29.11.13

The Citizens versus The Swans


Domenica pomeriggio alle 17:10 affrontiamo lo Swansea ed ancora una volta le notizie non sono buone: Matija Nastasic non era uscito per caso nella scampagnata contro gli Spurs ma per infortunio. Oggi è ufficiale: ne avrà per almeno tre settimane. Forse sarà la volta buona che Joleon Lescott potrà giocare con un minimo di continuità, accanto a Martin Demichelis visto che Vincent Kompany ("ormai pronto"…quasi una barzelletta) non sarà schierato per precauzione.
Gli altri lungodegenti David Silva e Stevan Jovetic (chi?) saranno probabilmente pronti per l'inutile trasferta di Monaco di Baviera (10 dicembre). 

Joe Hart potrebbe rientrare tra i pali dopo la partita di Champions in settimana ed addirittura Jack Rodwell avrebbe una chance per una maglia da titolare contro i gallesi.

Aspettiamo i pronostici della Prediction League!


28.11.13

City 4-2 Viktoria Plzen




Manchester City: Hart, Richards, Kolarov, Demichelis, Lescott, Garcia, Fernandinho (Yaya Toure 64), Milner, Nasri (Negredo 74), Aguero (Navas 46), Dzeko 
Viktoria Plzen: Kozáčik, Rajtoral, Procházka, Čišovský, Limberský, Hořava, Horváth, Petržela (Kovarik 74), Kolář (Bakos 86), Ďuriš (Wagner 89), Tecl 
Marcatori: Aguero (r.) 33, Hořava 43, Nasri 64, Tecl 69, Negredo 78, Dzeko 89
Ammoniti: Milner, Yaya Toure, Demichelis, Cisovsky 
Stadio: Etihad stadium
Spettatori: 37,742

Tutto come da copione ieri sera per quanto riguarda il girone D, City e Bayern si giocheranno il primo posto il 10 dicembre a Monaco di Baviera. Ci siamo concessi qualche emozione di troppo contro i nostri agguerriti avversari ma direi che siamo pronti, dopo tante sofferenze, ad affrontare finalmente gli ottavi di Champions League.




27.11.13

ECL - Viktoria Plzen Preview




Manchester City FC v Victoria Plzen
Data: 27.11.2013
Ora italiana: 20.45
Stadio: Etihad
Arbitro: Fırat Aydınus  (TUR)
 
 
Il City si prepara alla penultima sfida del girone di Champions League con la qualificazione già in tasca ed il morale alle stelle. Dopo la prestazione superba con cui abbiamo tramortito gli Spurs domenica sarà importante trovare continuità a convinzione, soprattutto in trasferta e soprattutto con le squadre meno blasonate. E' stato detto molte volte, anche in questo blog, ma ancora una volta ci troviamo a sperare che la squadra abbia raggiunto un equilibrio che ci permetta di giocare lontani da Etihad alla stessa maniera di come giochiamo in casa. La Premier ci sta aspettando, la competizione è molto equilibrata, e il passaggio del turno in Europa con due giornate di anticipo dovrebbe iniettare ulteriore fiducia nel gruppo. 
 
La partita di stasera avrà, onestamente, ben poco da dire: i nostri avversari sono fermi a zero punti in classifica con 2 gol segnati e 12 subiti. D'altra parte il City è già qualificato e anche in caso di vittoria dovrebbe comunque sperare in una battuta d'arresto del Bayern di Guardiola a Mosca o battere i bavaresi a Monaco nel'ultima giornata, per ottenre il primo posto nel girone. Difficile.
 
Pellegrini ha dichiarato che la qualificazione è la cosa più importante ma che anche il primo posto sarebbe un grande risultato. Tra le altre cose ha anche dichiarato che Joe Hart non verrà venduto a gennaio, e lo ha detto ai giornalisti proprio mentre Bin Zayed, fratello di Mansour, incontrava Florentino Perez ad Abu Dhabi. Che abbiano parlato di Casillas?
 
Da registrare anche le voci che raccontano di uno scambio di prestiti tra City e Stoke per la porta: Hart giocherebbe il resto della stagione con i potters e Begovic diventerebbe il nostro portiere. Questo, penso, solo nel caso il Real volesse aspettare fino a giugno per decidere.
 
A proposito del match il mister ha confermato che Vincent Kompany, Stevan Jovetic, David Silva, e Jack Rodwell sono ancora inforunati e non giocheranno. Se dei misteri fisici del capitano abbiamo ampiamente discusso c'è da preoccuparsi anche degli esiti di quello che molti consideravano il vero colpo di mercato l'estate scorsa: Jovetic. Il montenegrino è fuori dai radar praticamente da quando è arrivato, e le solite voci che lo danno in partenza molto presto non mancano.

Intanto stasera potrebbe rivedere il campo Edin Dzeko...
 
