23.2.15

Gioia per gli occhi




Facile che il Newcastle sia arrivato a Manchester con più di qualche speranza, viste le recenti, imbarazzanti prestazioni casalinghe del City contro Middlesbrough e Hull. Ma come spesso accade in questo campionato schizofrenico i nostri beniamini hanno cambiato decisamente registro e hanno letteralmente spazzato via i nostri malcapitati avversari. Dzeko, complice un lieve infortunio di James Milner (che dovrebbe comunque essere disponibile per la sfida col Barcellona) ha avuto finalmente una chance da titolare e direi che l'ha sfruttata alla grande, procurandosi il rigore dopo pochi secondi dall'inizio, proponendo sempre soluzioni di gioco ai compagni, realizzando un gol splendido. Insomma giocando una partita sontuosa come non ne vedevamo da tempo.

La situazione è positiva ad Etihad in vista della sfida con Barcellona: il morale è alto, dopo la convincente vittoria di ieri. I punti di distacco dal Chelsea in Premier sono scesi a 5 dopo il pareggio dei blues di Londra e l'ennesimo show di Mourinho. Anche la differenza reti è stata un minimo aggiustata: grazie ai 5 gol segnati ai Magpies ora siamo solo a -3 da Fabregas e compagni. E i nostri prossimi avversari sono stati battuti in casa dal Malaga dopo 11 vittorie consecutive...

Tengono banco invece le situazioni calde dei nostri "uomini mercato": anche se non se ne parla da qualche giorno, è chiaro il lavoro sotto traccia della società per convincere James Milner a firmare un rinnovo che saprebbe di grande colpo, visto il rendimento del nazionale inglese. Pellegrini lo sta facendo giocare con continuità da qualche mese e anche questo potrebbe essere un segnale importante per dimostrare al giocatore la sua importanza per la squadra. Personalmente l'ho sempre considerato un signor giocatore: professionale, discreto, bravo tecnicamente ed estremamente duttile, capace di correre per quattro. E' il sogno di ogni allenatore che si rispetti, il jolly buono in ogni occasione, e lascarlo andare via gratis sarebbe gravissimo.

Discorso un po' più complesso merita invece il nostro campionissimo in campo, Yaya Tourè. Dico in campo perchè che sia forte là in mezzo nessuno lo può negare, mentre che lo sia al di fuori se ne potrebbe discutere a lungo. Sentite le dichiarazioni del suo agente, Dimitri Seluk, a proposito dell'interesse dell'Inter, notizia di cui avevo accennato sabato: "Lo sceicco Mansour non venderà Yaya, nemmeno per 250 milioni di sterline - ha affermato Seluk al 'Sunday Mirror' - Sono certo che a Mancini piacerebbe avere Yaya all'Inter, ma in verità ogni manager del mondo vorrebbe lavorare con lui. Mourinho lo apprezzerebbe al Chelsea e Ancelotti al Real. Ma non credo che Yaya lascerà il City. Anche se Pellegrini dovesse volersi privare di lui, lo Sceicco e il Presidente non lo permetterebbero. E' il giocatore più importante. Il City ha grandi giocatori, ma Aguero fa i gol grazie a Yaya e David Silva gioca bene quando ha accanto Yaya. Organizza l'intera squadra e consente il controllo della partita. Il Barcellona ha Messi e il Real Ronaldo. Il City ha Yaya Touré". A sentire lui anche Touré vorrebbe restare al Man City: "Yaya ama il Manchester City e, nonostante ciò che a volte si dice, è felice al club. In realtà vorrebbe restare per tutta la vita. Per lui non ci sarebbe niente di meglio che finire la sua carriera con il City e poi lavorare per la società. Ecco perché voglio che il City dia un nuovo contratto a Yaya, per dimostrargli che è parte del futuro. Non c'entrano i soldi, si tratta di tenere in squadra Yaya fino a quando smetterà di giocare. Dopo il ritiro potrà avere un ruolo esecutivo, forse da direttore sportivo".

Perfetto, verrebbe da dire, peccato che il nostro allenatore non sia stato altrettanto perentorio: "Non so cosa potrebbe accadere in futuro - ha detto - Posso dire che l'Inter è un club con un grande appeal ed è in grado di attirare giocatori di questo livello. Non so, però, se a lui piacerebbe giocare in un altro campionato dopo essere stato nelle leghe più importanti del mondo. Lui è felice qui con noi e non vuole andare via".

Ragazzi è vero che la squadra cambia con lui in campo, vedi questo ultimo mese mentre giocava la Coppa D'Africa, ma è vero anche che è impossibile dimenticare i capricci della scorsa estate. Penso che con un contratto simile e con l'età che ha, se arrivasse davvero un'offerta congrua, si potrebbe fare un grosso affare.






2 commenti:

Lloyd ha detto...

Io penso che per una squadra come il City, che punta a vincere tutto nei prossimi anni, tenere un giocatore, anche nella dirigenza, di tale esperienza sia necessario.

A quasi 32 anni, non credo che abbia un cartellino che valga più di 20mln, nonostante il giocatore effettivamente ne valga un centinaio al momento, e non credo che arriverà un offerta molto alta per lui(sopratutto dall' Inter).

Suggestivo sarebbe un centrocampo composto da Pogba e Yaya!
Se le parole dell'agente fossero vere, io mi riterrei molto contento!

Emanuele ha detto...

Comunque io spero che bony non sia quello che sbagliata solo davanti al portiere..