9.3.14

City 1-2 Wigan


City: Pantilimon, Richards, Lescott, Demichelis, Clichy, Toure (Silva 53), Garcia, Navas (Milner 53), Nasri, Aguero, Negredo (Dzeko 53).
Wigan Athletic: Carsson, Perch, Crainey, McEachran (Espinoza 67), Ramis, McCann, McManaman (McClean 58), McArthur, Boyce, Gomez, Fortune.
Reti: Gomez rig 28, Perch 47, Nasri 68
Arbitro: A Taylor
Stadio: Etihad Stadium
Spettatori: 46.824

Imbarazzante eliminazione del City oggi all'Etihad. Il Wigan Athletic, guidato dal nostro Uwe Rosler, è riuscito nell'impresa di batterci nuovamente dopo la finale di Wembley dello scorso maggio e per di più a casa nostra. La supponenza e la sufficienza con le quali è stata affrontata questa gara sono ai limiti dello scandalo. L'anno scorso quelli che sanno tutto ci hanno raccontato che i giocatori avevano preso di mira Mancio mentre quest'anno tutti si sprecano nel lodare il carattere di Pellegrini. Dobbiamo dedurre che siano proprio i giocatori a non avere sufficiente personalità per giocare in una squadra realmente grande. Personalmente seguirò con grande simpatia questa piccola bestia nera, il Wigan, a maggior ragione sapendo che sarà guidata a Wembley da Uwe. A me non sta per niente antipatica questa squadra, anzi. I biancoblu hanno saputo sfruttare alla grande le piccole teste dei nostri giocatori, incapaci di aggredire il match sin dall'inizio. Per la cronaca, abbiamo sfiorato un pareggio che sarebbe stato sommamente immeritato visto che il goal di Samir Nasri è palesemente irregolare, dato il fuorigioco netto ed influente di Joleon Lescott. Clichy e Demichelis hanno compiuto errori gravi ma non sarebbero stati determinati se tutti avessero giocato con la giusta voglia di vincere.
Archiviata la Coppa di Lega, chiudiamo qui la FA Cup e tra tre giorni usciremo dalla Champions. Non mi preoccupa non vincere più niente, mi preoccupa molto l'arroganza di calciatori che non sanno proprio imparare dai propri errori. Le esperienze di Wembley a maggio 2013, il rischio contro il Watford ed anche il primo tempo della finale di Sunderland (senza considerare Cardiff, Villa e Sunderland in Premier) non hanno ancora fatto capire ai nostri "fenomeni" che senza determinazione non si vince. Ciao Uwe, complimenti a te ed alla tua squadra. Tutto il popolo blue ti abbraccia.




49 commenti:

Citizen 89 ha detto...

Wigan, Hull e Sheffield in semifinale, chi l'avrebbe mai detto? Complimenti a loro!

amiodarone ha detto...

Mi può star bene fare brutte figure in europa perchè, si dice, non abbiamo la giusta esperienza ma lasciare 2 F.A Cup con una squadra come il Wigan è ridicolo. Mi viene un dubbio? Tutti questi milionari imbellettati se ne approfittano dello sconfinato amore di una tifoseria da sempre "povera" e che forse perdona loro troppe prove come quella di oggi?
Non vorrei essere disfattista ma al minuto 93' di 2 anni fa eravamo riusciti nell'impresa di non vincere in casa con una squadra quasi retrocessa in 10!!!!! ...Comunque forza City!!!

Noodles ha detto...

Una vergogna immane. Il nostro gol "della bandiera" era pure in evidente fuorigioco. E' bastata una qualsiasi Coppa di Lega a farci sentire a posto. Non riesco ancora a crederci. Complimenti all'eroico Wigan per l'impresa. Anche se da quelle parti, vista l'abitudine ad asfaltarci, di impresa non ne parleranno proprio.

Kuspide ha detto...

Io non dico più nulla sui confronti tra il cileno e il portoghese, ma sfido chiunque adesso a "divertirsi" giocando un calcio spettacolare sapendo che è fine a se stesso. Sono d'accordo sulle differenze di spettacolarità tra le due squadre, il City quest'anno è stato spesso una goduria per gli occhi e un esempio di bel calcio. Ieri pomeriggio ci siamo goduti il rovesco della medaglia.

Lele ha detto...