 
 

26.11.13

Beautiful day



Prendo in prestito il titolo dagli U2 perché il 24 novembre è stato veramente un beautiful day . E' stato il giorno del secondo ritrovo del nostro club ed è stato il giorno in cui i Citizens hanno annichilito gli Spurs vincendo per 6-0. A proposito, scusate se questo post arriva con un po' di ritardo ma ieri ho impiegato molto tempo a scrivere tutti i marcatori sul tabellino :-)

La nostra giornata è cominciata la mattina a Bologna, quando ci siamo incontrati in stazione e dove ad attenderci abbiamo trovato un splendida pioggia in perfetto stile mancuniano. Dopo una passeggiata sotto i celebri portici della città emiliana, grazie al servizio di auto blu organizzato da Tirzan siamo arrivati a destinazione: il pub Amadeus ha aperto esclusivamente per noi, ci ha sfamato ci ha servito la birra, ovviamente inglese, e ci ha messo a disposizione il suo maxischermo per gustarci il più bel city della stagione. Il locale è molto bello e in perfetto stile british; ci siamo veramente sentiti a casa. Grazie di cuore a Germano per l'ospitalità!


Presenti: Setteblu, Kuspide Noodles, Tirzan, Achille, Cioccio, Nani, Diego, Lara, Samantha, Ilaria, Marta, Simona e Sara. Abbiamo subito appeso il nostro vessillo alla parete ed abbiamo aspettato il fischio di inizio con una certa preoccupazione.


La partita è cominciata e, neanche il tempo di somatizzare la tensione del match, che dopo soli 13 secondi Navas dava il via alla valanga blue, segnando il suo primo goal stagionale. E poi Alvarone e il Kun, sempre sia lodato, e poi ancora il Kun, sempre sia lodato, e poi ancora Alvarone e poi ancora Navas! Il tutto sottolineato dalle nostre grida ad unisono: "goal!", "goal!", "goal!", "goal!", "goal!", "goal!". Una partita meravigliosa, indimenticabile. La partita perfetta. Setteblu non avrebbe potuto scegliere una data migliore per il nostro secondo ritrovo!

Il sorriso e le immagini dell'impresa dei nostri ragazzi ci hanno accompagnato nella nostra successiva passeggiata in via Indipendenza e in piazza Maggiore in un bellissimo clima che solo un gruppo di persone che condivide una passione può riuscire a creare. Poi la tristezza dei saluti mitigata dalla certezza che ci rivedremo.

A presto Citizens!


25.11.13

City 6-0 Spurs


City: Pantilimon, Clichy, Zabaleta, Demichelis, Nastasic Lescott 46), Fernandinho, Yaya Toure, Nasri (Milner 77), Navas, Negredo, Aguero (Garcia 69)
Spurs: Loris, Walker, Vertonghen, Dawson, Kaboul, Sandro, Paulinho (Dembele 61), Lennon, Holtby (Adebayor 46), Lamela, Soldado (Sigurdsson 61)
Reti: Navas 13 secondi, 90+1, Sandro 34 (autorete), Aguero 41, 50, Negredo 55
Arbitro: Howard Webb
Stadio: Etihad Stadium               
Spettatori: 47.228


                           

23.11.13

The Citizens vs The Spurs


Manchester City FC v Tottenham Hotspur FC
Data: 24.11.2013
Ora italiana: 14.30
Stadio: Etihad
Arbitro: Martin Atkinson

Post minimalista per questa preview. Solo due parole per dirvi che guarderemo la partita in un pub di Bologna insieme a tutti coloro che parteciperanno al meeting del blog e che aspettiamo ovviamente i pronostici della Prediction. 

Fuori ancora Silva e Kompany, queste le probabili del Telegraph:

Manchester City (4-2-3-1): Pantilimon; Zabaleta, Demichelis, Nastasic, Clichy; Fernandinho, Touré; Nasri, Agüero, Navas; Negredo.
Tottenham (4-2-3-1): Lloris; Walker, Dawson, Chiriches, Vertonghen; Dembélé, Paulinho; Townsend, Sandro, Sigurdsson; Adebayor.
 
A presto e forza City!



14.11.13

City Top 50: No. 29


CARLOS TEVEZ

(2009-13)

(148 presenze, 73 reti)

Riprendiamo la carrellata dei migliori 50 giocatori della storia del City, tratta dal Manchester Evening News. Ci eravamo lasciati con qualche perplessità per l'assegnazione del 30° posto ad un Mito come Shaun Goater. Beh, lasciatemi dire che anche il 29° posto ad un mostro come Carlitos è semplicemente ridicolo. Giocatore dall'immensa personalità, goleador di razza (una media goal pazzesca), Carlitos è stato il leader della squadra di Roberto Mancini. Meravigliosi i cartelloni in giro per la città con i quali il City diede il benvenuto all'asso argentino.



Certo, non si può dimenticare lo smacco di Monaco di Baviera e la rottura con il manager. E' stato croce e delizia. Più delizia, direi. Molta di più. Idolo.



12.11.13

Pillole (o supposte?)



