9.2.14

Guardiamo avanti


E' stata una gara difficile quella di Carrow Road e la squadra non è riuscita più di tanto ad impensierire il portiere avversario. Gli ultimi otto giorni non sono stati positivi per noi: dopo il trionfo vero e proprio di White Hart Lane, siamo stati battuti da un Chelsea capace di rimontarci ben cinque punti in un amen, senza riprendere il cammino ieri. Non eravamo già campioni prima, mi rifiuto di considerare tutto finito oggi. Il campionato va a fasi, a strappi ed è necessario non perdere né calma né fiducia. 

Manuel ieri pomeriggio è stato costretto ad impostare una formazione con Yaya molto "basso", in ruolo tipicamente difensivo con James Milner in una posizione classica da centrocampista centrale. Con il pallone d'oro africano schierato davanti alla difesa e poco propenso alla salita, la manovra ne ha risentito. Clichy ha lasciato riposare Kolarov (almeno fino ad un certo punto del match) ma non si è dimostrato in forma. Negredo e Dzeko sono chiaramente bloccati da problemi vari (alla spalla per Alvarone, alla caviglia per Edin) e lo stesso Pellegrini non ne ha fatto mistero in sala stampa. Mi è piaciuto Jesus Navas, un po' meno Merlino.

Tutta la squadra ha giocato a ritmi ridotti e sfido chiunque a sostenere che le assenze di Fernandinho, Nasri ed Aguero non siano determinanti in questo scorcio di stagione. Non credo affatto che i ragazzi abbiano risentito psicologicamente della sconfitta contro il Chelsea e sono convinto che sia stato un momento di appannamento dopo tre mesi stellari. Magari con il Kun in campo avremmo sfruttato una delle poche occasioni create ed oggi saremmo primi insieme ai capitolini. Il momento di appannamento deve finire presto perché ci troviamo sì a due punti dalla vetta ma con due squadre davanti. Magari oggi tutti si affretteranno a tagliar fuori l'Arsenal dopo la rumba di ieri ad Anfield mentre io credo che i gunners arriveranno in fondo, così come i Reds di Brendan Rodgers. Mercoledì dobbiamo battere il Sunderland, banale da dire.

Abbiamo recuperato Stevan Jovetic: il montenegrino ieri ha giocato una signora partita, sempre nel vivo del gioco, volenteroso, dinamico, un po' frenetico ma presente in campo. Ci vorrà del tempo ma - facendo scongiuri - possiamo dire di aver finalmente a disposizione il giocatore che volevamo.

Prova TV per Yaya?

Altre brutte notizie sul fronte delle assenze potrebbero arrivare dalla Football Association: è probabile purtroppo che Yaya possa essere squalificato per tre giornate per il calcio rifilato all'olandese del Norwich Ricky Wolfswinkle. L'azione non è stata vista dall'arbitro ma è stata colta da tutte le telecamere presenti allo stadio. Onestamente, la squalifica non sarebbe fuori luogo, anzi: Yaya ha colpito chiaramente con un calcetto l'avversario, in modo non violento ma totalmente gratuito. Che dire, speriamo di no ma non sorprendiamoci se l'ivoriano verrà squalificato. 



2 commenti:

fedeblue89 ha detto...

innanzitutto, colgo l'occasione per farvi i miei più, sinceri complimenti per il vostro lavoro..
concordo pienamente, purtroppo le assenze sono pesanti e determinanti, ( speriamo davvero bene per yaya ).... vorrei vedere se al Chelsea ( tra l'altro non dimentichiamoci il loro 0-0 contro gli hammers, con la stessa dinamica del nostro di ieri)fossero mancati hazard, willian e lampard ad esempio cosa avrebbero fatto in queste partite, specialmente contro di noi...io sono molto fiducioso, siamo in finale di capital one e lanciatissimi verso le altre tre competizioni...abbiamo una grande squadra ed un ottimo allenatore che quest'anno ci hanno regalato grandi soddisfazioni in campionato e in europa... ora testa al Sunderland mercoledi' e forza city!!
ps: acuistato il biglietto per city-aston villa.. C'MON CITY!!

setteblu ha detto...

Grazie fede, concordo. Anch'io vorrei vedere il Chelsea senza Cahill, Ramires, Hazard, Willian. Noi abbiamo una grande squadra ma anche un calendario molto difficile. Io sono sempre fiducioso - per definizione - ma sarà durissima. A presto!