vero che è stato lasciato solo, di fatto come ultimo uomo, sulla trequarti del Southampton. Tutta la squadra era troppo sbilanciata. 
Carlos Tévez ha disputato una grande partita, confermando il suo stato di forma. Ha lottato su tutti i palloni ed ha sbloccato il risultato. [Dopo le finte manifestazioni di gioia di maggio, il Paggetto Medievale è tornato in telecronaca agli antichi splendori, sottolineando il millimetrico - forse - fuorigioco dell'Apache una ventina di volte. Vai Paggetto, sei tornato!]David Silva è stato inguardabile. Una delle peggiori prestazione della sua vita in blue. Sulla coscienza ci sono il rigore maldestramente sbagliato sullo 0-0 ed un goal fallito a due passi nella ripresa; in generale una prestazione mediocre. Il migliore in campo per il City è stato senza dubbio Samir Nasri. Sempre protagonista, ha servito a Tévez l'assist dell'1-0 ed ha segnato il goal della vittoria, facendosi apprezzare anche in fase difensiva. Man of the match


Ragazzi, aspettiamo le notizie sul Kun. Gli sciacalli orrendi di Sky stanno recitando il de profundis su un lungo stop per Sergio. In realtà nessuno può dir nulla fino agli esiti degli esami clinici. Da sottolineare però che il fratello di Aguero ha rilasciato alcune dichiarazioni al Diario argentino Ole: "No es nada grave". Non credo ci sia molto da tradurre. Speriamo solo abbia ragione il fratello del Kun. Nel caso, sempre sia lodato anche lui.




1 commento:

whitey ha detto...

Povero Marianella,quest'anno e' proprio alla frutta,prima rvp e ora anche song....chi lo sente...anche se credo che si concentrera' di piu' sulla periferia di manchester,causa lo sgarbo di rvp!
Speriamo in sergio,speriamo in qualche innesto,e poi oggi il mancio e' stato chiaro in sala stampa:purtroppo stanno cercando una soluzione per adam j.,mi dispiace perche' mi piaceva un botto il ragazzo,ma evidentemente non e' inserito.Se si muove adam credo che rimanga nigel,anche se si prevede,sopratutto in caso di acquisti,tanta panca per lui,come del resto l'anno passato.
Whitey