28.4.14

Non ci costa niente (revisited)


La Premier League di questa stagione è una delle più belle di sempre. Tre squadre si giocheranno il titolo almeno sino all'ultimo respiro, non dimenticando l'Arsenal che è stato in gioco fino a poche settimane fa. Possiamo discutere per mesi di chi meriti di più, di meno, chi giochi meglio, chi peggio, di chi abbia speso di più o di meno. La realtà è che il City, il Chelsea ed il Liverpool hanno onorato questo campionato, regalandoci partite ed emozioni difficilmente immaginabili ad inizio stagione. Seguo il campionato inglese da quando sono ragazzino e raramente mi è capitato di assistere ad un torneo così bello ed equilibrato.

Ogni settimana si cambia il favorito e ciò è un bene per il calcio ed un male per le coronarie di noi tifosi. Tralascio l'ineleganza di chi viene qui a farci la morale e ad offendere e mi limito a sottolineare che nessuno di noi ha tutto questo tempo per entrare nei forum degli altri a provocare od offendere. Come dico spesso, noi siamo tifosi del MCFC e quindi siamo autorizzati ad avere sbalzi d'umore in senso positivo o negativo; non siamo il Corriere della Sera.

Io stesso, pur cercando di mantenere un minimo di razionalità ed una spruzzatina di ottimismo (diciamo l'1%) non potevo credere ai miei occhi ieri. Non credo sia razionale pensare ad un Chelsea rimaneggiato con la testa altrove che va ad Anfield e vince 2-0. Al tempo stesso, era ancora meno immaginabile vedere il Liverpool perdere in casa la partita che poteva essere decisiva (in positivo) dopo mesi di cavalcata trionfale. Oggi noi torniamo padroni del nostro destino così come lo sono stati gli altri. Conta qualcosa? Zero. Tutto è possibile, tutto è ribaltabile, tutto è appeso ad un filo. 

La logica mi dice che il Liverpool accuserà il colpo ma non abbastanza da non battere due squadre senza motivazione.
La logica mi dice che il Chelsea, pur eventualmente facendo bottino pieno, non ha così tante chance dato che dovrebbe sperare in un doppio suicidio.
La logica mi dice che noi sulla carta potremmo anche pensare di vincere tutte le partite ma poi mi ricordo che non battiamo l'Everton a Goodison Park da anni e che l'Aston Villa si deve ancora salvare e potrebbe rappresentare un tranello. Come dimenticare un orrendo QPR che quasi ci soffia il titolo due stagioni fa?

Serve a qualcosa la logica ora come ora? Direi di no. Scusate la retorica ma questo titolo lo meritano tutte e tre le squadre. 

Noi perchè abbiamo giocato un calcio stellare nei mesi invernali e le nostre flessioni le abbiamo avute all'inizio (con Pellegrini appena arrivato) e nei momenti in cui abbiamo avuto più infortuni.

Il Liverpool perchè gioca un calcio bellissimo, votato all'attacco, con giocatori meravigliosi e con una carica agonistica degna della loro storia.

Il Chelsea lo merita (sì, lo merita) perchè ha fatto 12 punti negli scontri diretti e perché ha una solidità mentale, un'esperienza ed un'organizzazione difensiva straordinarie. Al di là degli scherzi, altro che autobus parcheggiato di fronte alla porta: ieri ha vinto ad Anfield contro il Liverpool più motivato degli ultimi 20 anni senza nove titolari. Vogliamo dirla tutta? Ha concesso un'occasione dentro l'area e un paio di tiri da fuori. Cosa avrebbe fatto il Chelsea con un attaccante degno di questo nome? Suarez, Aguero, Falcao, Ibra. Ditemi voi. Io non apprezzo quella filosofia calcistica ma devo e voglio rendere onore al merito.