Sono veramente amareggiato, molto amareggiato. Troppo.
Da sempre tengo alla FACup come a poche altre cose, dopo la vergogna dello scorso anno, con di nuovo il Wigan di fronte, mi aspettavo altro, e non a livello di risultato.
Si può uscire da una competizione, ma lo si può e lo si deve fare con dignità e con rispetto, per i tifosi, per la maglia che si indossa ed infine per se stessi maledizione, ma questi signori ogni tanto sembrano proprio non avere dignità. Fra non molto usciremo dalla Champions, e possiamo anche non vincere la Premier, ma questo è il calcio, avremo dato il nostro meglio, con coraggio e orgoglio, avremo fatto i nostri errori e li pagheremo, e sapremo accettare una sconfitta così come tante volte abbiamo fatto in passato. Ma ieri non c'è stato niente di tutto questo. Non doveva andare così, proprio no. Ora andiamo a Barcellona, ne usciremo come ne usciremo, non credo ai miracoli ma al nostro cammino di Champions non ho nulla da dire, abbiamo incontrato una squadra che ancora profuma di leggenda, e abbiamo provato, se usciremo pazienza, è un tassello che ci farà crescere ancora. Dopodichè...attenzione, perdere due coppe in una settimana non sarà facile, occorrerà ritrovarci, e in fretta, senza troppi traumi, la stagione potrebbe decidersi anche in momenti come questi, tiriamo fuori gli attributi, del resto discuteremo a fine stagione.

Ciccio ha detto...

Grande Pellegrini.Era prevedibile la deconcentrazione dei nostri nell'affrontare una squadretta delle serie B inglese a tre giorni dal Barca.Li si vede la stoffa dell'allenatore .... e infatti....ha fatto la figura del peracottaro!

MF ha detto...

Ieri disastrosi.. Ma io continuo ad essere ottimista per la Premier... Nei recuperi almeno sette punti sono fattibilissimi! E se arriviamo a pari punti saremo sicuramente in vantaggio noi.. Ce la giochiamo fino alla fine con Mou.. Come ero sicuro che sarebbe successo...
È comunque anche in Champions qualche speranza ce l'ho, il Barca sta facendo davvero schifo.. Peccato aver preso il secondo gol altrimenti eccome se ci avrei creduto!

setteblu ha detto...

@Kuspide: si poteva battere il Wigan anche con me in panchina, anche contro la volontà del manager. Non serve il Pulcinella portoghese per avere la meglio sul Wigan. Dopo Mancini, Pellegrini. Comincio seriamente a dubitare della reale grandezza (mentale) di molti dei nostri giocatori. Il Watford poteva e doveva insegnarci qualcosa.

Lele ha detto...

@setteblu
100% prestazioni come quella di ieri prescindono del tutto (a mio avviso) dalle responsabilità del manager, valeva un anno fa e certo non cambia oggi, e non mi si venga a parlare di manager alla Josè Pajasso Mourinho che motivano i giocatori, una semifinale di FaCup in palio, contro la stessa squadra con cui hai messo in scena lo scempio dello scorso anno...se non se motivato da te (e dal lauto stipendio che puntualmente incassi a fine mese), non c'è manager che tenga. Certo forse qualcuno in società potrebbe farsi sentire, ma un Manager deve insegnare calcio, come squadra, come impianto tattico, e Manuel per me lo sta facendo anche bene (ma magari ne parliamo meglio a fine stagione). In un quarto di finale FACup, un giocatore svogliato a tal punto da mettere in scena quello che ho visto, non ha scusanti, anche se in panchina ci fosse stato Mark Hughes.

Kuspide ha detto...

Della grandezza reale dei nostri giocatori abbiamo dubitato in diverse occasioni e credo non ci siano più grandi dubbi in realtà (anche se sono convinto che Aguero e Tourè abbiano la personalità giusta e abbiano spesso fatto la loro parte in questo senso). Quello che dico io però è che quando non hai la personlaità forte in campo che tiene alta la concentrazione del gruppo e infonde grinta alla squadra, è l'allenatore che deve farlo, e in questo il nostro mister manca.

setteblu ha detto...

@Lele Forse non si è capito ma è esattamente ciò che ho scritto. Condivido tutto ciò che dici.

setteblu ha detto...

@Kuspide Forse Pellegrini per tenere alta la concentrazione del gruppo doveva fare dichiarazioni tipo: "Preferirei allenare il Wigan piuttosto che il City", come fa Pulcinella. E tutti magari gli avrebbero dato del genio.

Kuspide ha detto...

