5.5.16

Staccate la spina




L'agonia non è ancora terminata, ma quasi. Comunque vada in campionato, la cosa positiva è che questo strazio è ai titoli di coda, così come terminate sono le carriere al City di molti giocatori dell'attuale rosa, visto che Guardiola probabilmente porterà diversi cambiamenti, se non una vera e propria rivoluzione.

Ieri la squadra è stata schierata per arrivare ai rigori, ha subito il gol del vantaggio del Real in maniera abbastanza casuale perchè il Real sta messo peggio di noi, e ha continuato a giocare come se dovesse arrivare ai rigori. Non un cambio di marcia, non un tentativo di dare una scossa, nemmeno la finta di scambiare il trequartista di sinistra con quello di destra, così, tanto per fare finta che abbiamo un allenatore. 

Ha ragione Setteblu, le squadre vincenti partono dalla società, ma questo non toglie che un allenatore possa cambiare una squadra, trasmetterle uno spirito vincente, ESSERE DECISIVO. Simeone ha plasmato il suo gruppo, gli ha trasmesso la sua grinta, la sua rabbia, la sua furbizia ai limiti dell'anticalcio. Può piacere e può non piacere, non discuto, ma l'Atletico ha un'anima, ti costringe a giocare alla sua maniera e se vuoi batterlo devi passare sul suo cadavere. Ed è lì da tre anni a lottare contro due giganti del calcio moderno, quali sono il Barcelona di Messi e il Real Madrid di Cristiano Ronaldo.

Noi ci giochiamo il quarto posto in campionato a TREDICI punti dal Leicester. Senza nulla togliere a mister Ranieri al quale vanno i nostri sinceri complimenti. La partita di ieri è la dimostrazione pratica di come possa giocare una squadra di figurine assemblate a casaccio contro un'altra squadra di figurine assemblate a casaccio. I rispettivi allenatori avrebbero potuto giocarsela così, figurina dopo figurina, come facevamo a scuola 30 anni fa.

Avrebbe comunque vinto il Real perchè tra le sue figurine ne ha un paio davvero rare, se non irripetibili. Noi invece abbiamo Tourè. Grazie Yaya, sinceramente e senza polemica, per tutto quello che hai fatto per la squadra e per le tante gioie che ci hai regalato, ma non roviniamo tutto così. Prendiamo una decisione: lasciamoci col ricordo delle tue punizioni magistrali e le tue sgroppate devastanti, piuttosto che con i capricci con la società o le prestazioni come quella di ieri, che fanno ridere perfino Cravero.

Capite? Cravero! Il calcio di punizione di De Bruyne all'84 minuto se lo batti a quel modo al calcetto del giovedi sera gli amici ti sputano in un occhio, e ce lo deve dire Cravero? Ma vi immaginate Simeone o Conte dopo una punizione del genere al minuto 84 di una semifinale di Champions League in cui sei sotto di un gol? No, meglio non immaginarli...

"Sono stati molto fortunati loro e molto sfortunati noi: hanno trovato la rete e noi no". Questa è l'analisi del nostro allenatore dopo la sfida di ieri. Ora purtroppo dobbiamo giocarci ancora due partite decisive in campionato, perchè potremmo arrivare terzi ma potremmo perfino non giocare la Champions. Speriamo di avere fortuna.



5 commenti:

Lloyd ha detto...

Un plauso a Fernandinho é dovuto... Ottimo giocatore, spero venga riconfermato. Ieri come spesso accade è stato trascinatore, motivatore e le poche azioni lontanamente pericolose sono partite da lui.
Per il resto, no comment.

Luca G ha detto...

Una squadra imbarazzante.....speriamo che finisca presto questa stagione e che lo united non vinca le sue 3 partite perché non vedo come possiamo battere i gunners domenica per assicurarci il 3 o 4 posto in premier

Citizen 89 ha detto...

Sottoscrivo ogni singola parola dell'articolo, punteggiatura compresa! Questo è esattamente il mio pensiero.

Vergognose le dichiarazioni di Pellegrini, ma quale sfortuna???? La fortuna bisogna anche cercarsela e noi non l'abbiamo proprio fatto!!!!

Marco D. ha detto...

Come si può non condividere ogni cosa, sulle non qualità della squadra attuale, sulla incapacità del mister di gestire le proprie forze, sulle qualità sportive (ormai passate) e non umane del signor Touré.
Fa davvero sorridere la vittoria del Leicester quest'anno (peraltro meritatissima), fa pensare invece che la crescita in termine di presenza nei posti alti della Premier e poi anche della Champions della nostra squadra, coincida con una involuzione del nostro blog.
Io credo che Guardiola sia necessario oltre che per dare una fisionomia al Manchester City come squadra, anche per riportare entusiasmo, credibilità, forse anche moralità a tutto l'ambiente, dalla dirigenza ai giocatori, e poi a caduta sui propri tifosi.
Sogno di vedere un City che comunichi un idea di gioco, più spettacolare possibile ovviamente, ma in ogni caso sua. Non più un brillare di luce riflessa dai singoli, o dalla pochezza degli avversari.
Ora più che mai forza City.
Pellegrini, grazie per i tuoi modi, portaci almeno al 4. posto, almeno questo ce lo devi.

Noodles ha detto...

10 con lode all'articolo. Complimenti.