Trovo assurdi i ragionamenti sui manager. Uno ha le palle, uno dà la mentalità vincente alla squadra, uno è un perdente, l'altro non capisce nulla di calcio. Mi pare chiaro che siamo davanti a tre grandi allenatori (con esperienze e palmares molto diversi), con tre idee di gioco chiarissime e capacità altissime di perseguirle. 

Possiamo dare del perdente a Brendan Rodgers perchè arriva a lottare fino all'ultimo (come minimo) per vincere un titolo con un Liverpool non costruito per lottare?
Possiamo dare del perdente a Manuel Pellegrini perché arriva a lottare fino all'ultimo (come minimo) per vincere un titolo con un City costruito sì per vincere ma che era al primo anno di un gioco nuovo e ha avuto mille infortuni giocando una ventina in partite in più dei reds?
Possiamo dare del perdente a Mourinho? No e non credo di dover spiegare il perché. Il paradosso è che Mou potrebbe trovarsi a fine stagione a mani vuote; significa che si è rincoglionito? Dai, non scherziamo...

Basta con queste sentenze sui manager, come se in campo andassero loro. Sono fondamentali ma non giocano loro. 

Un grande applauso a queste tre squadre nella speranza che all'ultimo minuto di recupero dell'ultima partita i nostri ragazzi possano regalarci un'altra Gioia che certamente noi tifosi meritiamo. Ma è ovvio che anche i tifosi dei reds e del Chelsea la pensino allo stesso modo.

Forza ragazzi, non importa che ci crediamo noi tifosi, l'importante è che siate a voi a spingere il cuore oltre all'ostacolo fino alla Gloria.


12 commenti:

Noodles ha detto...

Perfetto. Condivido tutto. Ormai stiamo arrivando al paradosso che, a forza di pesare i meriti dei manager e metterli l'uno contro l'altro, i giocatori...quelli che fanno gli assist, le parate, i gol....sono diventati parte secondaria. Ritorniamo a mettere in ordine d'importanza i vari elementi che compongono un team. E diamo merito a tutti e tre i manager delle loro enormi capacità. Poi, su chi è il più elegante (non nell'abbigliamento...) e il più sportivo, è la storia di questo campionato a dircelo. E tutti, sottolineo tutti, sappiamo chi è .

Noodles ha detto...

Perfetto. Condivido tutto. Ormai stiamo arrivando al paradosso che, a forza di pesare i meriti dei manager e metterli l'uno contro l'altro, i giocatori...quelli che fanno gli assist, le parate, i gol....sono diventati parte secondaria. Ritorniamo a mettere in ordine d'importanza i vari elementi che compongono un team. E diamo merito a tutti e tre i manager delle loro enormi capacità. Poi, su chi è il più elegante (non nell'abbigliamento...) e il più sportivo, è la storia di questo campionato a dircelo. E tutti, sottolineo tutti, sappiamo chi è .

Kuspide ha detto...

Sono sempre più convinto che questa situazione di stress emotivo (calcisticamente parlando), oltre a mettere a dura prova le nostre coronarie, come giustamente hai detto, faccia del gran bene alla tua vena creativa. Grande articolo, splendida analisi, semplicemente nulla da aggiungere. :-)

Kun88 ha detto...

Riflettendo su questo bellissimo articolo mi rendo conto di quanto sia straordinario e pazzo questo sport. Tre squadre diverse, tre città diverse, tre culture diverse. Tutti uniti intorno al loro club per un solo scopo: vincere il campionato. Ogni singolo tifoso di ognuna di queste tre squadre che nelle prossime due settimane discuterà con i suoi "colleghi" di tifo, analizzerà le partite come facciamo noi, si incazzerà con quelli che non la pensano come lui, parlerà di quali torti ha subito tizio e quali caio, sfotterà coloro che non hanno potuto prendere parte a questa meravigliosa volata (i nostri cari cuginetti), ma allo stesso tempo si proietterà alla giornata del 10/11 maggio e sognerà di vedere i propri idoli sollevare il tanto ambito trofeo. Tutto questo è straordinario, perché ognuno di noi, persone "normali", potrà sentirsi come uno di loro, come uno di quegli idoli che vediamo in campo ogni weekend e per quale urliamo sul divano o, ancora meglio, allo stadio. This is football.

setteblu ha detto...

