25.1.13

FA Cup: Stoke preview

00 YEARS

di setteblu

È il momento della leggendaria FA Cup: domani il City scende a Stoke per il match valevole per il quarto turno. Non siamo stati fortunati nel sorteggio: i biancorossi dell'eterno piagnone Tony Pulis sono una squadra sempre difficile da affrontare, soprattutto al Britannia Stadium. I blues non sono mai riusciti a vincere nelle ultime cinque visite e da quando Roberto Mancini é sulla nostra panchina non siamo mai passati in "casa potters". Sembra incredibile considerando gli scalpi che abbiamo portato a casa nelle ultime stagioni! Se ancora tutti abbiamo negli occhi la finale di due stagioni fa, vinta grazie ad un goal di Yaya, voglio soffermarmi oggi su un altro City-Stoke storico, passato alla storia del calcio inglese.

Il 3 marzo 1934 blues e potters si incontrarono per una partita del sesto turno di FA Cup. Perché è passata alla storia? A Maine Road si presentarono ben 84.569 spettatori, record di sempre per una partita giocata in Inghilterra fuori da Wembley. Molti tifosi dello Stoke arrivarono allo stadio, mischiandosi con i nostri. Naturalmente quel pazzesco affollamento causò non pochi problemi di ordine pubblico: una barriera crollò e molte persone riportarono infortuni. La polizia impose al City di chiudere i cancelli dello stadio a venti minuti dall'inizio del match per timore di vedere entrare altra gente assiepata fuori dallo stadio. 

Lo Stoke mise pressione sin da subito al City e per più della metà del primo tempo i nostri ragazzi (!) ebbero molte difficoltà. Sul finire della prima frazione, successe l'impensabile: Eric Brook (ah, era dei nostri!) ricevette un pallone sulla fascia sinistra e lo crossò nel chiaro tentativo di servire un compagno in area. Il pallone cambiò direzione improvvisamente, rendendo di fatto vano il tentativo del loro portiere Roy John e si infilò alle spalle dello stesso mandando in delirio la parte blue - piuttosto consistente a quanto pare - di Maine Road, il "Wembley del Nord". Vincemmo quel match e pure la coppa in quella stagione, la nostra seconda.


Scansionato dal Programma Speciale su Maine Road, 11.5.2003

Con lo Stoke, il City condivide qualche personaggio passato alla storia del nostro club. Intanto uno dei figli di Manchester più amati di sempre, Mike Doyle, ne parleremo presto più approfonditamente. Doyle ha rappresentato la nostra maglia come pochi altri, diventando un idolo della gente nella sua permanenza a Maine Road dal 1962 al 1978 e partecipando alle numerose vittorie dell'era Mercer-Allison. Lasciò la nostra città per andare al Victoria Ground e dimostrò che forse qualcuno si sbagliò a lasciarlo partire, considerando le sue 100 e passa presenze in biancorosso e il premio di Player of the Year del 1979.

Mike Doyle "Blue Blood"

Un altro personaggio - senz'altro meno affascinante ai miei occhi - fu Alan Ball, uno dei Campioni del Mondo dell'Inghilterra del 1966. "Bally" da manager ha fatto più danni della grandine sia a Stoke che a Manchester. Nel 1991 a Stoke spese una fortuna in una serie interminabile di giocatori inutili confezionando la retrocessione in terza divisione. Non sorprendentemente venne cacciato dalla dirigenza red and white. La sua reputazione non fu sufficiente a noi però: nonostante un record da manager di quinta categoria, il neo presidente Francis Lee pensò bene di portarlo a Manchester nel 1995 in sostituzione di Brian "Who" Horton. Ball fu il protagonista di una stagione sciagurata, culminata nella retrocessione. In quell'anno, riuscimmo nell'impresa di prendere DIECI goal a Liverpool nel giro di quattro giorni, sia in League Cup (0-4) che in Premier (0-6). Al termine della seconda partita Ball dichiarò alla stampa: "mi sono divertito, il Liverpool ha giocato benissimo". Era il nostro manager. Grazie Bally, "Football Genius". [Il grassetto nero è per il lutto che ancora porto dentro...]

Alan Ball, Football Genius

Il terzo è dedicato al mio fratello di fede Noodles. Carlo Nash, qualcuno lo ricorda? L'attuale terzo portiere dello Stoke è stato riserva di Nicky Weaver nel biennio 2001-2003 ed io e Noodles abbiamo avuto l'onore di vederlo giocare dal vivo! Nella meravigliosa stagione di Kevin Keegan che ci laureò campioni della First Division (2001/02), Nash giocò l'ultima parte di stagione, complice un calo di forma dell'eroe imperiale Weaver. Noi salimmo a Manchester per assistere a City-Crystal Palace e Nash giocò appunto titolare. Non subì reti, fortunatamente e Kevin Horlock ci diede la vittoria. A me e Noodles, intendo.

Carlo Nash, attore hollywoodiano!

Un piccolo pensierino sarebbe per Tony Pulis ma termino qui. Non vorrei svegliare gli spiriti maligni....
Buona FA Cup a tutti, sperando di avere buone notizie dallo stadio più inespugnabile che si ricordi.


5 commenti:

Cioccio ha detto...

Mi piacciono le preview stile city retro!

Maxsince80 ha detto...

Complimenti!!! Una preview con i fiocchi!
Visti i tanti riferimenti nel post al passato, desidero segnalare la possibilità di seguire il match di oggi pomeriggio sintonizzandosi su radio TalkSport (via internet ovviamente), emittente inglese che detiene i diritti per la PL e la FA Cup. Se qualche Citizens avesse problemi a vederla in streaming, perché non lasciarsi trascinare da una radiocronaca? Ha sempre il suo fascino.
Buona partita a tutti.

Anonimo ha detto...

o-o primo tempo. Squadra titolare per noi tranne per il keeper. Silva ha preso un palo incredibile. Rete annullata per fuorigioco ai potters. Kompany si è infortunato alla caviglia. Per il secondo tempo spero vivamente che Pantilimon non becchi nessuna rete...
Alex Bevilacqua - MCTID

PS la sto ovviamente vedendo in streaming

alakai ha detto...

zabaleta
magari finira 1 1?

Anonimo ha detto...

0-1 zabaleta! e tony pulis a casa :-)
Yeeeesssa
Alex Bevilacqua - MCTID