Non c'è bisogno di tirare fuori Mourinho in ogni confronto, ci sono altri allenatori che in situazioni ben più complicate di quella di Pellegrini riescono comunque a fare la differenza, ad essere valore aggiunto. Come ad esempio Simeone all'Atletico, o lo stesso Conte (il primo anno la juve era da rifondare, non lo dimentichiamo), e invece ci sono allenatori, bravi, che da 30 anni nel calcio, in qualunque contesto, fanno quello che ci si aspetta da loro: arrivare secondi. Vedi Ranieri in Francia, mi ci sarei scomesso la casa (anche se ora mi si dirà che è stato sfortunato, che il PSG è imbattibile ecc. ecc., sono 30 anni che è sfortunato).

Lino1672 ha detto...

I giocatori possono avere un supporto nell'allenatore sia per quanto riguarda la tattica sia per quanto riguarda la concentrazione e la motivazione da mettere in campo....però alla fine sono i giocatori che sono in campo !
secondo me Pellegrini svolge bene il suo lavoro ma se i giocatori non ci mettono l'impegno cosa può fare!
avete visto i giocatori del Wigan, sembravano indemoniati, raddoppiavano le marcature, correvano , cercavano gli spazi...sicuramente Uwe gli avrà detto com fare, ma poi sono i giocatori che devono applicare il gioco!
Una grande delusione non tanto per l'eliminazione ma per la pochezza dimostrata .

Lino1672 ha detto...

Abbiamo regalato la coppa all'Arsenal.

setteblu ha detto...

Se una squadra come la nostra non batte il Wigan perché il manager non sa gestire le situazioni o perché è un perdente siamo ai titoli di coda del ragionamento logico e del pensiero razionale. Pellegrini sarà pure destinato ad arrivare secondo ma ciò non c'entra NULLA con la vergogna di ieri pomeriggio.

Kuspide ha detto...

Lino sono d'accordo sul fatto che sono i giocatori a scendere in campo, ma questo non spiega come mai, ad altissimi livelli, ci sono allenatori che hanno cambiato diverse squadre e hanno vinto, e allenatori che hanno avuto tante esperienze diverse e per un motivo o per un altro, sono sempre rimasti a bocca asciutta. Non sto parlando di una stagione, sto parlando delle carriere ventennali di Ancellotti, di Capello, o anche di Benitez, per non citare l'innominabile. Oppure spiegatemi perchè non è sufficiente costruire lo squadrone da 500 milioni di euro per vincere, anche senza allenatore.

Kuspide ha detto...

Vabè, allora aspettiamo la prossima campagna acquisti, è stato sfortunato.

setteblu ha detto...

E aggiungo: possibile che non venga niente di meglio in mente che dare la colpa al manager quando si perde una partita? È davvero tutto qui?

Kuspide ha detto...

Mi dispiace ma non attacca: io l'ho criticato dopo la vittoria di Monaco e conosci da sempre la mia posizione nei suoi confronti.

Alessandro Bevilacqua ha detto...

a mente fredda io dico una cosa.
Nella scala dei valori di quello che si doveva/si è vinto/si dovrebbe vincere x il board:
1°) Champions League
2°) Premier League
3°) Fa Cup
4°) Coppa di Lega

Ieri, sulla carta, si sarebbe dovuto vincere ad occhi chiusi. Per buoni 70 minuti non abbiamo avuto minimamente la voglia di vincere.
Poi Negredo, Aguero e Navas sono nettamente fuori condizione. Yaya è visibilmente stanco. Come in ogni partita di domestic cup, io, chiedevo di mettere SEMPRE in campo i panchinari. Ieri abbiamo pure avuto la ennesima dimostrazione che non abbiamo riserve decenti, ma solo 11 titolari fissi... Clichy e Richards capisco perchè continuano a scaldare la panchina. Pantilimon lo stesso (echecazzo reattività zero sul rigore...)
ieri sembravano che ci stessero facendo un favore a giocare la partita.
Tenendo poi conto che un eventuale replay ed una eventuale semifinale e finale avrebbe allungato ad almeno altri due rinvii in campionato. e saremmo arrivati a 5!

Meno male che mercoledì finisce pure la Champions, così almeno, cazzo di un dio sumero, ritornano a concentrarsi su questo benedetto campionato...

