5.11.12

ECL - Ajax preview




di Kuspide

"Mi aspetto tre grandi partite dalla squadra. I giocatori sono gli stessi, così come gli arbitri, ciò che deve cambiare è il nostro modo di giocare, dobbiamo farlo molto meglio. Non siamo ancora pronti per vincere la Champions, se qualcuno di noi dicesse il contrario non sarebbe onesto. Il Chelsea, la squadra forse migliore d'Europa negli ultimi anni, ci ha messo 10 anni per vincerla e l'ha fatto nell'anno in cui forse lo meritava meno. La Champions League è così. Se vinciamo le prossime tre partite del girone sarebbe fantastico. Può succedere di tutto, ma la strada è molto lunga"

Dovrebbe essere una preview, e dovrebbe parlare di precedenti tra le squadre e di stato di forma dei nostri avversari. Invece sfogliando i giornali, italiani ed inglesi, leggo di interviste sopra le righe da parte del nostro allenatore, di reazioni scomposte a domande sul suo futuro. Leggo di un uomo solo al comando, in una situazione difficile, in un momento cruciale, e mi rendo conto che il significato di questa partita va oltre la statistica. Per la squadra, ma soprattutto per il suo timoniere.

"He's one angry man" titola The Sun stamattina sulla pagina dello sport dell'edizione online. Mancini ha risposto stizzito ad una domanda sul suo presunto contatto con l'AS Monaco la scorsa estate: "Non capisco perchè continuate a chiedermi riguardo al mese scorso, all'anno scorso... Io sto qui perchè il mio lavoro è qui. Ho lavorato per due anni e insieme al presidente e al proprietario abbiamo costruito questa squadra. Abbiamo vinto tre trofei in due anni, Per 50 anni non avevamo vinto nulla. Mai. Quando vinci tre trofei in due anni credo che dovreste avere maggiore rispetto per questo: per me, per la società e per i giocatori."

Al di là delle dichiarazioni, certamente condivisibili, trapela un certo nervosismo in casa City: negli ultimi quattro giorni infatti l'allenatore ha avuto uno scontro molto duro con Mario Balotelli per la sostituzione (e relativa reazione del giocatore) nell'ultima di Premier contro il West Ham. Ha contraddetto platealmente il suo staff e le dichiarazioni di Micah Richards riguardo la gravità del suo infortunio e ha dovuto far fronte ad una sfilza di allusioni sul suo futuro al City e sull'arrivo di Pep Guardiola alla corte dello Sceicco. Secondo molti "esperti" dopo le delusioni di Champions, le prestazioni sottotono di Premier, le litigate nello spogliatoio e l'arrivo, forse non casuale, di Begiristain, l'ingaggio dell'allenatore spagnolo per la prossima stagione sarebbe imminente.




In questo clima bisognerà preparare e giocare una sfide che, volendo essere ottimisti, sarà la prima di un trittico di fuoco per le ambizioni di gloria di una compagine che sulla carta avrebbe certamente potuto e dovuto fare meglio, in Europa.

Mancini probabilmente ha voluto alzare il livello dello scontro per ottenere una reazione d'orgoglio. Affermare che non siamo pronti per vincere la Champions è da una parte una banalità per chiunque sia convinto che il calcio non è solo soldi e campioni, dall'altra certamente una velata critica alla mancanza di esperienza e di maturità dei suoi uomini quando giocano a certi livelli.

Ribadisco quanto detto altre volte in situazioni simili: Mancini ha tanti difetti ma ha costruito dal nulla una squadra con una identità ed un gioco precisi. Ha gestito alla grande diverse beghe interne, ha preso uomini chiave e potato i rami secchi. Ha costruito un gruppo e lo ha portato alla vittoria. Qualunque cosa accada merita davvero rispetto per ciò che ha costruito e per le gioie che ci ha regalato. Sono convinto che, se supportato dalla società, riuscirà anche stavolta a ritrovare la rotta.

Per quanto riguarda la partita di domani, non mi aspetto una partenza a razzo, abbiamo già dimostrato in situazioni simili di essere un diesel. Questa volta avremo dalla nostra il calore del pubblico, anche se la formazione continua a perdere pezzi: James Milner e Joleon Lescott sono in dubbio, David Silva e Jack Rodwell non ce la faranno, così come dovremo rinunciare a Maicon e, ovviamente, a Micah Richards (ricordiamo che Kolo Toure non è in lista Champions). Dovrebbe tornare in campo invece Pablo Zabaleta, tenuto in panchina sabato per precauzione.

La formazione dei Lanceri dovrebbe essere quella dell'andata e la stessa che sabato scorso ha perso in casa per 2 a 0 con il Vitesse: Vincere tutte e tre le restanti partite del girone sarebbe davvero un'impresa, ma evitare almeno l'umiliazione dell'ultimo posto è doveroso. Forza City!



