31.1.14

Prediction League: 23a giornata




Ciao ragazzi, ha ragione il nostro Presidente: siamo in ritardo clamoroso, anzi sono in ritardo clamoroso. Mi scuso naturalmente e mi prendo l'impegno di postare gli aggiornamenti dopo ogni partita giocata in Premier League. 
Facendo i calcoli mi è venuto da sorridere perché, alla luce delle valanghe di goal segnati, tutti i partecipanti hanno cominciato a mettere pronostici roboanti, ben diversi da quelli più accorti di inizio stagione. 
Merito della nostra squadra, attualmente inarrestabile. Vi abbraccio!

Qui c'è la classifica aggiornata!
A presto, D.




30.1.14

Si può fare!




La straripante, Yayatourècentrica, logorrea di Nicola Roggero ieri sera, tra stroncature e giudizi al limite della condanna a morte, ha partorito una frase che più di ogni altra, forse, inquadra lo stato d'animo dei tifosi del Tottenham: "C'è una buona notizia per il Tottenham, non dovranno più incontrare il Manchester City". Amen.

Il tornado partito dalla parte blue di Manchester si è abbattutto ieri sera su White Hart Lane e sui suoi malcapitati tifosi per la seconda volta negli ultimi 4 mesi, e anche in questo caso, come era avvenuto nella partita di andata, non ha lasciato niente in piedi, se non la certezza che in questo momento non ce n'è per nessuno, non c'è strategia che tenga, non esiste controffensiva, non è dato sapere come limitare, se non evitare, la catastrofe. Josè, ti stiamo aspettando.

L'orchestra dell'ingegnere cileno inizia a diffondere sinfonie già dai primi minuti, tanto che se al ventesimo minuto il risultato fosse stato di 0-3 nessuno, credo, avrebbe avuto nulla da recriminare. Invece miracolosamente gli Spurs riescono a limitare i danni e a provare perfino qualche sortita offensiva, più che altro su calcio piazzato. Giusto il tempo di riprendere fiato, tra la fine del primo tempo e l'intervallo, e il secondo tempo torna a riproporre il copione da incubo del match. Uno-due devastante in meno di 5 minuti, rigore, espulsione per Rose, partita virtualmente terminata, sipario.

Dopo il terzo gol gli Spurs ritrovano invece una fiammata d'orgoglio e, sempre su calcio piazzato, un corner stavolta, riescono a segnare il gol della bandiera. Altra tirata di fiato dei nostri, altra carica, altre due reti ad arrotondare un risultato che non ci piace se non è bello rotondo.

La macchina da gol costruita finora da Pellegrini non sarà perfetta, a volte dimentica qualche diagonale, a volte perde le marcature, spesso fa fatica a gestire il risultato. Spero di non dovermi perntire di quello che sto dicendo, ma forse ci piace così, costantemente proiettata nel cuore dell'area avversaria, incapace di fare calcoli o limitare le incursioni, sempre alla ricerca della triangolazione veloce o dell'infilata sulle ali per le sue bocche da fuoco. Di sicuro non è lo snervante equilibrio catalano di Pep, nè la parata di autobus davanti alla porta del nostro prossimo avversario portoghese. 

E' lo schiacciasassi mancuniano targato Pellegrini, Navas, Silva, Aguero e chi più ne ha più ne metta, che continua a strappare le reti avversarie segnando 3 o 4 gol in più dell'avversario, con impressionante continuità, chiunque esso sia. Inutile soffermarsi a valutare le prestazioni dei singoli, perchè se è vero che i solisti stanno incantando settimana dopo settimana, è altrettanto vero che nell'ascoltare la melodia si fa fatica ormai a distinguere violini, contrabbassi o arpe. Qualsiasi stonatura si perde nell'energia e nella velocità del cambio di fronte. L'unica menzione se la aggiudica il redivivo Jovetic, nuovo asso fra le carte del mister e autore del primo gol in Premier. Bentornato Jo-Jo! Non so quanto durerà, spero il più possibile, ma come dice giustamente Dario, intanto ce la godiamo. Peccato dover aspettare ancora un mese per incontrare il Barcellona.

Capitolo arbitri: ho letto e sentito di favori arbitrali, decisioni dubbie e quant'altro. Il fuorigioco era millimetrico ma sembrava esserci, e sul rigore l'arbitro avrebbe potuto forse decidere diversamente perchè Rose in effetti tocca la palla. Io lo avrei dato, ma il punto vero è: davvero qualcuno, da Londra, dopo la spaventosa prova di forza di ieri, dopo gli 11 (undici!) gol incassati in 180 minuti, ha il coraggio di recriminare sull'arbitraggio o provare a dire che sarebbe potuta andare diversamente?

