22.2.14

EPL 26 City 1-0 Stoke


City: Hart, Zabaleta, Kompany, Demichelis, Kolarov, Fernandinho (Navas 62), Yaya Toure, Silva, Nasri, Dzeko, Negredo (Jovetic 56, Garcia 68).
Stoke: Begovic, Pieters, Wilson, Shawcross, Cameron, Arnautovic (Palacios 67), Whelan (Etherington 81), Adam, Odemwingie, Walters (Ireland 77), Crouch.
Reti: Yaya Toure 70
Arbitro: Chris Foy
Stadio: The Etihad
Spettatori: 47.038

Il City ha battuto oggi pomeriggio lo Stoke all'Etihad (1-0) grazie ad un goal di Yaya Toure in un replay della finale di FA Cup di tre stagioni fa. Questi tre punti ci lasciano nella scia del Chelsea, oggi vittorioso all'ultimo respiro contro l'Everton e dell'Arsenal: siamo sì terzi ma con una partita da recuperare e comunque a tre punti dalla vetta della classifica. Il match non è stato spettacolare e credo che la squadra abbia pagato l'enorme sforzo mentale della sfida al Barca in Champions; per questo i tre punti hanno ancora più valore e significato perchè la squadra non ha giocato bene come al solito ma è riuscita comunque a vincere. Torneremo a giocare in campionato il 15 marzo.

Lo Stoke è venuto a Manchester per portare via un punto ed ha condotto una gara sostanzialmente difensiva, con le linee di difesa e centrocampo praticamente sovrapposte. I biancorossi hanno lottato e frustrato le ambizioni dei nostri ragazzi, costringendoli ad un ritmo davvero troppo lento per potersi definire pericoloso. Al minuto 21 però è stato proprio lo Stoke, con Charlie Adam, a sfiorare il vantaggio costringendo Big Joe ad una parata non semplice. 

Con Silva in crescendo, la squadra è leggermente migliorata verso la fine della prima frazione ed ha avuto una buona occasione con Edin Dzeko, autore di un tiro finito fuori di un niente dopo un bello scambio con Negredo, anche oggi giù di condizione. Alla fine del primo tempo, il City ha toccato i 225 minuti senza segnare in campionato e non si può dire che questa non sia una notizia.

La ripresa è cominciata con le stesse difficolta, sia di ritmo che di impostazione di gioco. Manuel ha deciso allora di cambiare facendo entrare prima Jovetic al posto della Bestia e poi Jesus Navas al posto di Fernandihno (naturalmente fuori forma dopo lo stop) per allargare il gioco e velocizzare la manovra. David Silva ha avanzato la propria posizione fino a mettersi dietro le punte, cercando di innescarne le polveri a dire il vero piuttosto bagnate oggi. JoJo ha concluso a rete da fuori area in modo inefficace e dopo pochi minuti è stato costretto a lasciare il campo per un nuovo infortunio: al suo posto Javi Garcia. Il montenegrino è uscito camminando ed io avevo addirittura pensato ad una sostituzione tattica (certo, improbabile). 

Bestia nera per lo Stoke: un letale YAYA

Dopo due minuti finalmente il goal che ha sbloccato e poi deciso la contesa: su un cross teso di Aleksandar Kolarov, Yaya s'è fatto trovare pronto all'impatto con il pallone, mettendo nel sacco con un tiro non indimenticabile ma sufficientemente velenoso per impedire a Begovic di trattenerlo. Minuto 70: City 1 Stoke 0.

Lo Stoke non ha pensato nemmeno per un secondo di cambiare tattica ed ha decisamente mantenuto un atteggiamento prudente, per usare un eufemismo. Edin Dzeko s'è divorato un goal incredibile su cross di Navas - dopo un fantastico recupero sulla tre quarti di Yaya - e pure Silva ha poi mancato l'occasione per chiudere il match ed i nostri patemi scegliendo di passare il pallone a Yaya invece di tirare su una ripartenza simile dopo aver recuperato il pallone in fase avanzata.

Per come ho visto io la partita, Samir Nasri è stato il giocatore che più mi è piaciuto ma anche Silva e Yaya si sono dimostrati importantissimi nonostante non fossero nella loro migliore giornata. I due attaccanti hanno invece giocato male e sono molto contento che El Kun Sempre Sia Lodato torni in gruppo martedì. 

Non è un momento facile, la forma della squadra non è al top ma è importante vincere proprio questo genere di partite quando non si è in grande spolvero. Ci riaffacceremo in Premier avendo molto probabilmente nove punti di distacco con tre partite da recuperare (salteremo le prossime due prima per la finale di League Cup contro il Sunderland e poi per il quarto di FA Cup contro il Wigan Athletic). Speriamo che il Chelsea e l'Arsenal perdano qualche punto nelle prossime settimane.

Intanto però la nostra prossima fermata è Wembley. Un abbraccio a tutti i blues.


4 commenti:

Alessandro Bevilacqua ha detto...

non sono stato sempr tenero con Nasrì, ma attualmente con lui in campo siamo più "quadrati".
Secondo me abbiamo parecchi giocatori al 70%.
Una settimana di stop ci voleva fino a Wembley.
Li dobbiamo vincere e alzare il trofeo. Punto e basta.

Stendo un velo pietoso sul nuovo infortunio di Jovetic. Quando lo acquistammo lo si sapeva che era un giocatore di cristallo, bravo, giovane ma pronto sempre a rompersi... L'ultimo anno a firenze è stata una tribolazione...

cmq sia sempre forza city!

MCTID

Ps: per la finale nessuna diretta in italia? streaming?!

setteblu ha detto...

Ciao, condivido tutto. Una settimana di lavoro prima di Wembley è una manna dal cielo ed il probabile rientro del Kun anche. Jovetic è un cristallo davvero, speriamo non sia nulla di grave perchè ci serve per il finale di stagione.
Sulla finale, al momento non è prevista la diretta in televisione.

setteblu ha detto...

UPDATE Pellegrini ha dichiarato che l'infortunio di Jovetic non sembra grave, probabilmente un crampo, una specie di indurimento al tendine del ginocchio. Speriamo bene, è fondamentale che recuperi al più presto.

Lino1672 ha detto...

Vittoria bruttina ma importante.
Vorrei sottolineare la bravura di Kolarov capace sempre di belle sovrapposizioni e cross precisi.....grande!
a presto .