Il capitano

Ennesimo, oscuro capitolo del giallo Kompany: il nostro capitano secondo Skysports.com ha subito un altro infortunio alla coscia e dovrà stare fuori per almeno altre tre settimane. Il baluardo difensivo della squadra di Pellegrini è fuori dalla vittoria in casa contro l'Everton del 5 ottobre scorso, quando fu sostituito da Nastasic dopo 35 minuti di gioco. Da allora è un rincorrersi di rumors e indiscrezioni sulle date di rientro e sulle sue reali condizioni fisiche, tanto che la federazione belga ha inviato a Manchester un fisioterapista, Lieven Messchalck, il quale ha dichiarato ai giornalisti: "Penso che Vincent avrà bisogno di qualche altra settimana per recuperare. Stiamo facendo di tutto perchè possa tornare ad avere una condizione ottimale e duratura. Purtroppo ha subito una serie di problemi tutti insieme, ma alla fine sette o otto settimane non sono un tempo così lungo, per dei problemi muscolari". A questo punto mi astengo da qualunque considerazione, e viste le alternative in campo, non posso fare altro che sperare.


 
Il portiere

Continua a tenere banco il problema Joe Hart. L'ex titolare del City ha perso il suo posto tra i pali da diverse partite ormai e Pellegrini non sembra orientato a cambiare idea a breve, al riguardo. Hart del resto si gioca il biglietto per il Brasile la prossima estate e il posto da titolare anche in nazionale, quindi difficilmente potrà permettersi di stare in panchina per l'intera stagione. Pellegrini del resto non sembra essere del tutto convinto neanche di Pantilimon, ragion per cui le voci dei soliti ben informati lo danno alla ricerca di un portiere cui affidare la porta dei citizens. L'ipotesi più credibile sembrava essere uno scambio con il Barcellona, dove Victor Valdes ha già uffcializzato il suo addio a fine anno, alla scadenza del suo attuale contratto. Peccato che il portiere spagnolo abbia già un accordo con il Monaco. Difficile ipotizzare un ripensamento, a questo punto.

Le alternative allo studio in questo momento sembrerebbero essere Julio Cesar, del QPR, Willy Caballero, estremo difensore del Malaga e quindi ex giocatore di Manuel Pellegrini, e addirittura Samir Handanovic, per il quale però sarebbe necessario un investimento economico di livello (si parla di circa 20 milioni). Suggestiva anche l'ipotesi Casillas, protagonista a Madrid di una telenovela che dura ormai da diversi mesi. Chissà che l'idea di una posto da titolare indiscusso a Manchester non lo alletti di più che giocare solo le partite di Champions League.

La difesa

Non va, inutile girarci intorno. Ognuno ha le sue ipotesi e le sue ricette, ma di fatto al momento non va: Clichy è ai minimi storici di rendimento, Hart e Lescott sono stati di fatto messi alla porta dall'allenatore, Nastasic non è il leader di cui avremmo bisogno quando manca Kompany e Demichelis è esattamente quello che ci aspettavamo che fosse: un pensionato d'oro da prendere gratis e buono per tappare i buchi in Coppa di Lega. Invece lo abbiamo pagato e gioca titolare in Premier. 12 gol subiti nelle prime 11 di Campionato non saranno l'unico ma sono comunque un problema per una squadra di vertice. Il Southampton ha segnato la metà dei nostri gol ma ha solo 5 reti al passivo, ed è terza in classifica a tre punti dalla vetta.




Stando a quanto si legge in giro Mark Hughes avrebbe puntato Joleon Lescott per la difesa dello Stoke City. Lescott evidentemente non è tenuto in grande considerazione da parte di Pellegrini, che gli ha preferito spesso Javi Garcia fuori ruolo (misteri della fede), e il suo rapporto con Sparky è molto forte da quando il gallese lo portò al City, nel 2009. Quindi sarebbe più che disponibile, secondo me, a considerare un'eventuale offerta. Considerando che il giocatore ha anche il contratto in scadenza a fine stagione le premesse ci sono tutte.

Tra gli invisibili di Pellegrini figura anche Micah Richards, anche lui al centro di diverse speculazioni di mercato: tra le pretendenti ci sarebbero Arsenal, Roma e Inter.

Anche Kolarov sarebbe seguito da diverse squadre europee. La Juve in primis, sempre sulle tracce di un esterno di spinta, ma anche il Galatasaray, che prendendo il serbo esaudirebbe una richiesta, a quanto pare, proprio di Mancini, e il Tottenham, new entry tra le pretendenti. Kolarov ha giocato spesso in questo inizio di stagione, e si è comportato anche piuttosto bene. Ha solo un problema, secondo il mio parere: copre bene la fascia ma pecca in fase di copertura e predilige la fase offensiva e gli inserimenti. In parole povere è un esterno perfetto per un 3-5-2, meno adatto ad una difesa a 4.