Capitolo Aguero (s.s.l): Difficle in questo momento avere notizie precise. Stiamo attendendo gli esami del caso. Il Kun ha comuncato stanotte via Twitter di aver sentito un dolore al polpaccio e di aver chiesto subito il cambio per precauzione, quindi non rimane che aspettare fiduciosi.

La sofferenza ha sempre fatto la parte del leone nella storia dei Citizens, e Pellegrini, per quanto mostruosa e imbattibile possa apparire al momento la sua creatura, ce ne ha lasciata un po' quà e là, giusto per poter dire di non aver perso la nostra identità. In questo momento però, qualunque cosa ci venga in mente dopo quello che abbiamo visto ieri e che stiamo vedendo da qualche mese, l'impressione è che si può fare!




29.1.14

EPL 23 - Tottenham 1-5 City


Tottenham: Lloris, Walker, Rose, Dembélé (Capoue 46), Dawson, Chiriches, Lennon, Bentaleb, Adebayor, Eriksen (Holtby 83), Sigurdsson (Naughton 55) 
Manchester City: Hart, Zabaleta, Kompany, Demichelis, Clichy, Navas, Fernandinho, Yaya Toure (Nastasic 69), Silva (Kolarov 80), Aguero (Jovetic 45), Dzeko
Marcatori: Aguero 15, Yaya Toure (r) 51, Dzeko 53, Capoue 59, Jovetic 78, Kompany 89
Ammoniti: Naughton, Yaya Toure, Zabaleta, Navas, Demichelis 
Espulsi: Rose 
Stadio: White Hart Lane 
Arbitro: Andre Marriner 
Spettatori: 36.071


Nuova devastante, mostruosa, a tratti imbarazzante prova di forza del City che conquista la prima posizione e rosicchia altri due punti al Chelsea fermato in casa sullo 0 a 0 dal West Ham. A presto per il commento e buona notte da primi in classifica!



 

The Spurs versus The Citizens




Tottenham Hotspur v Manchester City FC
Data: 29.1.2014
Ora italiana: 20.45
Stadio: White Hart Lane
Arbitro: Andre Marriner


Grandissima sfida quella che ci attende stasera a Londra per la 23° di Premier League. Ci accingiamo ad affrontare infatti fuori casa una squadra corroborata dalla cura Tim Sherwood e lontanissima parente della compagine presa a pallonate ad Etihad nel girone di andata. L'ex campione del Blackburn sembra aver trovato la quadra della situazione in poche settimane. Ha rispolverato un Adebayor in grande forma, autore di una doppietta nell'ultimo turno vincente contro lo Swansea al Liberty Stadium, ha registrato la difesa (che pure con Villas Boas non andava male) e ha iniziato a trovare continuità di risultati nonostante la squadra segni ancora molto poco. Al momento gli Spurs si trovano in quinta posizione con una partita in meno rispetto al Liverpool quarto, e rientrano quindi prepotentemente tra le pretendenti ad un posto Champions.

Per gli amanti dei numeri Tim Sherwood, da quando ha preso le redini della squadra, il 23 dicembre scorso, ha giocato 5 partite di campionato, con un pareggio al primo appuntamento e 4 vittorie di fila nelle ultime 4 giornate. L'unica sconfitta al momento è stata l'eliminazione dall'FA Cup ad opera dell'Arsenal, all'Emirates.

Grandi notizie in casa City: la partita di stasera è davvero difficile, ma la novità che potrebbe fornirci gli stimoli giusti è che l'Arsenal ieri sera ha pareggiato fuori casa con il Southampton, quindi se Aguero (s.s.l.) & Co. stasera dovessero vincere a White Hart Lane saremmo primi in classifica da soli. Inutile dire che ci sarà da soffrire. Ottimo banco di prova per testare la tenuta fuori casa dopo la serie impressionante di risultati della squadra.

Sherwood dovrà rinunciare a Townsend e Lamela, mentre Pellegrini non avrà a disposizione Milner, Javi garcia e Nasri. Negredo è tronato a disposizione, anche se non è sicuro che venga schierato dall'inizio. Queste potrebbero essere le formazioni di partenza:

Tottenham: Lloris, Walker, Chiriches, Dawson, Rose; Dembele, Paulinho, Eriksen, Chadli, Lennon, Adebayor
Manchester City: Hart; Zabaleta, Kompany, Nastasic, Kolarov, Navas, Fernandinho, Yaya Toure, Silva, Aguero, Dzeko.