MCTID

PS: io lo dicevo dal 3°turno che era meglio uscire con il Blackburn fuoricasa che allungare a dismisura un calendario già lungo ed estenuante, giocato con soli 11 giocatori decenti...
Ma qui quasi tutti mi davano del miscredente dicendo quanto era bello vincere tutto... alla fine abbiamo visto.
Ma manco a Football Manager si riesce lottare su 4 fronti e a vincere 4 trofei nella stessa stagione giocando con 16 giocatori di livello...

setteblu ha detto...

Sì, è la classica posizione del tifoso italiano: si attacca l'allenatore dopo ogni sconfitta e non lo si giudica per il suo lavoro in modo più completo. I 500 mln non li ha spesi lui e non è un caso se in Europa nei vari campionati le squadre che vincono sono sempre le stesse. Per creare quella mentalità che a noi manca non bastano poche stagioni e forse non un solo allenatore...servono anni. Mancio ha cominciato il lavoro, Pellegrini lo prosegue e magari qualcun altro lo continuerà. I soldi sono la base fondamentale, poi serve molto altro.

setteblu ha detto...

@Alessandro Una squadra come il City non può permettersi di scegliere.

Kuspide ha detto...

1. ho gia scritto che l'ho criticato in ben altre occasioni...
2. avete la brutta abitudine di inziare ad offendere, ad un certo punto, quasi che si tratti di una questione personale.

setteblu ha detto...

Offendere??? Dici a me????????

Kuspide ha detto...

Si. Non capisco perchè se uno fa una critica si debba vedere genericamente inserito in una categoria, oltretutto arbitraria. Mi sembra abbastanza sterile, come argomento.

setteblu ha detto...

Non era un'offesa proprio per niente. In Italia è tipico mangiarsi la figura dell'allenatore, in Inghilterra no anche se negli ultimi anni anche il football d'Albione ha preso questa brutta piega. Era solo un'opinione, non mi sognerei mai di offenderti...perché dovrei? Ti abbraccio!

Kuspide ha detto...

Ah ok, adesso è tutto più chiaro.

Lloyd ha detto...

Non ci sono cavoli amici, la squadra non ha la testa. Mancini è un buon motivatore, magari non migliore di Pellegrini nel gestire lo spogliatoio, ma abbiamo visto, con entrambi, quali sono stati i cali di concentrazione di questa squadra.

Poi, è vero, questo sarà certamente un episodio, ma nell' arco di due anni, possiamo inanellare tutta una serie di episodi che oramai stanno diventando sintomatici. I giocatori, alla fine, sono sempre gli stessi.

Non sono d'accordo sulla panchina, o meglio, non totalmente. Non abbiamo un sostituto degno di Nastasic, ne uno degno di Fernandinho/Yaya, ma per il resto, è un' eccellente panchina.

Quanto mi manca Barry...

Noodles ha detto...

Non so se è stato detto, mi sono un po' perso.....ma a mio parere nessuno è esente da questa vergogna. Ma proprio nessuno, e mi riferisco soprattutto a chi sborsa quantità industriali di denaro da 5 anni, e dimostra di avere le idee tutt'altro che chiare sulla scelta degli uomini. Che siano direttori sportivi, manager, giocatori. Io penso che la partita di ieri sia una sentenza. Ovvero, questo gruppo, tutto il gruppo, ha una forza mentale molto, molto limitata, per avere grandi ambizioni. I sospetti c'erano, ora non sono più sospetti. Se qualcuno la pensa diversamente, leggerò con molto piacere le sue argomentazioni. Io sono terribilmente incazzato, ho pure dormito male, e attuerò la mia "durissima" protesta astenendomi dalla visione delle prossime partite. Dopo questa fondamentale informazione, vi saluto tutti cordialmente.

Kuspide ha detto...

No scusa Noodles ma l'allenatore no, altrimeni "siamo ai titoli di coda del ragionamento logico e del pensiero razionale" e tu sei il tipico tifoso italiano: "si attacca l'allenatore dopo ogni sconfitta e non lo si giudica per il suo lavoro in modo più completo".

Ma senza offesa! :-)

setteblu ha detto...

Esatto. Un tifoso inglese non scriverebbe mai le cose che scrive Noodles. E lui lo sa bene perché ne abbiamo parlato tante volte. Noi italiani abbiamo una mentalità diversa: nessuno ha ragione o torto, siamo solo diversi. Ieri attaccavamo Mancini, oggi Pellegrini e domani un altro. Oggi nella stampa inglese non c'è traccia di attacchi al manager o ai giocatori o se c'è è una posizione minoritaria.

Noodles ha detto...