Tra i nomi in entrata accostati al City invece c'è quello di Kurt Zouma, centralone classe 94 del Saint Etienne e dell'under 21 francese, noto alle cronache di questi giorni per aver spezzato una gamba ad un avversario con un'entrata killer nell'ultimo turno di Ligue 1, contro il Sochaux. Dieci giornate di squalifica.

Il mago

Chiudiamo con una dolorosa conferma. Merlino Silva dovrà stare fuori anche lui per altre tre settimane circa. Il canario ha riportato uno stiramento al polpaccio contro il CSKA e probablmente salterà la sfida di Premier contro il Tottenham, il 24 novembre prossimo ad Etihad.




 

Prediction League: 8° giornata



Ciao, qui trovate la classifica aggiornata dopo la settima e l'ottava giornata del torneo. Nel frattempo il sito di Sky Sports inglese ha appena riportato la notizia che Vincent Kompany starà fuori per almeno altre tre settimane per via di un problema alla coscia. Il medico che lo ha in cura dice che il decorso è nei tempi previsti ma in realtà sono già passate cinque settimane e la prognosi era di sole tre. Nel caso che davvero Kompany torni a giocare tra tre settimane, sarà stato comunque fuori per otto settimane. Mah. La mia opinione sulla gestione degli infortunati nel calcio inglese è poco gentile, meglio non scrivere oltre.
Un abbraccio!



11.11.13

Sunderland 1-0 City

 
 
Sunderland: Mannone, Celustka, Bardsley, Ki, Brown, O'Shea, Johnson (Borini 87), Larsson, Fletcher (Altidore 77)Colback, Giaccherini (Gardner 72)
City: Pantilimon, Richards (Zabaleta 71), Demichelis, Lescott, Kolarov, Milner, Toure, Garcia (Navas 46), Nasri, Aguero, Negredo (Dzeko 71)
Reti: Bardsley 21
Arbitro: Mike Dean
Stadio: Stadium of Light
Spettatori: 40,137   
 
                         

9.11.13

The Black Cats versus The Citizens


Sunderland AFC v Manchester City FC
Data: 10.11.2013
Ora italiana: 15.05
Stadio: The Stadium of Light
Arbitro: Mike Dean

Domani pomeriggio il City sale a Sunderland per cercare di conquistare la seconda vittoria esterna in campionato, mettere fine ad un incubo autentico (tre sconfitte, tutte molto dolorose, nelle ultime tre visite ai Black Cats) e recuperare qualche punto alle squadre attualmente davanti in classifica. Soprattutto al Chelsea, squadra più simpatica che bella a vedersi (ed è tutto dire...), oggi capace di derubare il WBA con un tragicomico rigore al minuto 94. [Detto tra parentesi: vergogna].

Manuel Pellegrini ha sottolineato che non possiamo più permetterci di perdere punti fuori casa se vogliamo davvero essere competitivi. I blues hanno vinto solo una delle ultime cinque trasferte, perdendo per ben tre volte contro squadre non esattamente terribili come Cardiff, Aston Villa ed il già citato orribile Chelsea dell'anti-allenatore portoghese.

"I miei giocatori sono consapevoli del fatto che non possiamo più perdere punti fuori casa, è troppo importante per noi. Siamo sei punti dietro all'Arsenal e la squadra londinese affronterà il Man United domenica, in una partita che per entrambe le squadre si presenta come molto complicata. E'arrivato il momento di approfittarne, di recuperare punti cercando di giocare nello stesso modo in cui affrontiamo le partite ad Etihad".

Purtroppo il manager cileno dovrà vedersela con gli infortuni: David Silva dovrà star fermo per un mese circa e questa è una bruttissima notizia per noi. Vincent Kompany è ancora ai box (prima della gara di Stamford Bridge tutti ci avevano rassicurato sul suo recupero...), Stevan Jovetic non sarà disponibile (e quando mai...). A tutto ciò aggiugiamo i dubbi su Mattia Nastasic e Fernandinho ed il quadro non è roseo.



Ancora Manuel:

"I complimenti a Segio Aguero sono assolutamente meritati, ha giocato benissimo nell'ultimo mese. Ho sempre pensato che fosse un giocatore incredibile ma adesso vive un particolare momento di forma. Anche Alvaro Negredo si è ambientato benissimo e sta giocando alla grande ma non sono solo loro due a doversi dividere i meriti, è il lavoro di squadra ciò che davvero conta. Tutti i centrocampisti in particolare si stanno esprimendo bene. Loro traggono beneficio del lavoro di gruppo".

Gli ultimi precedenti:
26.12.12 Sunderland 1-0 City 
06.10.12 City 3-0 Sunderland
31.03.12 City 3-3 Sunderland
01.01.12 Sunderland 1-0 City
03.04.11 City 5-0 Sunderland
29.08.10 Sunderland 1-0 City

Statistiche negli scontri diretti:
Campionato: vittorie City 57, pareggi 21, vittorie Sunderland 46
FA Cup: vittorie City 4, pareggi 2, vittorie Sunderland 2
League Cup: vittorie City 1
Totale: vittorie City 62, pareggi 24, vittorie Sunderland 49

Vi aspetto con i pronostici della Prediction League! 