Con le possibile varianti Demichelis/Nastasic e Negredo/Dzeko.

Buona partita a tutti e, anche se siamo in ritardo scandaloso, continuate a postare i commenti con la Prediction, vi promettiamo di pubblicare un aggiornamento classifica a breve!


27.1.14

Il nuovo acquisto




A quanto si apprende leggendo i giornali inglesi i tanti, fortunati presenti ad Etihad sabato scorso hanno potuto assistere non solo ad una rimonta clamorosa, ma anche ai primi lampi di calcio e classe del nostro nuovo acquisto di Gennaio. Non vorrei dirlo ad alta voce, perchè ci siamo cascati già altre volte in passato, ma sembra che il talento montenegrino si sia finalmente lasciato alle spalle il brutto periodo trascorso in infermeria e sia pronto per dare il suo contributo alla causa.

Jo-Jo ha rilasciato qualche dichiarazione di buon auspicio dopo la gara col Watford: «Conosco il mio valore e sono sicuro che i tifosi mi ameranno. L'inizio è stato molto difficoltoso: anzitutto mi sono aggregato al club dopo la tourneè, in cui la squadra ha lavorato molto. E io, nel frattempo, non mi allenavo con la Fiorentina. In più ho avuto diversi problemi: prima al polpaccio poi a Leicester, quando sembravo pronto a giocare, ho mangiato qualcosa di anomalo che mi ha fermato. Ma quello è il passato, non voglio più pensarci».

Intanto il City ha segnato il gol numero centodieci dall'inizio della stagione e sembra più che pronto per  la doppia sfida con Tottenham e Chelsea di mercoledi e lunedi sera, tanto che Josè Mourinho ha già sintonizzato gli altoparlanti sulle trasmissioni polemiche e destabilizzanti che ormai conosciamo bene. Anche se per l'occasione la vecchia volpe portoghese sembra aver scelto l'adulazione.




Infine qualche news di mercato di cui perfino Citizen 89 potrebbe essere contento: le ultime sirene inglesi danno infatti il City a caccia di calciatori in scadenza di contratto: il primo sarebbe Bakary Sagna, in scadenza a giugno e intenzionato, a quanto pare, a cambiare aria. Il secondo è Blaise Matuidi, transalpino anche lui e anche lui in scadenza a giugno ma in procinto di firmare un rinnovo col PSG. Ragion per cui il City avrebbe offerto 10 milioni di euro alla squadra francese per un trasferimento immediato. So cosa state pensando: "10 milioni di euro per un giocatore che si svincolerebbe a giugno?", ed è vero, però è anche vero che rispetto ai nostri standard 10 milioni di euro sarebbero un prezzo di saldo, e infatti il tesoriere ha già storto il naso.

Pellegrini ha dichiarato, giustamente, che non c'è fretta e che aspetteremo la fine del mese per capire cosa ha senso fare e cosa no, a livello di mercato. E con uno Jo-Jo ritrovato e un Aguero s.s.l. di nuovo al 100% è difficile dargli torto.




25.1.14

FAC4 City 4-2 Watford



City: Pantilimon, Richards (Zabaleta 46), Kolarov, Demichelis, Lescott, Rodwell (Kompany 46), Toure, Lopes (Jovetic 57), Navas, Dzeko, Agüero.
Watford: Bond, Ekstrand, Battocchio, Deeney, Forestieri (Cassetti 60), Doyley, Murray (Abdi 75), Pudli, Faraoni (Fabbrini 84), Anya.
Reti: Forestieri 20, Deeney 28, Aguero 60, 80, 92, Kolarov 86.
Arbitro: K Friend
Stadio: The Etihad
Spettatori: 46.514