14 commenti:

whitey ha detto...

comunque circa a meta' della conferenza si incazza,guardate sul sito,e' un grande!!!

MANCIOMAO ha detto...

....grazie Whitey visto e GRANDE ROBERTO!!!!!! Una bella conferenza stampa con le palle,vogliamo rispetto,siamo giovani ingenui alla prime esperienze ma QUALCOSA ABBIAMO FATTO???????!!!!!!! O NO???? Tutti a strisciare con i soliti noti poi davanti al City pronti a sparare a zero,RISPETTO PER I CAMPIONI D'INGHILTERRA!!!!!

alberto spanu ha detto...

Anche se non c'entra molto con l'argomento del articolo, volevo sapere qualcosa sulla situazione di yaya toure che pare voglia andarsene se potete darmi dei chiarimenti (se veramente vuole andarsene e perché).

Dario ha detto...

Solo voci direi. Magari create ad arte dal suo agente per battere cassa. Non ho mai letto dichiarazioni "virgolettate" di Yaya in tal senso.

whitey ha detto...

e oltretutto deve rinnovare a quanto pare,tutto torna...
e de rossi?oggi e' stato sulla bocca di tutti...chissa'...

Lele ha detto...

A me la conferenza è piaciuta, e non poco. Sulle domande riguardanti il passato ha ragione da vendere, ha risposto una volta ad una domanda, da quel giorno tornano sempre tutti lì, su un argomento che peraltro mi sembra assai poco interessante, oltre che per niente inattuale. Mi è piaciuto il non sottrarsi alle responsabilità, e mi è piaciuta la difesa fatta verso se stesso, i giocatori e la società. Non condivido affatto chi pensa che Mancini non sia allenatore da Champions, spesso si dice questa cosa accomunando i nostri risultati con quelli della sua Inter, risultati diversissimi, la sua Inter nei gironi andava sempre benissimo, semmai sbandava dopo. Infine Roberto per spiegare il momento della squadra cita un dato non poco significativo, a questo punto della stagione avevamo segnato lo scorso anno 36gol, quest'anno 18. Stessi giocatori, stesso manager, stesso impianto di gioco, meno paure e meno ossessione di vincere, eppure...ora va così. Stato di forma, infortuni e ruota che gira in una stagione, è il calcio. E in un constesto del genere non mi stupisco se i risultati di Champions, in un girone del genere, non siano soddisfacenti.
Vi dirò, io trasudo ottimismo "di lungo periodo", comincia a fregarmi poco del passaggio del turno perchè penso che la nostra crescita passi per questi schiaffi presi. Ciò nonostante mi aspetto il 200% da queste 3 partite, poi vada come vada. Forever Blue!

MF ha detto...

Grande Lele...
@Alberto spanu:io ho letto una sua dichiarazione in cui dichiara il desiderio di finire la carriera con noi...
Per quanto possa essere attendibile fastweb.it la dichiarazione è virgolettata..

Landon ha detto...

20 minuti e perdiamo 2 a 0. In casa. Abbiamo raggiunto un nuovo livello di imbarazzo??

Anonimo ha detto...

e poi ha anche il coraggio di indicare il centrocampo dopo il gol yaya la senti questa voce ma vaffanculo e impara a difendere pezzente

alakai ha detto...

se devi offendere i nostri giocatori chiunque tu sia in culo vacci tu. forza ragazzi il real perde cmq sia non si puo difendere cosi yaya davvero non puoi.nasri in mezzo fuori barry dentro dzeko buttiamo il cuore forza city

Landon ha detto...

2 a 2! Dai ragazzi ce la possiamo ancora fare!! (spero di non portar sfiga!)

Landon ha detto...

dai, diciamolo l'arbitro è stato vergognoso.. un gol regolare annullato e un rigore negato all'ultimo secondo. sono davvero incazzato. peccato perchè stavolta avremmo meritato la vittoria. ora non ci resta che pregare se non altro nell'europa.. la vedo davvero grigia comunque, ho paura che i giocatori perdano motivazione :(

MF ha detto...

Possiamo ancora passare! A 8 punti ci credo ancora.. Non credo che il Borussia vinca ad Amsterdam. E se pareggia passiamo noi per gli scontri diretti.. Certo battere il Real e vincere a Dortmund sembra impossibile, però...
Arbitro inetto!!! Rigore anche su Yaya all'inizio ma su Balo alla fine è uno scandalo! E gol regolare e falli ed ammonizioni non date.. Un disastro.. Come noi suo corner contro!!

MF ha detto...

Rettifico.. Il borussia deve perdere ad Amsterdam.
Oppure il Real deve perdere con noi e pareggiare in casa con l'Ajax... Qs ancora meno probabile secondo me..
Però arrivare a 8 punti sarebbe già importante...poi vedremo se di sarà un altro miracolo dopo quello del 13 maggio...