7.11.13

La prima volta



Finalmente il City si comporta in Europa come vorremmo: con una scintillante vittoria all’Etihad contro il CSKA (5-2) i blues hanno messo il sigillo sul passaggio del turno mettendo entrambi i piedi agli ottavi di Champions League. Non era mai successo nella nostra storia. El Kun Sempre Sia Lodato e Alvarone La Bestia hanno siglato rispettivamente una doppietta ed una tripletta, giocando una sontuosa partita. Le note positive non sono finite: avendo passato il turno ad inizio novembre, Manuel Pellegrini avrà ora la possibilità addirittura di fare un po’ di turnover in Europa, lasciando a riposo qualche titolare per mantenere l’energia necessaria a cominciare la rincorsa in campionato; proprio i mesi di novembre e dicembre (con Tottenham, Arsenal e Liverpool da ricevere nel nostro fortino) saranno molto importanti per definire i nostri obiettivi e le nostre ambizioni in Premier League.

Manuel Pellegrini ha confermato la fiducia a Costel Pantilimon tra i pali. La sensazione è che se il portierone rumeno non commetterà errori madornali (l'altra sera solo un brivido in un’uscita nella prima frazione) resterà portiere titolare fino alla fine della stagione. Difficilmente Joe Hart potrà togliersi di dosso i patemi, soprattutto psicologici, della prima parte di stagione. In difesa il solito toro Zabaleta è stato affiancato da Martin Demichelis (lento anziché no), Matija Nastasic (un po’ di turnover con Lescott pare brutto?) ed un inguardabile Clichy. Ho visto la partita insieme a Noodles ed il saggio del gruppo mi ha fatto notare un aspetto importantissimo: questa squadra gioca sostanzialmente come quella di Mancio, sia come schemi che come ritmi di gioco, imponendo la stessa filosofia di lungo possesso palla. Il motivo per il quale prende più reti non è dovuto ad un maggiore sbilanciamento tattico ma solo perché rispetto alla difesa monstre del Mancio, ben 3-4 giocatori non assicurano più lo stesso livello di rendimento: Joe Hart, Vincent Kompany (sempre rotto, ormai), Gael Clichy. Joleon non gioca praticamente più e Mattia sta crescendo senza però dare l’idea di essere un incontrastato leader morale del pacchetto difensivo. Sono d’accordo con Noodles, non so voi.

Fernandinho ha giocato la sua solita solida gara ed è sostituito a metà partita da James Milner, giusto per dargli il riposo meritato dato l’impiego costante. In avanti la squadra ha dato spettacolo: Yaya, Silva e Nasri hanno intessuto una serie di trame di gioco che sembravano quasi telecomandate. El Kun ed Alvarone sembrano la coppia perfetta: il divino argentino è in stato di grazia e il bestione si sta dimostrando degno del calcio inglese e di un grande club. Avrà notato, il caro Edin Dzeko, come pur cambiando allenatore le gerarchie non si modificano: lui non è una prima scelta. La Bestia di Vallecas è arrivato in punta di piedi, si è allenato alla grande ed ora è il centravanti titolare della squadra, a suon di goal, assist, ottime prestazioni ed una garra atomica.

Guardiamo avanti con fiducia ed affrontiamo ora le partite di campionato con concentrazione totale. Sono proprio curioso di vedere dove saremo a fine dicembre.


5.11.13

ECL City 5-2 CSKA Mosca




City: Pantilimon, Zabaleta, Clichy, Demichelis, Nastasic, Yaya Toure, Fernandinho (Milner 46), Nasri (Navas 77), Silva (Kolarov 66), Aguero, Negredo
CSKA Mosca: Akinfeev, Wernbloom, Ignashevich, Berezutski, Honda (Vitinho 78), Nababkin, Musa (Zuber 45), Tosic, Milanov (Elm 46), Schennikov, Doumbia
Reti: Aguero 3 (pen), 20; Negredo 30,  50, 90. Doumbia 45, 71 (pen.)
Arbitro: Carlos Velasco Carballo (ESP)
Stadio: The Etihad Stadium
Spettatori: 35,000

Ci stiamo prendendo gusto, e la cosa non ci dispiace. A domani per i commenti e avanti così!



ECL - CSKA Mosca Preview



 Manchester City v CSKA Mosca
Data: 05.11.2013
Stadio: Etihad
Ora italiana: 20.45
Arbitro: Carlos Velasco Carballo  (ESP)

Partita di ritorno decisiva quella di stasera contro i russi del CSKA. Siamo di fronte al secondo scontro diretto contro la rivale di fatto per il secondo posto nel girone, e avendo già vinto a Mosca la partita di andata, vincendo oggi distanzieremmo i rivali di sei punti. Tenendo conto che il prossimo turno ci vedrà impeganti ancora in casa contro il Victoria Plzen, direi che i prossimi 90 minuti saranno decisivi per la nostra stagione Europea.