Sembra incredibile ma possiamo e dobbiamo parlare di impresa: il City ha battuto il Watford ma è stata necessaria una rimonta da 0-2 ed una tripletta del Nostro Eroe Nazionale per superare i londinesi e mettere i piedi nel quinto turno della coppa più bella del mondo.
Dopo un primo tempo scialbo e deficitario, nel quale il Watford ha giocato meglio e segnato meritatamente due reti, Manuel ha cambiato la squadra nella ripresa inserendo il Capitano, Zaba e Jovetic per innescare la rimonta firmata dal Sempre Sia Lodato El Kun Sergio Aguero con ben tre reti e dal sempre positivo Aleks Kolarov, autore di fatto del goal decisivo, quello del 3-2.
La magia di questa coppa resta intatta e per poco non ne abbiamo fatto le spese: come può una mediocre squadra di Championship rischiare di eliminare uno schiacciasassi come i City resta un mistero ma tant'è. 
Grazie Kun e grazie ragazzi.
PS. Mi vanto di una cosa: la nostra tifoseria non è cambiata: nonostante le ambizioni sempre più spinte in alto, oggi allo stadio c'erano 46.000 spettatori, come in Premier League.
Noi giochiamo all'Etihad…al contrario dei cugini di campagna che, fuori da tutto, si segnalano per spazi vuoti enormi nel loro campetto, subito ribattezzato da qualche gaglioffo vestito di blue…Emptihad. In alto i cuori!


FA Cup Fourth Round: Watford Preview



Manchester City FC v Watford FC
Data: 25.1.2014
Ora italiana: 16.00
Arbitro: Kevin Friend

Il sorteggio è stato fortunato ma non vorrei avere brutte sorprese questa sera: oggi pomeriggio affrontiamo il Watford allenato da Giuseppe Sannino nel quarto turno di FA Cup.
Ecco Manuel:

"I nostri avversari non stanno attraversando un buon momento ma tutti sappiamo che le partite di coppa sono differenti. Per un club di Championship è molto facile trovare le motivazioni per battersi alla morte contro una squadra di Premier League. Ho chiesto ai miei giocatori molta concentrazione per chiudere al meglio la partita".

Purtroppo mancheranno i due spagnoli Alvaro Negredo e David Silva: la Bestia ha preso una brutta botta alla spalla in Coppa di Lega contro il West Ham in settimana e Manuel si è detto "fiducioso che possa stare fuori solo una settimana". E' in forte dubbio anche per la trasferta di White Hart Lane di mercoledì.

Merlino invece ha saltato la scampagnata di Upton Park ma ha qualche piccolo problema al tendine del ginocchio e starà fuori per precauzione visto che non è al 100%. Naturalmente mancherà anche Samir Nasri. 

Per il resto - e lo dico in silenzio - potremo vedere addirittura Stevan Jovetic dall'inizio….



Forza ragazzi, un'altra gita a Wembley ci aspetta al termine di questo cammino…



22.1.14

Cose turche


Roberto Mancini è tornato a parlare della sua esperienza a Manchester in una lunga intervista alla BBC. Ci sembrava interessante riportarne il contenuto per dare la possibilità ad ognuno di noi di dire la propria in proposito. Per chi fosse interessato al filmato dell'intervista e all'articolo originale questo è il collegamento diretto al sito della testata inglese. Com'è nel suo stile il Mancio non le manda a dire:

"Sono molto contento che il Manchester City stia andando bene principalmente perchè sono io che ho costruito quella squadra. I giocatori che stanno andando a segno in questo periodo, cioè Dzeko, Silva, Aguero, Yayà Toure, sono tutti giocatori che ho comprato sotto la mia gestione. Chiaramente penso che Pellegrini stia facendo un ottimo lavoro, ma quello che stanno facendo adesso al Manchester City è quello che abbiamo già fatto tre anni fa quando sono arrivato al City. Sono molto contento di essere stato a Manchester, aver allenato la squadra è stata una fantastica esperienza, i tifosi sono stati fantastici".

A proposito degli aspetti più "in ombra" della sua gestione dello spogliatoio:

"Quando lavori sai che puoi avere dei problemi con i giocatori, è normale, perchè il manager vuole sempre che i suoi uomini lavorino duro e giochino al meglio, e i giocatori dovrebbero capirlo. Cambiare manager può essere una cosa positiva, perchè cambia il modo di lavorare. Dopo 4 o 5 anni un allenatore deve cambiare aria. Ho fatto il mio lavoro, abbiamo costruito una fantastica squadra giocando un ottimo calcio e non abbiamo vinto nell'ultima mia stagione solamente perchè il Manchester United ha comprato Robin Van Persie: lui ha fatto la differenza."




E un'analisi del momento dei cugini di campagna e della Premier in generale.