Ops...dimenticavo....un'ultima considerazione che ci riguarda.
Ho notato che i post del dopo Coppa di Lega sono stati 10/12. Dopo questa sconfitta siamo già oltre i 30. Quindi, affinché qui dentro le discussioni continuino ad essere animate, costruttive, distruttive, sarà bene che la squadra dia seguito all'esaltante prestazione di ieri.

setteblu ha detto...

Peccato: adesso che il manager verrà cambiato a furor di popolo e cominceremo a vincere la Champions ogni anno dovremo per forza chiudere il blog. Mi mancherà scrivere e leggere i commenti. Vabbè, pazienza: lasceremo a vita una foto di Pulcinella e/o del Parrucchino più vincente in Europa.

Secondo Premio ha detto...

ammetto che stamattina quando mi sono svegliato ed ho guardato il bandierone appeso al muro mi è uscito un bestemmione (o forse ne erano 5);
poi mi è tornato in mente quello che disse un certo Noel: "..faccio tifo per una squadra di merda che non vince mai.."
Non vedo l'ora di poter tornare a Manchester (centro)

C'mon City!

setteblu ha detto...

Abbiamo appena vinto una Coppa di Lega. Sarà pochissimo ma Noel avrebbe baciato per terra per vincerla quando ha fatto quelle dichiarazioni. Ed io pure.

Lino1672 ha detto...

Io il 5 aprile sono all'etihad!!

Lele ha detto...

Forse stiamo sottovolutando una responsabilità: quella societaria.
In Italia non è un caso che in certe società (Milan e Juve) succedono cose che altrove non accadono, indipendentemente dalle stagioni toppate o meno. Lì erano i Galliani e i Moggi a farsi sentire. In Inghilterra funziona un pò diversamente ma la figura di Manager a più ampio raggio a casa nostra di fatto non esiste, pesavamo potesse diventarlo Mancini dopo quel rinnovo quinquennale, mi auguro lo possa diventare Manuel (che ripeto, per me sta facendo molto bene, non credo avremmo fatto meglio con un cambio diverso se cambio doveva essere), ma ancora non lo è. Non è lui che può ancora discutere con i nostri signorini quando rinnovano, non è lui ancora a poter disporre di quel potere necessario per dire "signori, se si ripete una cosa del genere con me non giocate più". E' la società a doverlo fare finchè non investe il manager dell'autorevolezza necessaria. Ma purtoppo è la stessa società che ha lasciato che lo scorso anno si compiesse quello che abbiamo visto. Non sto difendendo Mancini, sto attancando una società che non prende a calci genete che ha giocato una finale come è stata giocata quella. Vuoi cambiare Mancini? Legittimo per diverse ragione, prendi Manuel che è bravo, ma poi mi prendi a calci tutti e 11 i signorini di Wembley, Zabaleta escluso.

setteblu ha detto...

100%. Se è vera la metà delle cose scritte lo scorso anno sulla fila dei giocatori a chiedere a Soriano la testa di Mancini il problema sono proprio la società (che consente queste cose e delegittima il manager) ed i giocatori stessi. Il manager - non esente da responsabilità - lavora ed opera in un contesto che andrebbe cambiato. Credo che il board abbia troppa pazienza con molti giocatori che evidentemente non sempre dimostrano la professionalità necessaria e dovuta.

setteblu ha detto...

Grande Lino!!!!

luca ha detto...

ciao setteblu concordo in parte quello che tu dici. però se mi posso permettere voglio farti 1 critica. l anno scorso quando il mancio ha perso malamente la finale te e tutti gli altri avete attaccato il mancio dicendo che doveva essere esonerato e che non aveva vinto niente. adesso ti do ragione sul fatto che chi dice che pellegrini deve essere esonerato si sbaglia di grosso. il tecnico è e deve rimanere il nostro allenatore.però non puoi lamentarti sul fatto che piovono tutti questi insulti su pellegrini. come aveva sbagliato il mancio penso che anche lui ha le proprie colpe. poi terminare l anno avendo vinto solo la coppa di lega senza vincere questa premier non è proprio un buon anno. scusa se mi sono permesso di farti questa critica

setteblu ha detto...