I nostri avversari sembrano in ripresa, dopo le due convincenti vittorie in campionato, ma il mister Slutsky è alle prese con una lista infortunati preoccupante. Con Alesksandrs Cauna, Alan Dzagoev, Figueira Mario Fernandes e Rasmus Elm indisponibili il tecnico del CSKA schiererà quasi sicuramente l'undici titolare che lo scorso week-end ha rifilato 5 reti all'FC Krasnodar.

In casa City l'allenatore ha confermato quello che tutti si aspettavano (auguravano?): Costel Pantilimon giocherà di nuovo dal primo minuto in porta mentre Joe Hart si accomoderà in panchina per la terza partita di fila. Queste le parole del mister a riguardo: "La panchina sarà utile per lui, tutti possono avere un momento no. Lavoreremo duro per farlo tornare sè stesso il prima possibile. Resta uno dei nostri top-players".





L'atmosfera potrebbe essere un tantino tesa, in questi giorni. Oltre alle questioni di formazione Pellegrini dve affrontare gli strascichi che riguardano l'esonero del suo predecessore Mancini, vera e propria presenza oscura ad Etihad: il simpatico Edin Dzeko ha pensato bene di infiammare la vigilia di coppa rivelando al mondo quello che il mondo sospettava da tempo: parte della squadra era contro Mancini lo scorso anno, parte dell'ufficio stampa anche, i due dirigenti spagnoli hanno acuito e cavalcato questo malcontento per far fuori l'allenatore italiano ed dare il via ad un "nuovo corso" con l'ingaggio di Manuel Pellegrini.

Premesso che abbiamo sviscerato l'argomento fino alla noia e che guardiamo avanti con piena fiducia nel tecnico cileno, c'è da registrare secondo me solamente i capricci di un giocatore da 8,4 (ottovirgolaquattro) milioni di euro a stagione che, poichè gioca poco, si permette di parlare con la dirigenza scavalcando l'allenatore come se fosse Cristiano Ronaldo, e la deboleza di una proprietà che ha sostanzialmente abdicato al proprio ruolo e sconfessato le scelte fatte solo qualche mese prima. Il resto, a cominciare da una finale di FA Cup non giocata dalla squadra, è solo vergogna.
Le possibili formazioni di stasera, con Kompany e Jovetic ancora fuori per infortunio:

Manchester City (4-4-2): Pantilimon; Clichy, Nastasic, Demichelis, Zabaleta; Fernandinho, Yaya Toure, Silva, Nasri; Aguero, Negredo.

CSKA Mosca (4-5-1): Akinfeev; Nababkin, Berezoutski, Sergei, Schennikov; Wernbloom, Milanov, Tosic, Honda, Musa; Doumbia




  


2.11.13

La valanga e i canarini


E' un pomeriggio da ricordare questo: il City ha brutalizzato il Norwich ottenendo la più larga vittoria casalinga degli ultimi 26 anni (10-1 contro l'Huddersfield Town nel 1987). In questi anni siamo stati abituati dalla nostra squadra a vincere più o meno tutte le partite casalinghe, spesso con margini ampi ma mai in questo modo. Ciò che colpisce è pure lo score dei marcatori: nessuno ha segnato più di una rete, è stata proprio una festa per tutti. David Silva ha ottenuto una standing ovation, uscendo poco dopo il 70° minuto tra gli applausi dei tifosi che hanno riconosciuto in lui il motore di questo trionfo.

Il primo tempo è stato quasi surreale: i ragazzi hanno aggredito la partita e l'avversario, creando gioco ed andando in rete con impressionante spettacolarità. La difesa avversaria è stata letteralmente assalita ed il portiere Johny Ruddy, in odor di nazionale, ha vissuto un pomeriggio da incubo. La mattanza è cominciata dopo 16 minuti con l'autogoal dello sfortunato Johnson ed è proseguita con David Silva, Matija Nastasic ed Alvarone Negredo, capaci di portare lo score sul 4-0 nei venti minuti successivi. La ripresa è proseguita nello stesso modo e ci ha portato in dote altre tre reti (Yaya, Kun, Dzeko).

Non considero questa partita significativa dal punto di vista delle indicazioni. E' chiaro che dobbiamo essere felicissimi del risultato ma non dobbiamo farci trascinare dagli eventi. Nulla di ciò che è successo oggi pomeriggio può seriamente essere preso in considerazione per fare ragionamenti, proiezioni o cose del genere. La prima volta in campionato di Costel Pantilimon si è trasformato in un non-evento. Non possiamo dir nulla sulla tenuta difensiva della coppia Demichelis-Nastasic nè di altro. Mi auguro che si possa ripartire - già contro il CSKA in settimana, se vinciamo siamo passati - non illudendoci di aver (ri) trovato la nostra strada. Già in passato siamo stati capaci di fare e disfare, di illuderci e ricadere amaramente con i piedi per terra. Sono tre punti, quelli di oggi; importantissimi pensando alla sconfitta dei Mourihni a Newcastle ma nulla più. Certo abbiamo dato una discreta sistemata alla differenza reti (oggi salita a +17 con il miglior attacco a 28 reti, 2,8 a partita). 