“L’errore maggiore del Manchester United è stato quello di fallire la campagna acquisti estiva, dove invece City e Chelsea si sono mosse meglio rinforzandosi bene rispetto alla concorrenza. Il Manchester City ha infatti acquistato bene cinque grandi giocatori, il Chelsea ha portato molti volti nuovi a Stamford Bridge per il secondo mandato di José Mourinho. Lo United, al contrario, non si è mosso bene, quando avrebbe dovuto rinnovare la propria rosa dopo diversi anni”.

“Moyes è un bravissimo tecnico, in dieci anni all’Everton ha fatto molto bene. Questa allo United è una grande opportunità lavorativa per lui. Il lavoro di Moyes è comunque molto difficile, perché sostituire un manager vincente e longevo come Alex Ferguson non è mai facile per chiunque, visto che è stato al top per più di vent’anni. Ma soprattutto per Moyes è difficile passare da un club come l’Everton ad uno come il Manchester United, abituato a vincere ogni gara e a lottare per Premier League e Champions League”.



21.1.14

West Ham 0-3 City


Sergio in action against West Ham.jpg 

West Ham United: Jaaskelainen, Nolan, Tomkins, Rat, Carroll (C.Cole 45), Taylor, Morrison, Diarra, Diame (Collison 90), J.Cole (Downing 46), Johnson
Manchester City: Pantilimon; Boyata, Lescott (c), Nastasic, Clichy; Fernandinho, Garcia (Rodwell 63), Navas (Kolarov 77), Lopes; Negredo, Aguero (Jovetic 64)
Marcatori:  Negredo 3, 58, Aguero 23.
Ammoniti:  Aguero 30, Diarra 37
Arbitro: Christopher Foy
Stadio: Upton park
Spettatori: 14.390




20.1.14

Capital One Cup: WHU Preview



West ham United v Manchester City
Data: 21.1.2014
Ora italiana: 20.45
Stadio: Upton Park
Arbitro: Christopher Foy
 
Scampagnata dei nostri ragazzi ad Upton Park domani sera per una partita che, dopo il 6-0 dell'andata, ha ben poco da offrire sul piano del risultato. Gli Hammers, oltre a non aver più nulla da chiedere a questa edizione della Coppa di Lega, sono chiamati ad un deciso miglioramento in campionato, se intendono evitare la retrocessione. Gli uomini di Sam Allardyce infatti, dopo l'ultima sconfitta interna ad opera del Newcastle, si ritrovano ancora più impantanati negli ultimi posti della classifica.

Situazione opposta in casa City, invece, dove il morale è altissimo (fatta eccezione per Nasri, immagino). Capitan Kompany, intervistato dalla BBC, ha sintetizzato così il pensiero dello spogliatoio: "Vinceremo 4 titoli in una stagione, è solo questione di tempo. Non posso promettere che succederà ora, ma prima o poi succederà. Noi siamo stati scelti per farlo, ma se non ci riusciremo succederà con altri. Questo club ha l'obiettivo di vincere tutti i trofei possibili".

"Per noi è fondamentale". Questo le parole con cui Pellegrini, qualche giorno fa, ha voluto smentire ogni ipotesi di trasferimento per Jovetic, al centro di diverse speculazioni di mercato vista la situazione difficile di questi ultimi mesi, segnati da una raffica di infortuni.

Per quanto riguarda le operazioni di mercato mi dispiace per Cioccio, l'uomo dall'assegno facile: La pista per Mangala sembra essersi raffredata, negli ultimi giorni, e per il momento la società si limita ad operazioni "di prospettiva", per così dire: è di queste ore la voce secondo cui ci sarebbe in atto una specie di derby con i cugini di campagna per aggiudicarsi il giovanissimo Diego De Girolamo, diciottenne promessa dello Sheffield. Mentre in uscita si registra l'interessamento del Bologna per Abdisalam Ibrahim, centrocamopista Norvegese classe 92 appena rientrato dal prestito al Strømsgodset.

Capitolo Lescott: a quanto è dato sapere Pellegrini avrebbe bloccato l'operazione che stava per portare il difensore inglese proprio ad Upton Park. Lescott tuttavia, preoccupato del fatto che lo scarso impiego possa costargli la nazionale, sarebbe intenzionato a forzare la mano con la società perchè gli permetta di accasarsi a Londra o, meglio ancora, in Turchia, sponda Besiktas, dove lo aspettano a braccia aperte.  

L'ultima per quanto riguarda la telenovela porta: il nuovo obiettivo del mister cileno sarebbe tale Jeronimo Rulli, portiere dell'Estudiantes della Plata e grande promessa del calcio argentino.