Ciao Luca, hai ragione. Sinceramente non ricordo di aver invocato l'esonero di Mancio al quale sono molto legato. Andrò a rileggere i commenti. Ricordo di aver scritto che dati i risultati e la gestione generale dello spogliatoio poteva starci l'esonero senza gridare allo scandalo. Per il resto hai ragione tu: le critiche a Pellegrini ci stanno eccome ma credo che cambiare manager ad ogni stagione in cui non si vincono Premier o Champions non sia il modo giusto di crescere. MP ha cambiato il gioco della squadra e penso sia giusto lasciargli la possibilità di migliorarne la personalità, cosa molto più difficile. Ciao!

Anonimo ha detto...

MANCIOMAO
Non aggiungo altro al già lungo e dettagliato dibattito...io il manager non penso proprio a sostituirlo,a fine anno tireremo le somme e valuteremo,ora parlerei dei giocatori,tranne pochi eletti,qualche passo a vuoto sul più bello lo fanno e anche qua potremmo parlarne all'infinito...davvero una sconfitta incredibile ma voglio essere fiducioso in un pronto riscatto a BArcellona...SI PUÒ' FARE....UNA botta di chiappe all'inizio e ce la giochiamo,non sono imbattibili...chiaro che sarebbe un'impresa EROICA..io ci provo e ci credo prima di chiamarmi fuori dalla Champions...

setteblu ha detto...

Mi piace il tuo ottimismo, Manciomao! Io non ci credo molto ahimè!

Lele ha detto...

Sai che anche io in una qualche misura ci credo. La vedo molto da decidere nei primi 15/20min. se fai gol o se ti ci avvicini, puoi farcela. Anche se...la nostra storia...al 91' eravamo sotto, al 94' campioni...cosa vuoi andare a trovare della logica da qualche parte.

Achille ha detto...

Uscire così fa male da fastidio irrita ma la FA CUP è anche questo la sua storia è piena di risultati incredibili che la rendono non a caso ancora l'unica COPPA nazionale veramente prestigiosa e affascinante.
Spero di sbagliarmi , non a caso scrivo questo alla vigilia del Barca, ma dopo la splendida cavalcata che ci ha riportato in vetta, dalla prestazione tanto inaspettata quanto deludente col Chelsea in Premier il City ha inanelato una serie di match al di la degli episodi che nel calcio cmq hanno il suo peso che secondo me testimonia un'involuzione preoccupante culminata con l'lultima prestazione col Wigan.
La squadra mi sembra cotta ed il Chelsea senza entusiasmare non perde un colpo. Leggo che x qualcuno di noi le prestazioni del City e del Barca sono figlie del match di Champions che le attende ,ma stiamo scherzando ? ma manco se il risultato fosse in bilico e purtroppo non lo è sarebbe un'ipotesi che non sta in piedi !!! dai il Barca di vigilie ben più difficili in questi anni quante ne ha vissute eppure non ricordo che mai prima d'ora il Barca abbia mai perso un match con la quart'ultima del campionato. La realtà, sempre secondo me naturalmente, è che questo Barca resta un'ottima squadra probabilmente ancora superiore a Noi soprattutto al City attuale ma nulla ha a che fare con quello di Guardiola , non a caso prima dell'episodio incriminato il City non aveva certo demeritato. In quanto a noi pensare che chi è sceso in campo non ha dato il massimo perchè invece di giocarsela al top per tornare a Wembley battendo proprio il Wigan pensava alla mission impossible di Champions è un'ipotesi che nel caso fosse vera e mai lo sapremo mi farebbe ancor più incazzare.
Poi invece si passa il turno o si vince la Premier..... nel qual caso sarò ben lieto d'essermi sbagliato ;-)

setteblu ha detto...

Concordo su tutto. Dalla partita di White Hart Lane la squadra è calata nel gioco e nel rendimento. Il Wigan è stato il punto più basso. Il Barca non c'entra neanche secondo me. Quanto alle nostre possibilità in Premier sono convinto che non siano molte, date le circostanze. Spero tanto di sbagliarmi anch'io. Ciao Aki!

setteblu ha detto...

No, anzi...su una cosa dissento! Anche la Coppa del Re in Spagna è prestigiosa, no? Magari meno della FA Cup ma ha il suo fascino. Che dite?

Achille ha detto...

FA CUP è la piu' antica e prestigiosa la Coppa del Re segue a ruota con distacco incolmabile....
In quanto all'affascinante io mi riferivo al coinvolgimento delle squadre di serie inferiori ed ai suoi risultati incredibili se non sbaglio in semifinale quest'anno è arrivata una squadra di terza serie, non mi risulta che in Spagna succeda altrettanto. ;-) Ciao Dario