18.11.12

Una squadra sola al comando


di Setteblu

Siamo tornati al comando: dopo la vittoria di ieri pomeriggio contro l'Aston Villa (5-0, David Silva, Aguero 2, Tévez 2) abbiamo sfruttato le contemporanee sconfitte di United e Chelsea riprendendoci la testa solitaria della classifica dopo qualche mese. Qualche cifra: siamo imbattuti da 18 gare e non perdiamo in casa da 36 turni in campionato. Ieri abbiamo vinto meritatamente, mantenendo un possesso palla quasi al 70% e segnando 5 reti. 

Analizziamo ora le ultime partite di Premier League e cerchiamo di trarne qualche spunto significativo. Premessa: la stagione sarà comunque condizionata, nel giudizio, dal disastroso rendimento in Champions League ma a questo punto concentriamoci sulla Premier League e cerchiamo di riportarla a Manchester. Non sarò originale ma è ovvio che l'obiettivo numero 1 è il campionato. Lascio a voi le considerazioni sull'opportunità o meno di entrare in Europa League.

Dicevo, il campionato. Nelle ultime sette partite il City ha realizzato sei vittorie ed un pareggio al Boleyn Ground. Persi a ragionare sulle magre europee, ci siamo probabilmente persi questo dato statistico. In Premier il City ha ripreso una marcia quasi trionfale. E' imbattuto da aprile (Arsenal, away) e ad oggi è l'unica squadra inglese a non aver ancora perso un match. In queste sette gare, abbiamo segnato 15 goal, subendone solo 3. Non è una forma da Campioni, questa? Mi è capitato spesso di parlare con gli altri ragazzi, lamentandomi della difesa (intesa come giocatori) e soprattutto della fase difensiva, per non parlare dei goal subiti da palla inattiva. Ma se andiamo ad analizzare bene le partite, scopriamo che il City ha il secondo miglior attacco, la miglior difesa del campionato e la miglior differenza reti

Negli ultimi giorni si è sprecata la retorica su "che grande squadra è quella che riesce sempre a rimontare". E' vero, rimontare denota senz'altro un grande carattere ed una grande forza complessiva di squadra. Ma rimontare sempre significa altre due cose: che si va sempre in svantaggio e che prima o poi si finisce di rimontare. Lo United ha già perso il 25% delle partite di Premier disputate sin qui (3/12) e se è vero che la squadra di Mastrociliegia ha un indubbio talento del mettere pressione agli avversari quando alza il pressing, è altrettanto vero che spesso gli avversari riescono a colpire. Sabato scorso a Match of the Day, storico programma calcistico di BBC ormai diventato un ospizio di vecchie - e confuse - glorie, ho sentito magnificare la capacità dei diavoli rossi di recuperare le partite ed al goal del Chicharito che siglava la vittoria contro l'Aston Villa, qualcuno ha dichiarato: "Il City ed il Chelsea saranno ormai disperate". Lo United è certamente una grande squadra, ha un attacco formidabile (Wellbeck ed Hernandez come riserve sono extra-lusso), un'esperienza incomparabile ma non mi pare imbattibile. 

Il Chelsea invece sta rallentando, come inevitabile. I ragazzi di Roberto di Matteo sono partiti alla grande, come avevamo fatto noi la scorsa stagione. Mi pare però che si siano già fermati e spiego meglio cosa intendo: i blues di SW6 lotteranno certamente fino alla fine per il titolo perché sono una gran bella squadra, hanno un gioco molto spettacolare ed alcuni giocatori eccezionali come Hazard e Oscar. Il mio timore era che potessero andare in fuga come il City del 2011/12 ed invece hanno cominciato a perdere qualche colpo e ciò mi conforta. Ieri hanno perso al The Hawthorns ma RdM ha mandato in campo una formazione largamente rimaneggiata, dato il vitale incontro di Torino che aspetta i blues in settimana. Il WBA si è confermato un cliente scomodo ed ha battuto la squadra londinese. Non credevo di avere 4 punti di vantaggio sul Chelsea dopo dodici gare, per come era partita la stagione. Non conta nulla adesso, è naturale; ma sono contento che i nostri ragazzi abbiano ripreso convinzione perché la stagione sarà lunghissima e si deciderà solo alla fine. E noi, semplicemente, vogliamo essere presenti quando si distribuiranno i premi.

NB. Perdonatemi ma ho preferito scrivere della situazione generale in classifica piuttosto che parlare della vittoria di ieri. E' una forma di rispetto verso il Villa ed avete letto il motivo due giorni fa. Sono felice che siamo riusciti a vincere una partita in "modalità old style"; il City avrebbe vinto comunque anche senza quel comico rigore assegnatoci ma è un fatto che quel penalty misterioso - per non dire inventato - abbia indirizzato la partita. Noto spesso che lo United viene aiutato (Liverpool e Chelsea, per dirne due...) ma è giusto ammettere quando ad essere aiutati siamo noi. Vi abbraccio, buona domenica!




6 commenti:

Amedeo ha detto...

Confesso che l'idea di battere il Real Madrid e di accedere almeno all'Europa League mi alletterebbe molto.

Il prestigio internazionale passa soprattutto da queste partite, e, poi, andare avanti in Europa League, magari ci eviterebbe un terzo girone della morte nella Champions del prossimo anno.

MF ha detto...

Amedeo concordo su tutto! Un solo "problema"...: se battiamo il Real (durissima..!) sono convinto che arriviamo secondi! :-)

Amedeo ha detto...

MF e se proprio dovessimo arrivare secondi, penso che lo potrei sopportare...
Ih! Ih! Ih!

Però la situazione in Champions è veramente drammatica. Forse, lo spirito di chi non ha niente da perdere potrebbe aiutare i ragazzi.

Lele ha detto...

Vittoria old style, ottimo riportare alcuni numeri che raccontano una realtà un filo diversa da come ce la siamo raccontata finora. In europa pretendo che si faccia il massimo, poi vedremo cià cosa vorrà dire, l'Europa League, se questo sarà, voglio farla, e voglio farla al meglio, per 3 motivi: innanzitutto vincerla non mi farebbe affatto schifo, anzi; secondo, questa squadra deve imparare ancora a gestire il doppio impegno e l'EL ci può aiutare a crescere; terzo, ma non ultimo, dobbiamo alzare questo dannato coefficiente che pesa come un macingno sulle difficoltà che già dimostraimo di avere in europa. Pertanto, avanti così, come nelle ultime partite in Premier come la partita con l'Ajax in casa, dando il massimo, solo così cresceremo senza troppi rimpianti.

Citizen 89 ha detto...

Ciao!
Domani mattina partirò per un viaggio di pochi giorni, e in teoria dovrei tornare a casa in tempo per dare il mio pronostico della "Predition league", ma per evitare ogni problema (tipo voli in ritardo e/o cancellati)la mia previsione la ufficializzo oggi:


Chelsea-Man city 1-2
Aguero

MF ha detto...

Buon viaggio Citizen89, ti auguro di tornare con almeno 10 punti in più nella classifica della Prediction League!!;-)