Bellissimo Kun88, condivido ogni riga.

Lino1672 ha detto...

@Dario
@Kun88

100%

Keep calm and support your club!

Citizen 89 ha detto...

Premier davvero incredibile, e noi ci siamo!!!
Inutile nasconderlo, se il Liverpool avesse vinto contro il Chelsea non ci sarebbe stato più niente da fare, ma adesso è cambiato tutto e vedremo se i Reds sapranno rialzarsi da questo stop inatteso, senza dimenticare la banda-Mourinho che però la vedo leggermente sfavorita.

Goodison park..........per una settimana non penserò ad altro!

COME ON CITY!!!!!!!

alakai ha detto...

questa volta dipende veramente solo da noi.....l everton e una buona squadra allenata bene e dopo stasera praticamente quinta e' quinta rimane. sembra che dobbiamo andare a vincere al santiago bernabeu non e' cosi. se dopo l emirates e anfield falliamo anche a goodison park non siamo meritevoli del titolo. io credo che piu di cosi la dea bendata non puo fare contando che negli scontri diretti abbiamo perso 9 punti su 12 ma che si vuole di piu??? dimostrate qualcosa ora conta solo la personalita perche tra noi e l everton ci sono 2 categorie di differenza senza se o ma punto

setteblu ha detto...

È vero, dipende da noi ma a Goodison perdiamo sempre e non è un campo facile per nessuno. In effetti il dato sugli scontri diretti è penalizzante ma contano anche le altre 34 partite :-)

Anonimo ha detto...

MANCIOMAO
Ottimo pezzo...Dico la mia...per un po' leggevo commenti che mi lasciavano perplesso e senza voglia di replicare,questo post riporta tutto nella norma,a mio parere....io continuo ,come ho sempre detto, a pensare che abbiamo la rosa più forte e competitiva,il manager nuovo o gli infortuni non devono essere una scusa..il manager,che piaccia o meno,e' stato scelto da solo un anno e comunque vada cambiarlo sarebbe da pazzi visto che ha diritto a qualche tempo in più,RIPETO comunque vada...io la storia della signorilità educazione ecc ecc che a tanti di voi tanto piace non la sposo completamente,la rispetto non mi dispiace ma amo anche il tipo ruspante sanguigno e magari un po' polemico,OPINIONI...IO non mi tiro indietro e ripeto ,come dopo Anfield , che alcuni dei nostri giocatori non mi convincono pienamente e quando si devono tirar fuori le palle sono SEMPRE i soliti che portano garanzie cuore e voglia di vincere...mancano solo tre partite,senza le tre vittorie sarebbe come dare un calcio nel sedere alla dea bendata,non ci voglio nemmeno pensare.....

setteblu ha detto...

Ciao Manciomao, il manager nuovo e gli infortuni non sono una scusa, sono un dato di fatto. Anche il Chelsea ha un manager nuovo ed avendo giocato molte partite più del Liverpool ha molti infortunati. Nonostante ciò, siamo tutti lì a giocarci la Premier.

Anch'io credo che siano sempre i soliti a guidare il gruppo nei momenti difficili ma questo vale anche per gli altri.
Quanto alla signorilità, dico soltanto che è un valore aggiunto, secondo il mio parere.

Anonimo ha detto...

MANCIOMAO
@setteblu
Certo non dirò mai che la signorilità non sia un valore aggiunto ma non a tutti i costi determinante e definitiva a mio parere,il pepe le reazioni le sfuriate a me piacciono...detto questo ripeto che non e' il manager il problema ma il fatto che i soliti noti ,nonostante le sessioni di mercato,siano sempre e comunque quelli....tutto qua...ciao!