18.1.14

EPL 22 - City 4-2 Cardiff


City: Hart, Zabaleta, Kolarov, Demichelis, Kompany, Garcia, Yaya Toure, Navas (Clichy 82) , Silva (Milner 80), Dzeko, Negredo (Aguero 62)
Cardiff: Marshall, Theophile-Catherine, McNaughton (John 68), Caulker, Turner, Noone, Gunnarsson (Eikrem 78), Medel, Mutch, Whittingham (Bellamy 68), Campbell 
Reti: Dzeko 14, Noone 29, Navas 33, Yaya Toure 77, Aguero 79, Campbell 90+2
Arbitro: Neil Swarbrick
Stadio: Etihad Stadium
Spettator: 47.213

Spazzato via anche il Cardiff. 103 reti segnate in questa stagione. La marcia continua. A presto per il commento.

 

17.1.14

The Citizens versus the The Bluebirds


Manchester City v Cardiff City
Data: 18.1.2014
Ora italiana: 16
Stadio: The Etihad

Per rispetto dei tifosi del Cardiff, preferisco mettere il loro stemma vero al posto di quell'autentica idiozia del nuovo logo, ad immagine e somiglianza dell'idiota che hanno la sventura di avere come proprietario. Tutta la mia solidarietà al popolo biancoblu.
Noi siamo a 99 reti stagionali: segneremo domani il numero 100 (prima della fine di gennaio)? E, nel caso, chi avrà l'onore?
Avanti con i pronostici, ragazzi della Prediction! Scusate ma sono giornate piene e non riusciamo a fare di meglio. Ci faremo perdonare, un abbraccio!


16.1.14

City 5-0 Blackburn

 
City: Pantilimon, Richards (Huws 77), Clichy, Lescott, Nastasic, Garcia, Fernandinho (Kolarov 46), Milner, Navas, Negredo (Aguero 72), Dzeko
Blackburn: Robinson (Eastwood 46), Spurr, Henley, Kilgallon, Hanley, Lowe, Marshall, Cairney, Taylor, Williamson (Mahoney 89), Campbell (King 60)
Reti: Negredo 45,47, Dzeko 67,79, Aguero 73
Arbitro: Craig Pawson
Stadio: Etihad Stadium
Spettatori: 35.000
 
Il City ha travolto i Rovers ed accede al quarto turno di FA Cup. Il sorteggio ci è stato favorevole: il 25 gennaio il Watford ci farà visita all'Etihad. Ieri è stato il giorno del rientro del Kun che ha impiegato un minuto dal suo ingresso in campo per andare a segno. Sempre Sia Lodato!

15.1.14

See you later


John Guidetti debutterà probabilmente sabato prossimo con la maglia dello Stoke City. L'attaccante svedese di proprietà del City si trasferirà al Britannia Stadium in prestito fino al 30 giugno. Little John aveva stupito l'Europa durante il precedente prestito al Feyenoord, segnando 20 goal in 23 partite  nella stagione 2001-12. Poi un infortunio lunghissimo lo ha tenuto lontano dal campo di gioco.
 
Queste le prime parole di Guidetti: "Vengo da un periodo frustrante e difficile che finalmente è finito. Per me è una grande occasione per ricominciare a giocare, a segnare e a divertirmi."
 
Vedremo cosa riuscirà a fare in questa nuova avventura. In bocca al lupo John! E in bocca al lupo ai nostri ragazzi che questa sera scenderanno in campo all'Etihad per il replay di FA Cup contro il Blackburn
 
 

FA Cup 3rd Round: Blackburn Rovers preview



Manchester City FC v Blackburn Rovers
Data: 15.1.2014
Ora italiana: 21.10
Arbitro: Craig Pawson

 
 

13.1.14

Otto settimane per Samir


Come anticipato dal caro Tirzan ("Tototinti") Samir Nasri starà fuori otto settimane dopo l'intervento killer del simpaticissimo Yanga Mbiwa. Lo ha confermato lo stesso Samir in un twit.


S'era capita subito la gravità dell'infortunio ma fortunatamente i tempi di recupero sono molto più brevi del temuto (si era ventilata un'ipotesi di 6-9 mesi).
La cosa bizzarra è che al termine della partita il manager bianconero Alan Pardew ha pianto lacrime sui danni prodotti dall'arbitro a loro sfavore, dimenticandosi che l'annullamento del goal di Tiote è stato sacrosanto e che il direttore di gara aveva probabilmente lasciato a casa il cartellino rosso, altrimenti lo avrebbe sventolato sotto il naso del loro killer, producendo un minimo di 72 giornate di squalifica.
A questo punto dovrei scrivere che Stevan Jovetic potrebbe in qualche modo coprire l'assenza del Marsigliese ma stasera non sono in vena di raccontare barzellette.




