30.1.14

Si può fare!




La straripante, Yayatourècentrica, logorrea di Nicola Roggero ieri sera, tra stroncature e giudizi al limite della condanna a morte, ha partorito una frase che più di ogni altra, forse, inquadra lo stato d'animo dei tifosi del Tottenham: "C'è una buona notizia per il Tottenham, non dovranno più incontrare il Manchester City". Amen.

Il tornado partito dalla parte blue di Manchester si è abbattutto ieri sera su White Hart Lane e sui suoi malcapitati tifosi per la seconda volta negli ultimi 4 mesi, e anche in questo caso, come era avvenuto nella partita di andata, non ha lasciato niente in piedi, se non la certezza che in questo momento non ce n'è per nessuno, non c'è strategia che tenga, non esiste controffensiva, non è dato sapere come limitare, se non evitare, la catastrofe. Josè, ti stiamo aspettando.

L'orchestra dell'ingegnere cileno inizia a diffondere sinfonie già dai primi minuti, tanto che se al ventesimo minuto il risultato fosse stato di 0-3 nessuno, credo, avrebbe avuto nulla da recriminare. Invece miracolosamente gli Spurs riescono a limitare i danni e a provare perfino qualche sortita offensiva, più che altro su calcio piazzato. Giusto il tempo di riprendere fiato, tra la fine del primo tempo e l'intervallo, e il secondo tempo torna a riproporre il copione da incubo del match. Uno-due devastante in meno di 5 minuti, rigore, espulsione per Rose, partita virtualmente terminata, sipario.

Dopo il terzo gol gli Spurs ritrovano invece una fiammata d'orgoglio e, sempre su calcio piazzato, un corner stavolta, riescono a segnare il gol della bandiera. Altra tirata di fiato dei nostri, altra carica, altre due reti ad arrotondare un risultato che non ci piace se non è bello rotondo.

La macchina da gol costruita finora da Pellegrini non sarà perfetta, a volte dimentica qualche diagonale, a volte perde le marcature, spesso fa fatica a gestire il risultato. Spero di non dovermi perntire di quello che sto dicendo, ma forse ci piace così, costantemente proiettata nel cuore dell'area avversaria, incapace di fare calcoli o limitare le incursioni, sempre alla ricerca della triangolazione veloce o dell'infilata sulle ali per le sue bocche da fuoco. Di sicuro non è lo snervante equilibrio catalano di Pep, nè la parata di autobus davanti alla porta del nostro prossimo avversario portoghese. 

E' lo schiacciasassi mancuniano targato Pellegrini, Navas, Silva, Aguero e chi più ne ha più ne metta, che continua a strappare le reti avversarie segnando 3 o 4 gol in più dell'avversario, con impressionante continuità, chiunque esso sia. Inutile soffermarsi a valutare le prestazioni dei singoli, perchè se è vero che i solisti stanno incantando settimana dopo settimana, è altrettanto vero che nell'ascoltare la melodia si fa fatica ormai a distinguere violini, contrabbassi o arpe. Qualsiasi stonatura si perde nell'energia e nella velocità del cambio di fronte. L'unica menzione se la aggiudica il redivivo Jovetic, nuovo asso fra le carte del mister e autore del primo gol in Premier. Bentornato Jo-Jo! Non so quanto durerà, spero il più possibile, ma come dice giustamente Dario, intanto ce la godiamo. Peccato dover aspettare ancora un mese per incontrare il Barcellona.

Capitolo arbitri: ho letto e sentito di favori arbitrali, decisioni dubbie e quant'altro. Il fuorigioco era millimetrico ma sembrava esserci, e sul rigore l'arbitro avrebbe potuto forse decidere diversamente perchè Rose in effetti tocca la palla. Io lo avrei dato, ma il punto vero è: davvero qualcuno, da Londra, dopo la spaventosa prova di forza di ieri, dopo gli 11 (undici!) gol incassati in 180 minuti, ha il coraggio di recriminare sull'arbitraggio o provare a dire che sarebbe potuta andare diversamente?

Capitolo Aguero (s.s.l): Difficle in questo momento avere notizie precise. Stiamo attendendo gli esami del caso. Il Kun ha comuncato stanotte via Twitter di aver sentito un dolore al polpaccio e di aver chiesto subito il cambio per precauzione, quindi non rimane che aspettare fiduciosi.