Sentiamo Manuel Pellegrini:

"Dobbiamo continuare così, provando a vincere ogni partita. Ci siamo rimasti molto male domenica, non meritavamo di perdere contro il Chelsea, avevamo dominato il possesso.

"In settimana abbiamo vinto a Newcastle passando il turno ed oggi ovviamente abbiamo disputato una grande partita. E' fondamentale avere questa continuità. Il Norwich non ha avuto una sola occasione da rete, noi ne abbiamo fatti sette ed abbiamo avuto anche altre occasioni. In genere una squadra in vantaggio 4-0 alla fine del primo tempo si ferma ma noi abbiamo continuato a giocare e ciò è importantissimo per me. E' quello che voglio vedere e che mi aspetto dai miei giocatori. Il Norwich è una buona squadra, ho visto le due partite contro Arsenal e Chelsea e lì persero a cinque minuti dalla fine...non mi aspettavo certo di segnare sette goal.

"Alvaro Negredo non si è infortunato ma ha giocato 115 minuti mercoledì e dobbiamo giocare di nuovo martedi in Champions così ho pensato di sostituirlo per dargli riposo. Dzeko aveva giocato benissimo contro il Newcastle ed era importante dargli un'altra opportunità per segnare.

"Su Joe Hart posso dire che il mio dovere è quello di valutare, settimana dopo settimana, chi sia nelle migliori condizioni per giocare. Joe aveva bisogno di fermarsi, può essere utile per lui. Ha giocato tutte le partite per due anni consecutivi. Ogni calciatore può avere un brutto momento di forma. So solo che Joe deve continuare a lavorare duramente e avrà il supporto di tutti noi. E' il portiere della nazionale inglese e tornerà ai suoi livelli quanto prima. Ora però Pantilimon è la scelta giusta per noi".





EPL 10 City 7-0 Norwich


City: Pantilimon, Zabaleta, Demichelis, Nastasic, Clichy, Toure, Fernandinho, Nasri (Milner 71), Aguero, Silva (Navas 73), Negredo (Dzeko 45).
Norwich: Ruddy, Martin, Olsson, Johnson, Turner, Bassong, Whittaker (Murphy 45), Howson, Hooper (Elmander 45), Fer, Pilkington.
Reti: Johnson 16 (aut), Silva 20, Nastasic 25, Negredo 36, Yaya Toure 60, Aguero 71, Dzeko 86
Arbitro: P Dowd
Stadio: The Etihad Stadium
Spettatori: 47.066

Il City ha asfaltato il Norwich (7-0) oggi pomeriggio ad Etihad, segnando sette reti e portando a casa una vittoria che resterà per molto tempo negli annali. Il Chelsea del Grande Abbracciatore Portoghese sbatte a St. James' Park contro il Newcastle e questa è una goduria. A presto per il commento!


1.11.13

The Citizens versus The Canaries


City v Norwich City
Data: 2 novembre 2013
Ora italiana: 16.00
Stadio: The Etihad
Arbitro: Phil Dowd

Dopo un tempo che pareva infinito, il City torna a Manchester per affrontare il Norwich domani pomeriggio. Le quattro trasferte di ottobre hanno portato tre vittorie (West Ham, CSKA, Newcastle) ed una sconfitta dolorosissima a Stamford Bridge. Guardando il bicchiere mezzo pieno, potremmo dire che la squadra ha invertito la rotta: dopo un inizio quasi tragico nelle trasferte di settembre, i ragazzi di Manuel Pellegrini hanno dato un bel segnale vincendo rispettivamente la prima partita fuori casa in Premier League, messo una seria ipoteca sul passaggio del turno in Champions League e conquistato i quarti di finale della Coppa di Lega. Non fosse stato per l'invereconda papera di Joe Hart a Londra, oggi parleremmo di tour quasi trionfale, al di là delle opinioni di ognuno di noi sull'effettiva qualità del gioco della nostra squadra. 

Purtroppo ci ritroviamo in settima posizione in Premier: se naturalmente non è la posizione che immaginavamo dopo il derby del 22 settembre, al tempo stesso non possiamo certo disperarci ora visto che siamo solo a novembre. Il problema è che le squadre che ci precedono (alcune, almeno) sembrano correre parecchio e mi riferisco in particolare ad Arsenal e Tottenham. Il Chelsea non mi ha impressionato più di tanto pur restando una squadra decisamente solida ed il Liverpool deve ancora dimostrare di poter lottare sul serio per il titolo.