12.1.14

EPL 21 - Newcastle 0-2 City


Newcastle Utd: Krul, Yanga Mbiwa (Haidara 82), Santon, Tiote, Williamson, Taylor, Sissoko, Anita (Cisse 73), Remy, Cabaye, Gouffran (Ben Arfa 82).
City: Hart, Zabaleta, Kompany, Demichelis, Kolarov, Fernandihno, Yaya Toure (Javi Garcia 61), Nasri (Milner 79), Silva, Negredo, Dzeko (Navas 52).
Reti: Dzeko 8, Negredo 96
Arbitro: M. Jones
Stadio: St. James' Park
Spettatori: 49.423

Il City espugna il St. James' Park come nell'anno del titolo (2-0, goal di Dzeko e di Alvarone) e coglie una vittoria fondamentale ai danni di una signora squadra in un ambiente non precisamente amichevole.  Questa partita è molto significativa perchè ci riporta in testa e segna la maturazione definitiva della squadra in trasferta: non abbiamo preso goal, abbiamo sofferto ed abbiamo portato a casa i tre punti come le grandi squadre. Il goal della Bestia al minuto 96 è il goal numero 94 della stagione, tenendo conto di tutte le competizioni.
Purtroppo dobbiamo anche segnalare gli infortuni di Yaya (lieve) e quello di Samir Nasri, probabilmente grave; il marsigliese è uscito in barella a dieci minuti dalla fine e le smorfie di dolore non intraviste in televisione non promettono nulla di buono.
In ogni caso, grande City, grande.


11.1.14

The Magpies versus The Citizens



Newcastle United v Manchester City FC
Data: 12.1.2014
Ora italiana: 14.05
Arbitro: Mike Jones

Domani andiamo a Newcastle per una trasferta insidiosa. Il nostro ruolino di marcia impressionante, valso il premio di allenatore del mese di Dicembre a Manuel Pellegrini, sarà messo alla prova contro una squadra reduce da due sconfitte consecutive e desideroso di rifarsi al più presto. La buona notizia è che Yaya Tourè, fresco di nomina di miglior giocatore africano per il terzo anno di fila, sarà tra i convocati nonostante il fastidio alla gamba accusato in settimana. Stando alle ultime notizie dall'infermeria anche Micah Richards e Martin Demichelis tornano a disposizione dell'allenatore. Rimangono ai box i lungodegenti Rodwell e Jovetic.



Cioccio esulta: dalla Francia rimbalzano voci secondo le quali il City avrebbe presentato un'offerta di 45 milioni di euro (quarantacinque, avete letto bene) per Eliaquim Mangala, roccioso giocatore del Porto, di nazionalità francese, in grado di giocare sia a centrocampo che in difesa (un po' come Kompany ai tempi dell'Amburgo). Il West ham intanto prova a convincere Lescott a cambiare maglia offrendogli 90000 sterline a settimana di ingaggio. A quanto pare il difensore inglese sarebbe restio ad accettare perchè attende una chiamata dal Tottenham, opzione ritenuta più allettante. Sirene spagnole anche per Costel Pantilimon: Il portiere rumeno avrebbe suscitato l'interesse del Betis Siviglia, pronto ad un'offerta.




"Sto facendo bene quello che devo fare e ne sono molto felice. E' stata dura perché avevo avversari molto forti. Obi Mikel ha fatto bene e Drogba altrettanto. Sono stato fortunato e mi sento molto orgoglioso". Tanto di cappello: Yaya Tourè per il terzo anno di fila viene nominato miglior giocatore africano. Il nostro fenomeno quest'anno ha battuto Didier Drogba e John Obi Mikel, arrivati in seconda e terza posizione. Congratulazioni Yaya!

A domani Citizens, e vai con la prediction...