La sofferenza ha sempre fatto la parte del leone nella storia dei Citizens, e Pellegrini, per quanto mostruosa e imbattibile possa apparire al momento la sua creatura, ce ne ha lasciata un po' quà e là, giusto per poter dire di non aver perso la nostra identità. In questo momento però, qualunque cosa ci venga in mente dopo quello che abbiamo visto ieri e che stiamo vedendo da qualche mese, l'impressione è che si può fare!




17 commenti:

Lele ha detto...

Concordo con Dario, è molto lunga, molto, e il calcio ci ha insegnato come una partita dominata può cambiare in un secondo, e anche una stagione può cambiare in una manciata di giorni. Pero...
Però siamo forti, maledettamente forti, e belli. Mi viene in mente una frase di un film in cui parlando del mucchio selvaggio dice più o meno "sono solo centocinquanta, solo che cavalcano e sparano come fossero mille", ecco, credo che i nostri avversari a volte dinnanzi a noi possano pensare "beh sono pur sempre undici, come noi", già, solo che corriamo e segnamo come fossimo in 20. Ero convinto che la discontinuità mostrata all'inizio si sarebbe risolta in questa direzione, ma credevo accadesse più avanti. Bravo il Mister e bravi i ragazzi, ora continuiamo!

Noodles ha detto...

Io invece non ne ero convinto per niente. La prima mezz'ora di ieri sera, di fronte ad una squadra forte e in fiducia, è stato un qualcosa di veramente sublime. Tim Sherwood ha detto che giochiamo il calcio più bello del mondo. Speriamo bene per il Kun, perchè davvero tutto può cambiare in un nulla.

Marco D. ha detto...

Avevo manifestato più volte fiducia in passato ma devo ammettere che anch'io sono rimasto comunque piacevolmente colpito dalla prima mezz'ora di ieri sera, tanto da postarlo in diretta. Ora come ora mi vien da dire che chiunque può (e forse deve) temerci, certo è che non dobbiamo dimenticarci di temere a nostra volte le numerose insidie che ancora ci spettano.
Riguardo il capitolo champions credo che dopo il gioco espresso negli ultimi 2 mesi, dovessimo battere il Barcellona (cosa tutt'altro che facile), tutti gli altri (scusatemi l'immagine) comincini a cagarsi sotto..

diggio ha detto...

La vittoria di ieri ha un gusto davvero piacevole, vedere adebayor (uomo alquanto discutibile dal punto di vista morale) rosicare in quel modo è stato davvero bello,vederlo rincorrere i nostri giocatori cercando di prenderli a calci e pugni come se fossimo su un ring mi ha fatto capire quanto gli brucia perdere con noi, soprattutto in questo modo, mi vengono in mente due parole per lui:UOMO DI M***A. Poi volevo passare al sig. Caressa (oggi ce ne ho per tutti), pseudo-commentatore/giornalista/opinionista che ritiene un giocatore come il kun un giocatore scarso, soppravvalutato e raccomandato per il fatto che fino a poco tempo fa era il marito della figlia di maradona. Ecco io mi chiedo come si possa dire ciò?! non so se il sig. caressa ha visto la partita di ieri come tutte le altre di aguero quest'anno, ma io lo ritengo giocatore di un altro pianeta (per esempio rispetto a dzeko a alvarone), ieri in 30 minuti è stato DEVASTANTE, spero il suo infortunio sia breve e che possiamo vederlo con il barca. Caressa dovrebbe fare il fruttivendolo più che il commentatore tv( con tutto rispetto per i fruttivendoli). Parlando della prestazione di ieri non ho tanto da aggiungere a tutto quello che avete detto, prestazione da stroppicciarsi gli occhi, direi SUBLIMI...potevamo farne 8-9 di gol, a mani basse. Continuiamo così, non fermiamoci più, è davvero una goduria immensa veder giocare una squadra così...

P.s. Scusate i toni un pò accesi ma certi personaggi non li posso vedere!!

Lino1672 ha detto...

@diggio

100%


Se lunedì vinciamo ......ciao ciao Chelsea

Gianluca ha detto...

ragazzi,si parla di Fernando e Mangala dal porto per 50 milioni di euro entro domani??Cosa ne pensate??Sempre forza MANCHESTER CITY!!!!!!!

setteblu ha detto...

Caressa è un comico (di scarso livello). Perché dovrebbe capire qualcosa di calcio. S'interessi del suo ciuffo piuttosto.

setteblu ha detto...