Il nostro manager ha dichiarato che non ha ancora scelto il portiere per domani, limitandosi a frasi di circostanza sulla necessaria competizione che deve esserci in una grande squadra. Chissà. In questo articolo il Guardian scrive che Pellegrini ha scelto Pantilimon. Sono curiosissimo se davvero sarà così. Per domani dovrebbero mancare Javi Garcia e Stevan Jovetic, sempre più oggetto misterioso di questa misteriosa campagna acquisti. Anche Vincent Kompany non sembra pronto ed anche questo non aumenta di molto il mio entusiasmo. 


Il nostro Sempre Sia Lodato El Kun Aguero, dopo la pausa di metà settimana in Capital One Cup, cercherà di migliorare il suo eccellente bottino stagionale: 10 goal in 11 gare, 16 tiri nello specchio sui 20 totali. Credo che sia un rendimento eccezionale, soprattutto alla luce del fatto che il divino argentino ha praticamente saltato la preparazione pre-campionato. Molti continuano a sottovalutare Sergio, quasi mai inserendolo nella lista dei cosiddetti top-player, definizione tanto odiosa quanto stupida. In realtà il talento albiceleste ha messo a segno 42 reti in 72 partite di Premier e da poco è diventato il miglior marcatore di sempre della storia europea del club. Diciamo così, abbiamo visto di peggio.

Il Norwich City, guidato da Chris Hughton, cercherà senz'altro di contare sul portierone John Ruddy, fresco di contratto ed in ambiziosa ascesa verso (chissà) la porta dei Tre Leoni. Domani dovrà affrontare attaccanti in ottimo stato di forma, al di là di chi - tra Alvarone e Dzeko - affiancherà El Kun.

Gli ultimi precedenti:
19.05.13 City 2-3 Norwich
29.12.12 Norwich 3-4 City
14.04.12 Norwich 1-6 City
03.12.11 City 5-1 Norwich
25.09.07 City 1-0 Norwich

Gli scontri diretti:
Campionato: 27 vittorie City, 18 pareggi, 9 vittorie Norwich
League Cup: 4 vittorie City, 2 pareggi
FA Cup: 2 vittorie City, 1 vittoria Norwich
Totale: 33 vittorie City, 20 pareggi, 10 vittorie Norwich

Vi aspettiamo con i pronostici della Prediction League!



Pantilimon o Hart?



Dopo la vittoriosa trasferta in Coppa di Lega a Newcastle, ci troviamo a ragionare su alcuni spunti che la partita ci ha offerto. Intanto, la questione Hart. Costan Pantilimon, consueto portiere di coppa nazionale, ha giocato una gara molto positiva, producendosi in alcune buone parata ed infondendo quella tranquillità al reparto che quest'anno Joe Hart non è quasi mai riuscito a garantire. Cosa succederà ora? Manuel Pellegrini è l'unico a conoscere la risposta. Io lascerei riposare e riflettere Hart scegliendo Pantilimon. In genere ruotare i portieri non è mai una buona idea per tutta una serie di ragioni ma in questo caso credo sia inevitabile che Pantilimon si giochi le sue carte. Voi cosa ne pensate?

Il manager ha cambiato una decina di giocatori rispetto alla sconfitta patita a Stamford Bridge. Jack Rodwell è rientrato affiancando il sempre-presente Javi Garcia a centrocampo, Stevan Jovetic sta confermando tutti i nostri dubbi sul suo stato di salute, venendo sostituito da Alvarone Negredo dopo appena 10 minuti. Jesus Navas è partito alla grande contro il Newcastle alla prima di campionato e poi, pian piano, sta mostrando moltissimi limiti in termini di incisività e personalità. Ci eravamo già espressi: è un buon giocatore, potrebbe essere decisivo per caratteristiche tecniche ma manca completamente in termini di personalità e non è poco a questi livelli. 

Dedrick Boyata è tornato a vestire la nostra maglia e, nonostante il suo debutto sia datato 2010, ci è sembrato quasi un nuovo giocatore. Il belga ha giocato una buona partita e speriamo possa essere un'alternativa più affascinante di Garcia al centro della difesa.

James Milner ha giocato un'altra buona gara come centrale di centrocampo, da sempre il suo ruolo preferito per sua stessa ammissione. Il bulldog inglese rischia paradossalmente di pagare la propria versatilità tattica ma merita di giocare di più, non ci sono dubbi. Stupendo il suo assist per il goal di Edin Dzeko. A proposito di goal: Alvarone "bolla" di continuo, come dice Tirzan! Non è un fenomeno ma è piuttosto costante in zona goal!

In Coppa di Lega, targata Capital One, sfideremo in trasferta il Leicester City a metà dicembre: chissà che non porti buono come nella FA Cup 2011.




Prediction League: 6° Giornata



Ciao a tutti, scusate il ritardo ma qui trovate la classifica aggiornata dopo il sesto turno. Complimenti ad MF che con soli 3 pronostici è balzato in testa! Anche Stipe (al quale ricordo di postare sempre nella preview del match) è in primissime posizioni. Quanto al suo co-inquilino di questo momento, non mi sento di fare commenti: la stagione è lunga....
Vi abbraccio e...a domani per la preview del match contro il Norwich City!