 

9.1.14

City 6-0 West Ham




Manchester City: Pantilimon, Zabaleta, Clichy, Lescott, Kompany, Garcia, Yaya Toure (Demichelis 66), Nasri, Silva (Lopes 73), Negredo (Kolarov 79), Dzeko
West Ham United: Adrian, McCartney, Maiga (C Cole 46), O'Brien (Rat 75), Johnson, Diame, Demel, Noble (Diarra 57), Taylor, J Cole, Downing
Marcatori: Negredo 12, 26, 50, Yaya Toure 40, Dzeko 60, 89
Stadio: Etihad
Arbitro: Jon Moss
Spettatori: 40,000

Finale di Capital One Cup ad un passo dopo il set vinto ieri 6-0 contro gli Hammers. Purtroppo nell'altra semifinale le cose non stanno andando come avremmo voluto, invece, perchè i cugini non sono riusciti a fare il miracolo di reggere l'urto del Sunderland, e conoscendo il rendimento casalingo dei Red Devils (ihihihih) il timore è che la finale la si debba giocare con i Black Cats.  A presto Citizens!


6.1.14

Replay


di Cioccio
  
Ritmi da moviola per Citizens che hanno pareggiato 1-1 a Blackburn nel terzo turno di FA Cup. Non siamo riusciti ad espugnare Ewood Park e quindi saremo costretti a disputare, questa volta all'Etihad,  il Replay contro i Rovers il 15 gennaio. Se dovessimo battere il Blackburn, al prossimo turno troveremo il Bristol City o il Watford. L'urna non è stata così avversa al City, speriamo di riuscire ad approfittare del sorteggio favorevole.

I nostri ragazzi non hanno giocato al solito ritmo e di cuore in campo ne hanno messo davvero poco. Evidentemente non avevano letto la preview di Dario (se non lo avete già fatto leggetela, è un pezzo di storia del City) altrimenti avrebbero giocato con ben altre motivazioni :-) Per alcuni giocatori si è sicuramente fatta sentire la stanchezza. Negredo e Fernandinho, stanno giocando quasi sempre e in questo periodo scendiamo in campo ogni 3 giorni. Altri invece non si sono dimostrati all'altezza. Boyata è stato disastroso: spesso in difficoltà in fase difensiva, inesistente in quella offensiva, si è anche fatto cacciare commettendo un fallo inutile che gli è costato il secondo cartellino giallo. Pantilimon ha pesanti responsabilità sul goal del pareggio che ci costringerà a giocare una partita in più ia gennaio, un mese con un calendario già affollato, dopo le fatiche di dicembre che ci hanno visto scendere in campo 9 volte.

Anche se Dario (setteblu) e Matteo (Noodles) mi prendono in giro, io continuo a dire che abbiamo un problema a centrocampo. Fernaninho è stato un grande acquisto, pagato anche poco visto il suo rendimento :-) ,  e Yaya non si discute.  Quando però i nostri 2 titolari in mezzo al campo devono rifiatare, Javi Garcia non si dimostra all'altezza e Rodwell non è mai pronto. Lo spagnolo quando gioca a centrocampo è meglio di quando viene schierato in difesa: riesce ad essere anonimo e non disastroso. Rodwell anche ieri non era disponibile, deve essere stato fatale per lui il gravoso impegno di Swansea che lo ha visto giocare per ben 150 secondi. E' vero, c'è anche Milner ma Manuel lo ha sempre schierato solo da esterno; evidentemente non lo vede di buon grado in mezzo al campo.  

Quello di sabato è stato un brutto passo falso ma non si può sempre vincere. Meglio aver sbagliato in coppa, dove c'è la possibilità di rifarsi, che in campionato. Adesso dobbiamo superare il West Ham per accedere alla finale di Coppa di Lega, dove ci attenderebbero probabilmete i cugini di campagna, superare il Newcastle in Premier League e rimediare al passo falso di Blackburn in FA Cup. La storia ci attende!

5.1.14

Blackburn City1-1


Blackburn: Paul Robinson, Adam Henley, Scott Dann, Grant Hanley, Tommy Spurr, Tom Cairney, Jason Lowe, Lee Williamson, Chris Taylor, Ben Marshall, Rudy Gestede, Joshua King (64'), DJCampbel (81') Jordan Rhodes (80')
City: Costel Pantilimon, Dedryck Boyata, Joleon Lescott, MatijaNastasic, Gael Clichy, James Milner, Luis Fernandinho, Francisco Javi Garcia, David Silva, AlvaroNegredo, Edin Dzeko, Pablo Zabaleta (88'), Gonzalez Jesus Navas (74'), Yaya Toure (64')
Reti: Alvaro Negredo 45', Scott Dann 55'
Arbitro: Michael Oliver
Stadio: Ewood Park
Spettatori 16,000