Ciao Gianluca. Sinceramente: li conosco poco o niente. Non so darti un parere.

Noodles ha detto...

Capisco il disappunto di Diggio, ma dover leggere il nome "caressa" qui dentro, e più volte, in una giornata dove tutto il mondo del calcio parla di noi....beh...un po' mi dispiace.

diggio ha detto...

si caro noodles hai ragione, certi ciarlatani sarebbe meglio non nominarli proprio e bisognerebbe pensare solo a godersi questa splendida squadra, il mio era uno sfogo dovuto alle chiacchiere che sento dai giornalisti italiani sul city fin da quando arrivò mancini ...l'altro giorno sportmediaset parlava di jovetic vicino alla juve perchè in rotta con la società, ma si possono scrivere certe cose?? sono schifato da certi personaggi, e ho fatto il nome di caressa su tutti...

Kuspide ha detto...

Credo davvero che si tratti di "nuddu ammiscatu cu nenti", come direbbero giù in sicilia. Se fosse stato raccomandato le grandi squadre lo avrebbero mollato da un pezzo, invece di litigarselo a suon di decine di milioni di euro. La realtà è che Aguero è stato decisivo nei momenti positivi, è stato stradecisivo nei momenti drammatici, e continua ad essere decisivo perfino in una formazione come quella di questo periodo, che gioca in questo modo meraviglioso. Purtroppo è talmente raccomandato e sopravvalutato che potrebbe essere l'obiettivo del Real il prossimo anno, a quanto si legge in giro, caro il mio commentatore sportivo da playstation.

Denis80 ha detto...

Non toccate Caressa che è innanzi tutto è un grandissimo commentatore che rende bella anche Chievo-Sassuolo, un grande giornalista, ha fatto una serie su Sky uno dove era in Afghanistan e faceva il diario di viaggio televisivo e infine È IL SUO LAVORO e penso che di calcio ne capisca più di tutti noi messi insieme dato che è quasi la sua vita. Quando uno di voi sarà commentatore di tutte le finali dei mondiali ditemelo. Andate voi a fare i fruttivendoli buffoni.

Noodles ha detto...

Qui si parla del City e del suo bellissimo momento. Rivolgo una preghiera ai partecipanti. Non mandiamo tutto in vacca cambiando argomento o rispondendo al primo coglione che entra per provocare.
Grazie.

Marco D. ha detto...

Non quante volte tu sia stato a letto con caressa, caro Denis 80 ma mi spiace contraddirti. Il solo fatto di essere lì non gli attribuisce per forza di capirne più di tutti. Ti faccio presente che in Italia Renzo Bossi è stato in regione Lombardia, Er Batman consigliere in Lazio, tanto per gradire. Il pulcino pio è stato in testa alle classifiche per parecchie settimane, è più capolavoro di "the dark side of the moon"? Continua a giudicare in base ai ruoli se vuoi, niente contro Caressa, ma per me è più showman che uomo di calcio.

Citizen 89 ha detto...

Sul gol annullato agli Spurs devo fare ammenda, il fuorigioco c'è anche se di poco, lo streaming mi aveva ingannato.

Detto questo c'è poco da dire, in questo momento il City è imbattibile, era da tantissimo tempo che non vedevo una squadra giocare un calcio così offensivo e spettacolare.
Come già detto ieri subito dopo la partita, se giochiamo come i primi trenta minuti non ci ferma neache il Real Marte!!! Nonostante questo nutro timore nei confronti di Mourinho (allenatore che stimo) che grazie al suo proverbiale fattore "C" potrebbe crearci dei grossi problemi.

Dico la mia su Caressa, penso sia un grande esperto di calcio (anche se la frase su Aguero mi fa nascere più di qualche dubbio), però personalmente lo trovo un telecronista alla lunga noioso! Cazzo, è da secoli che usa sempre gli stessi termini; finisce sotto la doccia, tutti a bere un the caldo, mucchio selvaggio etc. etc. etc........E BASTA!!!! AGGIORNATI!!!

p.s. per il discorso di Marco D. sul miglior disco musicale della storia io voto per "Reign in blood" :-))))))

setteblu ha detto...

Grande Marco! In effetti c'è un filo rosso che unisce Caressa, Er Batman e il Pulcino Pio. Mi hai aperto un mondo....

Alessandro Bevilacqua ha detto...

bene bene... oltre al City qui si inizia a parlare anche di musica :-)

Reign in Blooood tutta la vita...
^_^

MCTID